Pensare meglio

ר֧וּחַ חׇכְמָ֣ה וּבִינָ֗ה ר֤וּחַ עֵצָה֙ וּגְבוּרָ֔ה ר֥וּחַ דַּ֖עַתחֲנֹךְ לַנַּעַר, עַל-פִּי דַרְכּוֹ גַּם כִּי-יַזְקִין, לֹא-יָסוּר מִמֶּנָּה.
Sommario

pensiero

Piccolo sforzo mentale per un grande guadagno

Inquadra ovunque e in qualsiasi momento

cambiare chi sei

Buona abitudine

Una parola è un contratto tra noi

Un “talento” su cui investire tempo

Impara dalla pratica e non dalle formule

Laszlo dimostra che siamo tutti nati uguali

Nessun feedback, nessun apprendimento

“Pulse” rispetto allo scienziato che migliora gli studi di fisica

Qualche titolo per la sezione più importante qui

I dividendi sono buoni

Educazione ebraica

I buoni insegnanti portano buoni insegnanti

Come viene prodotto il Meir Har Zion?

Seconda intelligenza: migliorare il pensiero stesso

Seconda lingua, terza intelligenza

Come mai tutti hanno l’ADHD

io io io

ragazzi e ragazze

Educare che andare avanti è un valore

insegnare il processo decisionale

Interesse composto

Studia il video, non voglio essere un pappagallo!

Un metodo per apprendere metodi

Parte X

Persone che parlano di persone che parlano di idee

studiare da solo

L’analisi porta moralità?

fare il primo passo

combattere la gelosia

Le azioni valgono più di mille parole

Impara a dare e ricevere feedback onesti

La gentilezza porta bellezza

La vera indipendenza è la libertà

Forma difficoltà nell’uscirne

Non sapevano rivelare il contrario

Lascia il sintomo

Cosa è importante che i genitori sappiano?

Giardini

Alla gente piace di più stare con gli amici

Un’università promuove follemente la società

Ho letto e imparato

pensiero astratto

Il lungo termine di solito batte il breve termine

Leggere e ascoltare libri

I ricchi leggono libri

Perché è importante per te e i tuoi figli leggere libri di narrativa e biografie

Come ascoltare libri e dove acquistare libri

Perché i libri sono così importanti per noi?

La calunnia è cattiva

pregiudizi mentali

Il nostro cervello lavora su di noi

pregiudizio della “gelosia”.

Pregiudizio “sono cresciuto così”.

pregiudizio “stadio”.

pregiudizio alla “proprietà”.

pregiudizio “incentivi e rinforzi rispetto alla discrezione”.

pregiudizio dell'”uomo con il martello”.

Il pregiudizio della “complicazione invece della semplificazione”.

pregiudizio alla “negazione”.

pregiudizio “scelta laterale”.

bias dell'”attività di formazione delle opinioni”.

pregiudizio “associativo”.

pregiudizio di “reciprocità e vendetta”.

pregiudizio “fai come previsto”.

Il pregiudizio “coerenza e impegno”.

pregiudizio del “confronto”.

pregiudizio dell'”autorità”.

Pregiudizio della “dipendenza chimica”.

pregiudizio di omissione

Pregiudizio della “mente non matematica”.

Bias “Disponibilità e chiarezza delle informazioni”.

pregiudizio alla “pressione”.

Fisica

L’universo è finito

Il Big Bang e le ipotesi su quando avverrà il prossimo Bang

Il tempo è discreto

Una spiegazione per la limitazione della velocità della luce

Vita extraterrestre

Elenco infinito per le scuole

Piccolo sforzo mentale per un grande guadagno

trarre profitto dal pensiero

Ognuno ha una realtà diversa che è costruita a partire dal suo modo di pensare. Il mio obiettivo è darti strumenti che miglioreranno il tuo pensiero e con esso la tua realtà.

L’educazione al duro lavoro non dà nulla a nessuno, di solito porta al risultato opposto. La giusta educazione è ricercare un piccolo sforzo per un grande profitto. Una delle cose belle dell’istruzione è che ci sono piccoli trucchi che possiamo usare su noi stessi e sui bambini per ottenere questo enorme profitto. Uno di questi è la comprensione che il piacere derivante dal desiderio è maggiore del piacere quando si ottiene qualcosa, cioè bisogna sempre lottare per qualcosa, questo piacere è quello che ci spinge continuamente e ci dà significato.

Vuoi migliorare il tuo pensiero con un piccolo sforzo?

Molto semplice, smetti di saltare da un posto all’altro con la tua attenzione.

Conosci quelle persone che si concentrano come matti e hai davvero bisogno di svegliarle?

La loro attenzione non è diretta a molti luoghi, ma si concentrano su un unico luogo.

Sono così. Saltare da un luogo mentale all’altro è molto costoso e spreca il tuo “profitto” e crea confusione.

Il nostro cervello è costruito in modo tale da permetterci di concentrarci su una cosa alla volta, e quando passiamo da una cosa all’altra ci vuole tempo per tornare indietro. Il mondo moderno è pieno di mille distrazioni e tentazioni, ma i grandi vincitori sono coloro che sanno concentrarsi. L’attenzione e la concentrazione sono adatte per natura all’uomo in termini di evoluzione, del resto non c’erano mille distrazioni e messaggi di testo e video. La nostra attenzione era spesso concentrata su una cosa. Ciò ha un enorme impatto sulla nostra bella vita, il cervello ci premia quando prestiamo attenzione e ci impegniamo nel presente. L’attenzione è in realtà una forma di amore.

I nostri figli vogliono la nostra attenzione, così anche i nostri amici e il resto delle nostre relazioni. Cioè, saper prestare attenzione non solo migliora il pensiero, ma anche le nostre relazioni, che sono una pietra angolare di una buona vita.

Un manager leggendario e preferibilmente un ingegnere

L’educazione al pensiero corretto inizia a scuola. L’istruzione ci riflette come saremo tra dieci anni o più.

Per andare avanti, i sistemi educativi devono migliorare costantemente, non congelarsi, provare cose nuove, misurare il successo e migliorare continuamente. Pertanto, nel Ministero dell’Istruzione, come nel Ministero della Salute e in altri ministeri governativi, è necessario tenere costantemente progetti pilota, provare nuovi metodi e, se hanno successo, espanderli.

Ciò che manca a tutti nel sistema educativo israeliano è l’importanza di un manager “leggendario” per il sistema educativo, maschio o femmina, che deve prima di tutto avere la formazione di un ingegnere analitico con un background pedagogico e non viceversa.

Ogni azione educativa ha bisogno di feedback, con l’aiuto del quale è possibile trovare modi per ottimizzare ciò che abbiamo fatto o annullarlo.

I problemi nel sistema educativo non sono il basso stipendio degli insegnanti o il loro numero esiguo, ma la struttura del sistema, la mancanza di gestione, controllo e creatività che attrae personale non sufficientemente qualificato. La soluzione è una forte gestione centralizzata da parte di un manager e una rivoluzione nell’intero sistema educativo: ridurre le materie, instillare valori, creare persone. L’importante è migliorare la capacità di pensiero degli studenti e non imparare a memorizzare.

Non ci sono dati su Israele, ma è una buona scommessa supporre che siamo come gli Stati Uniti dove l’intelligenza media sta diminuendo, la ragione più probabile è la mancanza di lettura da parte della nuova generazione a causa dei social network e dei video insensati che abbiamo sono inondati, secondo questo studio l’intelligence negli USA sta diminuendo.

Inquadra ovunque e in qualsiasi momento

Cos’è una cornice?

Il “quadro” è il modo in cui il nostro cervello ricorda idee e processi, è un modello mentale che il cervello crea per capire cosa vede e come reagire. Pensa a un frame come ai blocchi di pensiero, puoi crearne di nuovi, costruire torri, distruggere torri, tutto è costruito da frame che quasi tutti includono frame nel contenuto.

Riguarda il modo in cui costruiamo la nostra comprensione individuale, la nostra realtà basata sulle nostre esperienze, credenze, valori, conoscenza e cultura. La nostra realtà non è un fotogramma, ma probabilmente è composta da milioni di piccoli fotogrammi. Un telaio che abbiamo utilizzato di recente è più facile da estrarre.

È importante ricordare che, sebbene la struttura della nostra realtà possa guidarci, è solo una rappresentazione del mondo e non un riflesso accurato della realtà oggettiva. “L’aria calda sale” è uno stato d’animo che dipende da un altro schema di cosa è “aria” e cosa “sale”.

Il fotogramma più vicino

In ogni campo ci sono modelli nel nostro cervello, modelli pronti ad affrontare rapidamente situazioni simili, che definiscono la realtà. Esistono molti modelli simili per una rapida comprensione di ciò che vedi. Ad esempio, vedi qualcuno davanti a te che sorride e ti senti subito meno minacciato, questo è uno stato d’animo importante.

Ecco perché ogni persona ricorda la realtà in modo diverso, perché i fotogrammi che esistono per lui sono diversi dagli altri, e noi identifichiamo la realtà con i fotogrammi esistenti o ne creiamo di nuovi.

cornice in molte aree

C’è un enorme vantaggio per chi inquadra in tanti campi.

La maggior parte delle persone inquadra da un’area centrale.

Proprio come un giocatore di football ottiene un vantaggio se prima ha giocato a basket, aiuta a vedere meglio chi lo circonda.

Le strutture del mondo dell’azione e del mondo dello spirito si adattano meglio l’una all’altra.

Il modo migliore è semplicemente occuparsi di molte aree che ti interessano, è così che impari molti quadri della realtà. Mi è sempre piaciuto dedicarmi più o meno alla ricerca, è così che ho fondato diverse società. Mi piacevano la Bibbia, la musica, la psicologia, il calcio, il poker, la matematica, la fisica e l’economia. Da lì ho incorniciato molte cose che di solito “trasferisco” dall’una all’altra.

Una persona intelligente è quella che tira fuori velocemente dei veri frame da qualsiasi campo

La capacità di estrarre, adattare e produrre montature adatte è in realtà saggezza.

La capacità di produrre nuovi telai si basa ovviamente sui telai esistenti.

I telai esistenti sono stati acquisiti nel tempo, quindi le persone non nascono con i telai ma li realizzano, come tutto ciò che richiede abilità, realizzare telai richiede anche formazione.

Una conclusione importante qui è che non si nasce intelligenti, ma si acquisisce questa capacità attraverso l’allenamento.

Ovviamente c’è anche un elemento genetico, ma la formazione è molto più importante.

Dov’è il profitto nell’inquadratura?

Equivale alla domanda: dov’è il profitto in termini di saggezza? L’inquadratura dà una migliore comprensione della realtà e la capacità di anticipare il futuro meglio degli altri, questo è un enorme vantaggio di guadagno materiale e immateriale. Diciamo che ho inquadrato che il casinò statisticamente guadagna sulle persone, da qui è già possibile inquadrare che non vale la pena giocare per i soldi, ma solo per il divertimento. Solo un piccolo esempio del vantaggio del corniciaio. Il profitto meno atteso dai frame è esercitarsi a trasferire frame da un campo all’altro. Il profitto quando si hanno milioni di frame sta nel recuperarli rapidamente, nel trasferirli e nell’aggiornarli. L’aggiornamento, la cancellazione e la produzione avvengono tramite feedback e questo è un punto critico, a volte i frame devono essere cancellati, soprattutto quelli con cui siamo cresciuti. Ad esempio “il denaro è fatto da persone intelligenti”, cancellatelo e inquadratelo come “il denaro è fatto da persone che si sono formate per guadagnare”.

Supponiamo di avere un quadro “psicologico” secondo cui alle persone non piace disobbedire alle istruzioni. Vuoi pubblicizzare la tua azienda, quindi nell’annuncio darai un’istruzione “Vai subito sul sito e acquista.” Naturalmente è importante ottenere un feedback se ha funzionato, perché è un quadro affidabile. Il nostro mondo è connesso e simile in molti campi, quindi l’enorme profitto sta nel trasferire le strutture da un campo all’altro. Abbiamo fondato Plus500 e guadagnato un sacco di soldi seguendo un quadro matematico che avevo in testa e lo abbiamo portato nel campo della finanza. Naturalmente, per costruire Plus500 sono stati necessari migliaia di piccoli framework, diversi per ciascun fondatore. Uno dei principi era quello di “copiare e migliorare le aziende di successo”. Un altro quadro era quello di “copiare solo l’essenziale”, quindi non c’è bisogno di un progetto enorme e senza fine. Prendi Google come esempio, non ha copiato tutto Yahoo, solo la “casella di ricerca”.

Come accumulare frame?

Non esiste una soluzione magica qui, secondo la mia esperienza per accumulare frame è necessario pensare a cose, leggere, imparare una seconda lingua nonché praticare matematica, fisica e scienze dove esistono frame molto affidabili che non richiedono feedback. Nell’attività ci sono schemi che sono quasi impossibili da apprendere sui libri e sono schemi della vita reale, come ad esempio “quando si avvia un’azienda tutti vanno molto d’accordo, ma cambia nel tempo”, questo è solo un esempio di quadro che può essere ottenuto solo dall’attività reale.

Una seconda lingua produce frame perché ci sono parole che rappresentano un frame che non esiste nella tua lingua principale, come “ottimizzare” in inglese. Anche un linguaggio di programmazione, ad esempio, perché ha framework.

Ecco perché è molto più intelligente inquadrare e non memorizzare, l’idea è ciò che è importante.

L’importanza della scienza in contesti reali

Il vantaggio più grande si ottiene quando si ottiene un quadro reale, e ciò ovviamente accade nel campo delle scienze, così come nei libri teorici e nei giornali che scrivono storie vere. Il commento può essere ignorato. Il pericolo è accettare frame irreali, ad esempio numeri immaginari, Internet, YouTube o pensieri infondati. Ecco perché cerco sempre di inquadrare da fonti affidabili e di effettuare controlli incrociati con ciò che so.

La migliore formazione per i telaisti

Questa è la sezione più importante dei frame perché migliorerà il tuo modo di pensare. È davvero banale, ma se non hai preso niente, prendi almeno questo. Il modo in cui pratico nei framework è semplicemente pensare alle cose. Sì, semplicemente pensando agli eventi, ai casi, ai sentimenti, alla natura, al profitto e chiedendosi “perché?” è così che sono arrivato all’idea dei “quadri” e del “libero pensiero”.

Quindi la prossima volta che salirai sull’autobus e metterai la testa sul finestrino, praticando a Lemsgar, spero che ti ricorderai che è così che lo faccio anche quando non sono sull’autobus.

cambiare chi sei

Un giorno, mentre stavo passeggiando con gli amici a Eilat, mi è venuta in mente una frase di una canzone sull’amico cantante tra noi “Non è facile cambiare chi sei, non è facile essere una rock star”, era in una sezione divertente su di lui, perché era ben lungi dall’essere una rock star. Ha composto questa canzone, ed è eccellente comunque, ma mi sono reso conto che è davvero difficile cambiare chi sei oggi. Dopo il periodo di “lavoro”, il cambiamento è stato graduale e molto lento, ma era dovuto al fatto che volevo stare vicino alla natura e all’abitudine di camminare nella natura. E così lo ha potenziato.

Le abitudini definiscono chi sei, quindi quando voglio cambiare qualcosa, penso al motivo per cui vorrei cambiare e non penso a un obiettivo che non ha nulla a che fare con me. È meglio pensare a cambiare azienda o se stessi e non solo all’obiettivo di “guadagnare soldi”. Miglioramento continuo con il metodo, quindi buon divertimento. Ed è proprio questo l’anello mancante verso il successo che finora non sapevo definire.

Per guadagnare, e qualunque cosa accada, non basta un piano, un’ambizione o un’idea, devi costruire abitudini per l’obiettivo, e io ho fatto questo in tutti questi anni senza rendermene conto. Tutto è iniziato la mattina presto leggendo giornali economici, giocando quotidianamente con il nostro prodotto, leggendo libri sugli affari e molte altre abitudini. Per riuscire a immatricolarmi avevo l’abitudine di studiare tre giorni dalla mattina alle 16.00.

La parte non banale, e questo è il punto che colpirai o perderai, è che è più importante pensare in termini di chi vuoi essere che di dove vuoi andare.

Perché “dove voglio andare” nasce dal nostro desiderio di essere qualcosa. “Voglio essere una brava persona” o “essere uno scrittore”. Il cambiamento è davvero difficile, ma troverai la soluzione nell'”abitudine di successo”. Il modo per cambiare chi sei è attraverso le abitudini, e quando qualcosa diventa un’abitudine allora è facile.

Diventare “pianista” è simile a diventare “matematico”, serve un’abitudine quotidiana per diventarlo o entrambi.

Buona abitudine

I trucchi creano abitudini

Se sei arrivato fin qui, sai già che dovresti cercare metodi che funzionino e non qualcosa di una tantum. Un’abitudine è un metodo, è un metodo per allenarci al meglio.

Se riesci a controllare le tue abitudini, controllerai dove stai andando e ti sarà facile essere ciò che desideri. Le abitudini possono essere controllate con dei trucchi, perché sono molto sfuggenti. Le nostre abitudini sono pensate per la savana africana e meno per un appartamento all’ottavo piano nel centro di Tel Aviv.

Piccoli e continui miglioramenti

Il successo non avviene dall’oggi al domani, è un lungo processo di piccolo miglioramento quotidiano attraverso le abitudini.

A Plus500 non dovevo pensare a come spegnere gli incendi perché avevo l’abitudine di trattare il problema in modo permanente e non i sintomi, quindi è stato facile. L’abitudine non richiede alcuno sforzo.

Un’altra abitudine era quella di chiedermi sempre in ogni offerta quale fosse il profitto e quale il rischio, sentivo che gli altri non avevano questa abitudine, ma per me, fin da bambino, l’occasione e il rischio saltavano sempre.

L’abitudine non è lavoro

Quando fai qualcosa per abitudine non è un lavoro, sembra una ricompensa. È come un insetto nella nostra testa che vinciamo per sempre, aiutava nei tempi antichi a fare cose ripetitive di Sisifo e godersele. L’assuefazione ha contribuito alla nostra sopravvivenza. Come in ogni cosa, c’è chi ce l’ha fortemente radicata, e c’è chi lo è meno, ma tutti dovrebbero trarre beneficio dalla tendenza alle abitudini. Puoi anche guadagnare rompendo le abitudini, e alla fine è un pensiero libero guadagnare, non solo scavare. Io, senza accorgermene, mi diverto molto a mettere in atto delle abitudini, una delle abitudini che mi è sempre piaciuta è alzarmi presto.

La voce interiore della dipendenza è la chiave

La dipendenza è in realtà una cattiva abitudine, che non ci fa bene e che continuiamo a ripetere.

Il nostro cervello ci sta mentendo, in questo caso, segnalandoci “Non te la cavi senza caffè”, “Non puoi mangiare senza sale, non è gustoso”, “Non sei abbastanza intelligente per imparare la matematica”. Ci presenta “fatti”. La chiave per vincere qui è non crederci, e la verità è che la maggior parte di queste frasi “non ce la farai senza” o “senza è impossibile” è falsa perché noi esseri umani, creature adattabili, possiamo abituarci a quasi tutto, e il grande segreto è che alla fine ci godiamo quasi allo stesso modo. Anche se la mente a volte segnala “senza è impossibile”, imparerai a contraddirlo e ti sarà facile pensare liberamente su molti argomenti e interrompere le cattive abitudini.

Ho anche lottato per abbandonare le cattive abitudini, una di queste è il fumo, dai 20 ai 30 anni fumavo circa un pacchetto al giorno, mi ci sono voluti due anni per combattere questa abitudine finché non ho vinto, è stato davvero, davvero difficile. Semplicemente non mi sono arreso, ho avuto un crollo e ho ripreso a fumare circa 10 volte in questi due anni. Quindi anche questo è un successo durato due anni.

L’abitudine a non dimenticare e a migliorare costantemente

A Plus500 avevo la piccola abitudine di scrivere su una pagina tutte le cose importanti che bisogna fare nel business e poi spingerle ogni giorno, come “entrare in Estonia”, “emettere”, e anche piccole cose “chiudere con Tomer il colore del logo,” era un’abitudine scrivere E da realizzare per non dimenticare, questa abitudine mi accompagna anche nel libero pensiero, ho un’idea quindi me la scrivo su WhatsApp. Queste abitudini hanno sostanzialmente definito me e l’azienda.

Si collegava a ciò che volevo che Plus500 fosse un’azienda di punta, quindi l’abitudine a migliorarla costantemente si collegava a quello.

Chi sei e cosa vuoi ottenere

L’azione intensifica il cambiamento e ci dimostra che ciò che vogliamo essere accade davvero. Ecco perché è fondamentale esprimere azioni che diventino abitudini che ci trasformano in ciò che vogliamo essere. Oggi, quando qualcuno mi fa una domanda e valuto se mentire, mi dico “non sono un bugiardo” e non “non mentirò”, è più facile quando il piede si connette a chi sei. È molto difficile essere sempre qualcun altro, quindi le abitudini devono essere in linea con chi sei, ad esempio un atleta, affidabile, socievole e generoso, quindi le abitudini che andranno bene sono lo sport, dire la verità, essere socialmente attivi e fare jogging la mattina. Anche in un’azienda che ha una visione di come dovrebbe essere, è facile costruire abitudini e metodi per l’azienda, ma questi devono fondersi con ciò che rappresenta il marchio.

Abitudini per la libertà

Se ci pensi nel libero pensiero, le abitudini ci danno libertà di pensiero. Le buone abitudini monetarie ci permettono di essere liberi da problemi finanziari, le abitudini alimentari ci rendono sani. Poi c’è tempo per essere liberi e non fare i conti con i problemi che la mancanza di buone abitudini ci causa. Alle prove arrivavo sempre preparato perché avevo l’abitudine di studiare qualche giorno prima della prova, non era una fatica per me, perché ero abituato.

Ho visto, sentito e annusato

Ciò che ci motiva a fare un’abitudine è solitamente un certo fattore scatenante, non esiste una parola buona per questo in ebraico se non salto. Ma è una parola difficile, ho dovuto cercarla ed è la prima volta che la trovo. Il potere dipende dalla forza dei sensi, nell’uomo il senso della vista è il più sviluppato e quindi il più significativo, e va usato nel bene o nel male.

Quando senti odore di cioccolato, vuoi mangiare cioccolato. Guardi la TV, quindi vuoi riposarti e guardare un film. Di solito c’è un fattore scatenante per le nostre abitudini.

Il senso della vista occupa gran parte del nostro cervello, quindi la vista è un fattore scatenante molto significativo per le nostre abitudini.

Una delle cose che aiuta davvero ad assimilare e ricordare le abitudini che desideriamo è dirle ad alta voce. Ciò attiva il grilletto del senso “uditivo”.

Non esistono persone che resistono alle tentazioni

Alcune persone li nascondono. Quando non c’è il gelato nel frigo, i miei figli non lo chiedono. Il grande segreto è non attivare i fattori scatenanti delle abitudini che non vogliamo, ma anche introdurre i fattori scatenanti delle abitudini che desideriamo. Ognuno ha un certo numero di tentazioni a cui può resistere. Il nostro grande vantaggio di solito è non vedere i fattori scatenanti. È molto difficile praticare senza essere tentati, ma è molto più facile nascondere le tentazioni di proposito, e questo è esattamente il pensiero libero nella sua forma migliore, grande profitto con poco sforzo. Piccolo sforzo per nascondere un fattore scatenante, sforzo folle per evitare un fattore scatenante per una tentazione disponibile. Ad esempio, quando volevo usare meno il cellulare, lo lasciavo in macchina. Poi dovevo andare in macchina a prenderlo ogni volta che volevo controllare qualcosa, mi riduceva davvero l’uso del cellulare.

Gli studi hanno dimostrato che le persone più stabili hanno semplicemente imparato a non incontrare tentazioni. Questo. Questo è il grande segreto.

Ne ho voglia, non ne ho voglia

Uno dei miei metodi carini è lo “stack delle abitudini”. Faccio già tutto quello che non ho voglia di fare in un colpo solo: lavare, buttare la spazzatura e piegare il bucato. Io lo chiamo “il mucchio di abitudini”. Lo faccio anche mentre cammino, a questo ho aggiunto l’abitudine di ascoltare un libro di Shema, e oggi quando cammino mi manca davvero non ascoltare un libro di Shema. Ascolto il libro ovviamente con l’altoparlante e non con le cuffie wireless, che irradiano piuttosto il cervello e sono sconsigliate.

Alcune ripetizioni dell’abitudine

Per stabilire un’abitudine la cosa più importante è quante ripetizioni ne facciamo e non quanto dura. Diciamo che voglio inculcare l’abitudine alla lettura, è meglio leggere 20 minuti tutti i giorni, piuttosto che due ore una volta alla settimana. È diverso dalle altre cose a cui siamo abituati come l’allenamento di corsa.

Che l’abitudine sia comoda per cominciare

Quando iniziamo qualcosa, per noi è altrettanto difficile fermarci quanto lo è iniziare. E questo è il piccolo sforzo che cercavamo, lo sforzo per cominciare.

Quando il mio bambino in prima elementare non voleva fare i compiti, ovviamente non eravamo entusiasti, ma gli suggerii di metterli sul tavolo della cucina aperti per farli e di non farli, perché mi sarei arrabbiata se lo avesse fatto loro. Dopo il pasto vidi che stava facendo un esercizio di aritmetica. Ha funzionato su di lui. Ora dovevo pensare alla prossima mossa che li avrebbe fatti in un’atmosfera tranquilla nella stanza, presentarglielo come al solito. Solo l’abitudine mi farà smettere di lavorare e ricavare un piccolo sforzo e un grande profitto per me e per lui.

Proprio per la “legge della convenienza” è importante che sia facile per noi avviare le nostre abitudini.

Se vuoi fare una corsa quotidiana, ti sarà davvero d’aiuto se tutto ciò che devi fare è uscire di casa e iniziare a correre. Non appena indossi abiti sportivi, è quasi certo che avrai voglia di correre, in breve, assicurati che la partenza sia comoda.

Abitudine in un ambiente adatto

Una delle cose più belle che mio padre ha costruito per noi nella stanza è stato un grande tavolo e armadietti coordinati. Non avevamo soldi per comprare i mobili, quindi papà se li è costruiti da solo mentre io lo guardo e aiuto e intralcio un po’. Quando chiudevo la porta della mia stanza, c’era un’atmosfera tranquilla e priva di distrazioni. Ricordo ancora la sensazione di pace e ordine che mi aiutava a concentrarmi sui compiti e sullo studio.

Oggi ho capito perché mi ha contribuito così tanto, perché mi ha permesso di prendere l’abitudine di studiare senza distrazioni, l’abitudine di concentrarmi, non c’erano fattori scatenanti per abitudini che non mi aiutavano. Da allora mi piace molto l’abitudine di concentrarmi perché ci piacciono le abitudini, è una caratteristica costruita in milioni di anni di evoluzione. Non appena ho chiuso la porta nella stanza ed è diventato silenzioso, ho creato lo stimolo per studiare. Ecco perché per la maggior parte delle persone lavorare in ufficio è più efficace che lavorare da casa, perché li spinge a “lavorare”.

Costruisci un ambiente del genere per te e i tuoi figli e sarà facile per loro. Sì, un cellulare vicino a loro è un fattore scatenante terribile, non dovrebbe essere lì.

Una parola è un contratto tra noi

Renditi la vita facile

Vuoi una vita facile? Assicurati che questa parola sia una parola nella tua casa. E dopo, sul posto di lavoro.

Comunichiamo tra noi con le parole. La cosa più importante da trasmettere ai nostri figli e a noi stessi è l’abitudine che una parola è una parola. Altrimenti non ci sono fondamenta stabili nella casa. Altrimenti la comunicazione non ha senso e tutto va verificato e detto più volte. C’è un grande profitto qui se, sia nella nostra vita familiare che nella nostra vita lavorativa e sociale, ci circondiamo di persone la cui parola è parola. I bambini imparano da noi quando vedono che da noi una parola è una parola.

Immagina un mondo

Immagina un mondo in cui la maggior parte di ciò che le persone si dicono, in realtà lo fanno. A volte non c’è scelta e devi bluffare un po’ per non ferire, ma la maggior parte delle volte puoi rimanere fedele alla tua parola. Le persone più pericolose che ho conosciuto sono quelle che non mantengono la parola data.

Cresco i miei figli con la stessa educazione che ho ricevuto, “la parola ha valore” e resto fedele a quello che dicono.

Un “talento” su cui investire tempo

il mio percorso

Quando avevo dieci anni mi trasferii con la mia famiglia negli Stati Uniti. Vivevamo nell’odierna Silicon Valley. È così che ho acquisito l’inglese come seconda lingua e oggi penso davvero in entrambe le lingue. Conoscevo in prima persona la cultura americana che sostiene la costruzione di un metodo per tutto e una condotta sistematica che mira a gestire le cose in modo approfondito e approfondito. Mio padre parlava molto del Technion e di matematica e fisica, il che mi ha fatto investire in queste due materie. Tutti i padri dei miei amici d’infanzia hanno studiato o sono stati docenti al Technion. Con l’incoraggiamento dei miei genitori, ho letto il giornale ‘Haaretz’ e soprattutto la sua sezione economica e quella di Maariv.

mamma e papà

I miei genitori ci dicevano costantemente che tutto è possibile e che la famiglia Gonen non ha paura di nulla. Sono cresciuto nel quartiere ‘Dania’ di Haifa, un quartiere di gente ricca, di uomini d’affari, noi eravamo i poveri del quartiere. Questo fatto mi ha spinto ad avere successo come loro. I miei genitori parlavano sempre dei soldi che guadagni nella professione che studi, quindi fin da piccolo ho capito che si può guadagnare molto meglio avviando un’azienda, ho visto anche mio zio americano, Shlomo Gonen, che ci è riuscito da solo . Per tutto il tempo giocavo a calcio, basket, squash e surf. Uno sport che spinge costantemente al successo.

Las Vegas

Poi mi sono imbattuto in Las Vegas durante un viaggio con gli amici e ho capito che il campo del gioco d’azzardo poteva essere davvero adatto a me, avevo solo bisogno di stare in casa. Rileggi il mio percorso e capirai che non si tratta affatto di giardini, solo di un percorso un po’ raro che se capisci cosa ha dato ogni incrocio, è facile costruire percorsi così belli per i bambini o per te: l’analisi attraverso la matematica e la fisica che dà un vantaggio nel pensare, una seconda lingua che secondo la ricerca dà anche un vantaggio nel pensare, cultura della perfezione e della cortesia come la cultura americana, fiducia in se stessi nelle proprie capacità, studiare in un’istituzione accademica superiore, partecipare a una squadra sportiva per costruire carattere e risultati, leggere teoricamente giornali e libri e voler avere successo. Tutto è un effetto dell’ambiente. Niente è stato facile, l’inizio è stato sempre molto difficile. Ecco perché è così importante fare una rivoluzione nel sistema educativo in Israele e attuare il principio secondo cui la base del successo è la formazione e il duro lavoro. Quando eserciti il ​​libero pensiero, ti rendi conto che non nasci con successo, nasci uguale.

Impara da zero

L’ho visto in tutta la mia carriera, Johnny Levy ad esempio che lavora con me sul libero pensiero, ha imparato da solo a fare il designer con l’aiuto di diversi corsi e progetta tutto da solo. Elad Ibn Chen, che ha iniziato con noi a Plus500 senza conoscere il mercato azionario, è diventato un importante manager finanziario. Abbiamo la capacità di imparare tutto, tutto dipende dalla voglia e dal tempo e talvolta anche dall’influenza dell’età. Certo, ci piace attribuire il successo al “talento naturale”, quando in realtà la maggioranza è un “talento” da investire tempo.

Una sezione importante

Se non hai la forza di leggere questa sezione, la troverai. È molto importante spiegarlo ai bambini e ai giovani affinché credano che tutto è possibile con un allenamento mirato. Non puoi fare qualcosa di grande senza sognare, e non puoi sognare senza credere.

Il termine “altezza perfetta”, noto anche come “udito assoluto”, si riferisce alla rara capacità di una persona di riconoscere o riprodurre una nota musicale senza alcuna tonalità di riferimento. Sono stati condotti diversi esperimenti per comprendere la natura dell'”udito assoluto” e se è possibile acquisirlo o migliorarlo attraverso l’allenamento.

La sua prevalenza è relativamente rara e le stime suggeriscono che circa 1 persona su 10.000 ha questa capacità.

Mozart aveva questa capacità. Quindi Mozart era 1 su 10.000 e aveva genitori con un’educazione musicale che lo hanno spinto dall’età di 3 anni che diciamo 1:1.000 significa che Mozart era uno su 10.000.000?

Quando eserciti il ​​libero pensiero non funziona, sembrano troppo rari questi orli.

Quasi quarant’anni fa, Kazuko Eguchi, una giovane istruttrice di musica giapponese, era frustrata dalla sua incapacità di possedere un “udito assoluto”. Di conseguenza, ha creato un programma di apprendimento precoce noto come Metodo didattico Aguchi Chord, progettato per aiutare i giovani studenti ad acquisire l’orecchio assoluto.

Molti credono che “l’udito assoluto” sia un talento innato: o si nasce con esso oppure no.

Musicisti di spicco come Mozart, Beethoven, Mariah Carey, Jimi Hendrix e Yanni hanno un “udito assoluto”. Dall’introduzione del metodo Aguchi, migliaia di bambini giapponesi hanno sviluppato con successo l’abilità di riconoscere le note a orecchio.

Si pensava che tu nasci con esso, ma lo impari

Nel 2012, la ricercatrice Ayako Sakakibara ha pubblicato uno studio che ha coinvolto 24 bambini che hanno imparato utilizzando il metodo di insegnamento degli accordi di Eguchi. Dei 22 che hanno completato lo studio, tutti hanno raggiunto un “udito assoluto”. La ricerca ha indicato che con un’adeguata esposizione e formazione è possibile sviluppare un “udito assoluto” e che non si tratta solo di un dono unico concesso a pochi eletti. Il metodo Eguchi si basa su sessioni di allenamento brevi, frequenti e mirate. Il cracking deve iniziare fin dalla tenera età.

Quindi, come si collega questo al raggiungimento dei nostri obiettivi? Un punto di partenza dall’apprendimento dell'”udito assoluto” è che la nostra capacità di apprendere o ottenere risultati non è limitata; Ma ciò che conta davvero è il modo in cui affrontiamo i nostri obiettivi. Gli studenti della scuola di Aguchi non si sono impegnati in un apprendimento casuale, ma hanno seguito un sistema strutturato di pratica deliberata per acquisire l’orecchio assoluto.

Suresh Kumar Sharma, un indiano dalla memoria straordinaria, ha inciso il suo nome nelle pagine della storia quando ha battuto il record mondiale di recitazione a memoria delle cifre decimali del Pi greco. Questa costante matematica, rappresentata dalla lettera greca “π”, è il rapporto tra la circonferenza del cerchio e il suo diametro ed è un numero irrazionale con infinite cifre decimali. Il record precedente era detenuto da Rajveer Meena dell’India, che nel 2015 aveva recitato 31.415 cifre.

Nell’ottobre 2020, Sharma ha accettato la sfida di battere il record. Nel corso di 17 ore e 14 minuti, recitò attentamente 50.000 cifre decimali del Pi greco senza errori. La sua incredibile impresa è stata documentata dal Guinness World Records e ha consolidato il suo posto come nuovo detentore del record mondiale. Ha una mente brillante o si è semplicemente allenato come un cinghiale, cosa ne pensi?

Memorizzare e recitare le cifre del Pi è diventata una sfida popolare per gli appassionati di memoria di tutto il mondo, con gare che si tengono ogni anno il 14 marzo (14.3 rappresenta le prime tre cifre del Pi: 3.14). Il risultato di Sharma funge da ispirazione per coloro che tentano di oltrepassare i limiti della memoria umana e da testimonianza della dedizione e della concentrazione necessarie per raggiungere un’impresa così straordinaria.

Sei nato bravo in matematica?

Questa è la domanda più grande che preoccupa quasi tutti.

Posso essere bravo in matematica?

Posso essere un buon musicista?

Sì, tutto ciò di cui hai bisogno è metterti alla prova e portarti fuori dalla tua zona di comfort. In questo modo troverai tecniche e metodi per migliorare. Quando incontri un ostacolo, tutto ciò che devi fare è prendere una strada diversa.

Oggi ci sono risposte a queste domande e sono molto inequivocabili. Sì, tutto è possibile ed è una questione di allenamento mirato fin dall’età adeguata.

È importante capire che esercitare o impegnarsi in una professione non è davvero sufficiente. Gli studi dimostrano che i medici che fanno la stessa cosa da 20 anni sono spesso peggio di un nuovo medico. Il tempo non ci dà nulla senza feedback e miglioramento costante del risultato.

La comprensione più importante di tutte nell’istruzione: la più importante è la quantità di tempo investito e non il talento. Tempo di investimento > abilità > grandi risultati > abilità… Ci sono due condizioni importanti per sviluppare abilità: più giovane è l’età, il tempo di investimento influenza l’abilità in modo più significativo, e anche il tempo di investimento dovrebbe essere ricondotto al successo – cioè capire quando c’è successo o fallimento, altrimenti il nostro cervello non sa come migliorare le capacità. Ad esempio, ci sono persone, non molte, che sono molto efficienti nei compiti e nella risoluzione dei problemi – il motivo è solitamente che provengono da una certa mancanza e che per molti anni si esercitano a semplificare e a raggiungere una soluzione il più rapidamente possibile, sono non sempre ne sono consapevole.

Impara dalla pratica e non dalle formule

Concentrazione, feedback e correzione sono il modo migliore per il nostro cervello di apprendere, quindi in tutti i sistemi educativi è importante enfatizzare la pratica, anche la pratica senza alcuna teoria. Così ho studiato fisica al Technion, ho visto che a lezione non capivo niente, quindi andavo solo agli esercizi, all’inizio era un po’ difficile ma durante gli esercizi ho cominciato a capire.

Vincere Quando ci impegniamo in una pratica deliberata, il nostro cervello subisce cambiamenti significativi. Concentrandoci su abilità specifiche e dedicando tempo e sforzi per migliorarle, cambiamo la struttura del nostro cervello e ci permettono di diventare più abili nei compiti che abbiamo scelto.

Rafforzamento delle connessioni neurali: durante la pratica deliberata, le connessioni tra i neuroni (le cellule cerebrali responsabili della trasmissione delle informazioni) vengono rafforzate. Man mano che queste connessioni, o sinapsi, diventano più grandi, il cervello diventa più efficiente nell’elaborazione e nell’esecuzione di compiti relativi all’abilità praticata.

Concentrati al 100% sugli obiettivi

Nell’allenamento mirato è importante essere completamente concentrati durante l’allenamento e non disorientati. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è dormire bene e combinare diversi sport. Stabilisci obiettivi di miglioramento e senti i progressi. Il momento migliore è dopo esserti alzato ad un’ora prestabilita perché non c’è nulla che ti impedisca di studiare e fare esercizio e così anche l’allenamento entra nella tua routine. Il godimento delle cose di routine è causato da una ragione evolutiva, è facile per noi fare le cose di routine, rispetto alla prima volta che dovevamo farle. Durante i miei studi, così come durante il periodo di costruzione delle mie aziende, iniziavo sempre poco dopo essermi alzato a un’ora prestabilita e di solito fino a circa un’ora per tale sessione. Gli studi hanno dimostrato che questo è il momento migliore per concentrarsi su di esso. E ovviamente è importante alzarsi con un orario naturale, senza sveglia, così il tuo corpo si sveglia a livello ormonale. Gli studi hanno dimostrato che più le persone dormono, meglio progrediscono. Anche la logica lo supporta. Ti risparmierò questi studi, cercali o fidati di me.

Il mio tempo era sempre pianificato per l’apprendimento o la formazione, in questo modo non c’erano sorprese, c’era una routine e il tempo passava più bene.

Avanzare e poi rimanere bloccati, non è una questione di geni!

Nella maggior parte delle professioni e delle abilità, all’inizio si progredisce più velocemente e poi si rimane bloccati. Cerca di capire cosa non funziona per te e dov’è il problema, cerca di uscire dalla tua zona di comfort e risolvere il problema in modo diverso, questo è proprio un allenamento mirato, può essere nel campo dei software, del canto, correre o scrivere. La maggior parte delle persone ad un certo punto rimane bloccata, ma un gruppo molto piccolo di persone non si arrende e trova il modo di andare avanti, essere in quel piccolo gruppo, non è una questione di geni, è un modo di lavorare. A volte una nuova guida può aiutarti dopo aver ottenuto tutto ciò che potevi dalla guida precedente.

Attivazione di nuove aree cerebrali e compiti a loro non destinati

A seconda del compito svolto, diverse parti del cervello diventano più attive durante la pratica deliberata. Ad esempio, esercitarsi con uno strumento musicale attiva la corteccia motoria (responsabile del controllo del movimento) e la corteccia uditiva (responsabile dell’elaborazione del suono). Man mano che queste aree del cervello diventano più attive, si sviluppano, si rafforzano e contribuiscono a migliorare le prestazioni. La prova dell’attivazione di aree del cervello per compiti non realmente previsti può essere vista nei ciechi che effettivamente si “allenano” a vedere con le mani.

I non vedenti si affidano al senso del tatto per leggere il Braille, un sistema di punti in rilievo che rappresentano lettere e numeri. Quando perdono la vista, il loro cervello si adatta a elaborare le informazioni in modo diverso, utilizzando parti diverse del cervello per comprendere il Braille.

Nelle persone vedenti, la corteccia visiva è la parte del cervello responsabile dell’elaborazione delle informazioni visive. Tuttavia, il cervello dei non vedenti riassegna invece la corteccia visiva all’elaborazione delle informazioni tattili. Quando i ciechi leggono il Braille, la loro corteccia visiva si attiva e li aiuta a interpretare i punti in rilievo attraverso il tatto.

La corteccia somatosensoriale è la parte del cervello che elabora le informazioni sensoriali dal tatto e dal corpo. Nei non vedenti, la corteccia somatosensoriale diventa più sensibile e reattiva alla stimolazione tattile, come la sensazione dei punti Braille. Questa attivazione migliorata li aiuta a leggere il Braille in modo più accurato ed efficiente.

Le persone cieche spesso mostrano una maggiore connettività tra le diverse regioni del cervello, come la corteccia somatosensoriale, la corteccia visiva e le aree di elaborazione del linguaggio. Questa migliore comunicazione tra le aree del cervello consente loro di elaborare e comprendere in modo efficace il Braille attraverso il senso del tatto.

La capacità del cervello di adattarsi e riorganizzarsi è chiamata neuroplasticità e svolge un ruolo cruciale nella capacità dei non vedenti di leggere il Braille. Quando perdono la vista, il loro cervello subisce cambiamenti significativi, consentendo loro di elaborare le informazioni tattili in modo più efficiente e di utilizzarle per attività come leggere il Braille.

Il cervello è più flessibile con l’età

Ogni tipo di allenamento ha l’età ideale per iniziarlo. È importante iniziare la matematica, la musica, la lettura e lo sport fin dalla giovane età per mantenere aperte queste capacità di apprendimento. Io, ad esempio, non leggevo da giovane e oggi faccio fatica a articolare e scrivere bene. Una volta pensavano che Mozart fosse un genio perché suonava all’età di 4 anni, oggi YouTube è pieno di bambini del genere.

La neuroplasticità è la capacità del cervello di adattarsi e riorganizzarsi nel corso della nostra vita. La pratica mirata migliora la neuroplasticità e consente al cervello di formare nuove connessioni e percorsi neurali quando apprendiamo nuove abilità o affiniamo quelle esistenti. Lo vedi nella capacità di suonare il piano.

Suonare il pianoforte è un’abilità complessa che richiede coordinazione mente-corpo. Esploriamo come cambia la plasticità cerebrale con l’età e il suo effetto sull’apprendimento del pianoforte.

Durante l’infanzia e l’adolescenza, il cervello è plastico e può facilmente creare nuove connessioni e adattarsi a nuove esperienze. Questo è il momento ideale per imparare a suonare il pianoforte, poiché il cervello può sviluppare rapidamente le connessioni neurali necessarie per suonare lo strumento. I giovani spesso trovano più facile imparare a leggere gli spartiti, memorizzare canzoni e sviluppare capacità motorie per suonare.

Nell’età adulta la plasticità del cervello diminuisce rispetto a quella dell’infanzia. Tuttavia, gli adulti sono ancora in grado di imparare a suonare il pianoforte e di sperimentare cambiamenti cerebrali associati alla neuroplasticità. Gli adulti potrebbero aver bisogno di dedicare più tempo e sforzi alla pratica, ma possono comunque sviluppare le connessioni neurali necessarie per diventare abili nel suonare il pianoforte. Inoltre, gli adulti possono trarre beneficio da una maggiore concentrazione, disciplina e comprensione di concetti complessi.

Con l’avanzare dell’età, la plasticità del cervello diminuisce ancora di più e l’apprendimento di nuove abilità, come suonare il pianoforte, può diventare più impegnativo. Tuttavia è ancora possibile, anche per le persone anziane, imparare a suonare il pianoforte e sperimentare i benefici della neuroplasticità. La pratica regolare può aiutare a mantenere la funzione cognitiva e persino a rallentare il declino cognitivo legato all’età. Gli adulti dovranno essere pazienti e coerenti con la loro pratica per fare progressi.

Memoria a breve termine e memoria a lungo termine

Nell’allenamento deliberato vogliamo lavorare sulla memoria a lungo termine, ricorda schemi e ha difficoltà a ricordare sequenze prive di significato. Me ne sono accorto a scuola, quando avevo difficoltà a memorizzare canzoni o versetti della Bibbia, semplicemente non era un’area in cui ho approfondito e fatto pratica. Il primo libro che ho letto è stato all’età di 20 anni, The Firm di John Grisham, ma ho sempre memorizzato le formule per le prove di calcolo senza alcuna difficoltà, è entrato nella mia memoria a lungo termine.

Il nostro cervello è programmato per riconoscere modelli e creare connessioni tra informazioni correlate. Questa capacità di ricordare sequenze e correlazioni logiche è spesso più efficace che cercare di ricordare elementi casuali e non correlati. I giocatori di scacchi sono un ottimo esempio di come il nostro cervello eccelle nel ricordare schemi e sequenze significativi.

I giocatori di scacchi professionisti differiscono dai giocatori normali per le migliaia di posizioni sulla scacchiera che hanno nella memoria a lungo termine. Nell’esperimento hanno visto che ricordano le posizioni del tabellone molto meglio dei giocatori normali, ma quando il tabellone è disposto in modo casuale, ricordano il tabellone come i giocatori normali. Ciò mostra esattamente come funziona la pratica deliberata sulla memoria a lungo termine.

Gli scacchi sono un gioco complesso che richiede ai giocatori di elaborare strategie e pianificare le proprie mosse in anticipo. I giocatori di scacchi di alto livello dimostrano una straordinaria capacità di ricordare sequenze di mosse e i loro risultati. Il loro cervello è eccezionalmente abile nel riconoscere schemi e nel creare correlazioni tra la disposizione dei pezzi sulla scacchiera e le strategie di successo.

I giocatori di scacchi spesso studiano giochi storici e imparano mosse di apertura comuni chiamate “aperture” per ottenere un vantaggio sui loro avversari. Queste aperture includono sequenze di mosse che si sono dimostrate efficaci nei giochi precedenti. Imparando e riconoscendo questi schemi i giocatori possono adattare rapidamente le proprie strategie per contrastare le mosse dell’avversario.

Uno dei motivi per cui i giocatori di scacchi riescono a ricordare queste sequenze più facilmente è che “distribuiscono” le informazioni. Il Chunking è un processo cognitivo in cui raggruppiamo insieme informazioni correlate, rendendole più facili da ricordare. I giocatori di scacchi possono ricordare posizioni complesse sulla scacchiera perché raggruppano i pezzi correlati in un’unica unità mentale o “pezzo”. Ciò rende più semplice ricordare intere sequenze di mosse anziché posizioni casuali delle singole parti.

Man mano che i giocatori di scacchi acquisiscono esperienza e competenza, la loro capacità di riconoscere e ricordare schemi e sequenze significativi migliora. Sviluppano una vasta libreria mentale di posizioni e strategie familiari sul tabellone a cui possono accedere rapidamente e applicare durante una partita. Questa conoscenza consente loro di concentrarsi sul pensiero strategico di livello superiore invece di cercare di ricordare le singole mosse.

Qual è il talento? Qual è stata la formazione che ha prodotto il talento?

Alla fine, la differenza di abilità dipende dalla capacità di concentrarsi a lungo e dal fare tentativi non ancora fatti. Questa stessa formazione insegna la creatività. La capacità di concentrarsi a lungo non è innata, è una capacità acquisita. Ad un certo punto della sequenza temporale, quando l’abilità migliora, proviamo piacere. Ai musicisti professionisti piace moltissimo suonare, così come ai migliori ballerini.

Genitori e insegnanti dovrebbero dare al bambino o allo studente fiducia in se stessi e riconoscimento, in modo che nei momenti difficili il bambino non si arrenda, dopotutto, i momenti difficili arrivano sempre.

Molte volte la persona che eccelleva in qualcosa trovava semplicemente un metodo di studio intelligente e niente più.

Quindi quando vedi Messi chiediti sempre qual è il talento? Qual è stata la formazione che ha prodotto il talento?

Laszlo dimostra che siamo tutti nati uguali

So di essere bravo in matematica in questo momento e so che mi ha portato al successo nella vita, nel Technion, nel pensiero logico, nelle decisioni e persino nel matrimonio.

E quindi per me era importante che anche mia figlia avesse questa libertà che ho io. Ho cercato di capire cosa permette alle persone di riuscire nell’apprendimento perché penso di non essere “bravo in matematica dalla nascita” e mi sono imbattuto nella seguente storia:

C’era una volta, in una piccola e strana città dell’Ungheria, viveva una famiglia straordinaria: i Fulgar. Il padre della famiglia era Leslo, sua moglie Clara e le loro tre figlie: Zuzsa (Susan), Zasofia (Sofia) e Yehudit. Laszlo Polgar era uno psicologo educativo che credeva fermamente che “i geni si creano, non si nascono”. Aveva un’idea rivoluzionaria: allevare le sue figlie come prodigi degli scacchi per dimostrare che con l’ambiente giusto e il duro lavoro chiunque può eccellere in un determinato campo.

Laszlo ha iniziato a insegnare a scacchi alle sue figlie in tenera età. Susan, la maggiore, ha iniziato a giocare quando aveva solo quattro anni, Sofia e Yehudit l’hanno seguita. Le ragazze venivano istruite a casa dai genitori, con una forte enfasi sugli scacchi e su altre attività intellettuali. Laszlo e Clara hanno creato un ambiente stimolante per le loro figlie, fornendo loro migliaia di libri su vari argomenti, oltre a innumerevoli puzzle e giochi di scacchi per l’apprendimento.

Le sorelle Polgar si allenavano diligentemente e trascorrevano ore ogni giorno ad affinare le proprie abilità sulla scacchiera. Il loro duro lavoro iniziò a dare i suoi frutti e presto iniziarono a fare scalpore nel mondo degli scacchi. Susan, la maggiore, è diventata la prima donna a vincere un titolo di Master internazionale all’età di 12 anni. È diventata campionessa mondiale di scacchi femminile nel 1996 e ha mantenuto il titolo per quattro anni. Susan è stata anche la prima donna a guadagnare il titolo di Gran Maestro raggiungendo le norme e il grado richiesti.

Sophia, la sorella di mezzo, aveva lo stesso talento. Sebbene non si dedicasse agli scacchi con la stessa passione delle sue sorelle, ebbe un notevole successo. Sofia vinse il titolo International Women’s Masters e vinse diversi tornei, incluso il New York Open del 1989, dove vinse diversi multi-master.

Ma è stata la sorella più giovane, Judith, a mandare in frantumi ogni record e ogni aspettativa. All’età di 15 anni, era diventata il più giovane Gran Maestro Internazionale della storia, battendo il record di lunga data di Bobby Fischer. Judith non era solo la giocatrice di scacchi più forte di tutti i tempi, ma gareggiava regolarmente e sconfiggeva i migliori giocatori di scacchi. Ha raggiunto il record mondiale della posizione n. 8 nel 2005, il ranking più alto mai raggiunto da una donna.

La storia delle sorelle Polgar testimonia la fiducia del padre nel potere del duro lavoro e della determinazione. Dedicandosi al gioco degli scacchi e alla ricerca della conoscenza, le sorelle non solo hanno abbattuto le barriere nel mondo degli scacchi dominato dagli uomini, ma hanno anche ispirato generazioni di giovani ragazze a seguire i propri sogni e sfidare lo status quo.

Alla fine, l’esperimento della famiglia Folgar si è rivelato un innegabile successo, dimostrando che con il giusto ambiente, dedizione e passione, chiunque può raggiungere la grandezza. E così continua a vivere la leggenda delle sorelle Fulgar, fulgido esempio della potenza del potenziale umano.

Alcuni sostengono che, proprio come esiste una distinzione tra esseri umani e scimmie, gli esseri umani stessi sono intrinsecamente diversi in termini di circostanze della loro nascita, il che implica che non nasciamo uguali. Tuttavia, la realtà è che nasciamo con un relativo grado di uguaglianza, senza competenze o abilità iniziali. Man mano che cresciamo, sviluppiamo competenze diverse in molte aree che sono significativamente influenzate da fattori quali alimentazione, genitorialità, stress mentale, un ambiente favorevole, amici, studi, genitori con inclinazioni accademiche e innumerevoli altri aspetti. Sebbene la struttura del cervello alla nascita possa essere diversa, la sua influenza è trascurabile rispetto ai fattori ambientali, senza alcuna anomalia genetica.

Da un punto di vista genetico, l’aspetto più importante è il carattere che può determinare i campi verso cui siamo attratti e di conseguenza le competenze che sviluppiamo al loro interno. Io personalmente, ad esempio, nutro un’avversione per la memorizzazione, cosa che mi ha portato a faticare e vacillare nelle discipline umanistiche. Di conseguenza, la mia competenza in aree che richiedono una forte padronanza del linguaggio e dell’espressione.

E comunque, ho visto che mia figlia sviluppa il “talento” in aritmetica solo con l’aiuto di ore di pratica, molte ore. All’inizio ho visto abilità normali e col tempo ho visto svilupparsi un “talento” davvero innaturale. E anch’io ero così, solo dalla seconda media ho cominciato a investire più degli altri in matematica, perché mio padre continuava a dire che i suoi erano 100. Una specie di sana competizione, talento zero.

Nessun feedback, nessun apprendimento

Un giorno stavo giocando a poker ad un tavolo a Las Vegas, mi sono detto che oggi non vengo per fare soldi al tavolo, vengo solo per conoscere nuovi metodi e comportamenti delle persone. Ho fatto delle mosse solo per testare le teorie, come scommettere troppo o troppo poco, molestare le persone con rilanci ripetuti, non guardare affatto le mie carte e giocare in base alle reazioni che vedo dalle persone e all’entità della loro scommessa. Ha sviluppato in me delle capacità piacevoli, proprio come un cieco rafforza il senso del tatto. Questo piccolo cambiamento mi ha fatto avanzare nel gioco come non avevo mai fatto quando arrivavo con l’atteggiamento “oggi voglio guadagnare”.

L’importanza del feedback misurabile e quantitativo, della correzione degli errori e dell’apprendimento continuo nello sviluppo umano non può essere sopravvalutata. Il processo è semplice: formazione, feedback, correzione, formazione, feedback e così via, potrebbero essere migliaia o poche iterazioni. Questo processo iterativo è essenziale per la crescita e il miglioramento in vari aspetti della vita, comprese le aree personali, professionali e comportamentali. Il feedback e la successiva correzione degli errori sono necessari affinché le persone possano svilupparsi ed eccellere in un determinato campo o attività.

In tutto quello che fai è importante avere feedback, diciamo che hai creato un sito per vendere pomate anticalvizie, non c’è un insegnante che ti darà un feedback reale, devi crearti il feedback calcolando quotidianamente quanti ne hai comprati, quanto molti sono entrati nel sito e quanto ti è costato. Allora hai qualcosa su cui lavorare; Il costo per acquirente sul sito e il numero di acquirenti rappresentano un buon feedback quantitativo.

In alcune professioni o attività, come lo skateboard, il feedback è subito evidente. Ad esempio, se uno skateboarder non riesce a eseguire correttamente un trick, può immediatamente distinguere la sua prestazione in base al risultato. Questo chiaro feedback gli consente di adattare la sua tecnica e riprovare, il che alla fine porta a un miglioramento.

Tuttavia, ci sono aree in cui il feedback potrebbe non essere così semplice, come nel poker. In questo caso, un giocatore può prendere una decisione strategicamente corretta che si tradurrà in una perdita a causa dell’elemento casuale. Di conseguenza, può essere difficile determinare quali aspetti del loro gioco necessitano di miglioramenti.

Instillare la necessità di feedback e apportare correzioni nei bambini è essenziale per la loro crescita e il loro sviluppo. Ecco come funziona il nostro cervello, ha bisogno di feedback per imparare.

Ciò vale non solo per le loro attività accademiche, ma anche per il loro comportamento e le loro abilità sociali. Insegnando ai bambini ad essere ricettivi al feedback e disposti ad apportare modifiche, forniamo loro gli strumenti necessari per il miglioramento continuo durante tutta la loro vita.

Idealmente, il sistema educativo dovrebbe funzionare sulla base di questo principio di feedback e correzione e consentire il miglioramento continuo per gli studenti a tutti i livelli. Sfortunatamente, non è sempre così. Il sistema spesso non riesce a fornire un feedback coerente e significativo, soprattutto quando gli studenti avanzano nei gradi più alti e continuano gli studi speciali.

In un sistema educativo ben funzionante, gli studenti riceveranno un feedback continuo, che consentirà loro di identificare le aree di debolezza e migliorare di conseguenza le proprie competenze.

Un buon esercizio per gli studenti per imparare a creare un meccanismo con feedback quantitativo è una settimana di lezioni, ogni giorno gli studenti si avvicinano e parlano per 5 minuti di un determinato argomento, ottengono voti e feedback dal resto della classe e quello successivo giorno tutti correggono e risalgono, così che dopo una settimana dovresti vedere e guardare i voti. Ogni giorno il bambino vede un voto ponderato della classe e dei commenti e il giorno dopo dovrebbe migliorare. Questo è esattamente un meccanismo di miglioramento che va bene in ogni ambito della vita.

Inoltre, educatori e amministratori monitorano i progressi degli studenti per identificare potenziali lacune nel curriculum o nei metodi di insegnamento e apportare le modifiche necessarie. Adottando un approccio basato sul feedback, il sistema educativo può servire meglio gli studenti promuovendo l’amore per l’apprendimento e la capacità di adattarsi alle nuove sfide come un dono permanente.

Anche i sistemi di intelligenza artificiale (AI) che assomigliano al modo in cui apprende il cervello umano si affidano al feedback e alla correzione per migliorare le proprie prestazioni. Ciò viene spesso ottenuto attraverso un processo chiamato “formazione” in cui i modelli di intelligenza artificiale ricevono dati e ricevono feedback sui loro risultati. Ecco alcuni esempi:

Apprendimento supervisionato, in questo tipo di machine learning, un modello AI viene fornito con dati etichettati (coppie input-output) e impara a fare previsioni o decisioni in base al feedback che riceve durante l’addestramento.

Esempio: un modello AI per il riconoscimento delle immagini riceve una serie di immagini etichettate, dove impara a riconoscere gli oggetti all’interno delle immagini in base alle etichette corrette che gli vengono fornite.

Apprendimento per rinforzo, in questo approccio, un agente AI impara interagendo con il suo ambiente e ricevendo feedback sotto forma di ricompense o punizioni in base alle sue azioni.

Esempio: un sistema di intelligenza artificiale per una partita a scacchi riceve feedback sotto forma di partite vinte o perse, consentendogli di adattare la propria strategia e migliorare nel tempo.

Un libro che spiega ottimamente questo argomento è Peak di Anders Eriksson.

“Pulse” rispetto allo scienziato che perfeziona gli studi di fisica

Il sistema educativo oggi è influenzato dagli insegnanti, ma dovrebbe esserlo anche dagli studenti. Un insegnante non viene valutato in base alle sue competenze o capacità, viene assunto direttamente. Il problema non è di bilancio, è solo di gestione. Meno insegnanti e più soldi. I buoni insegnanti portano buoni insegnanti e li mantengono anche nel sistema, cerchiamo tutti brave persone intorno a noi.

Quando i manager dell’istruzione provengono dal campo analitico, l’istruzione farà un salto di livello. Prendiamo ad esempio il fisico che migliora le modalità di insegnamento della fisica.

Karl Weimann è un rinomato fisico e ricercatore educativo che ha dedicato una parte significativa della sua carriera al cambiamento dell’educazione fisica. In qualità di premio Nobel per la fisica (2001), Wieman non è solo uno scienziato esperto ma anche un appassionato sostenitore del miglioramento del modo in cui la fisica viene insegnata nelle scuole e nelle università. La sua ricerca si concentra su pratiche di insegnamento basate sull’evidenza e sull’applicazione di tecniche di apprendimento attivo per migliorare la comprensione dei concetti di fisica da parte degli studenti.

La ricerca di Weimann sull’educazione fisica ha portato a diversi risultati e raccomandazioni chiave. Uno dei principi fondamentali del suo lavoro è l’importanza di allontanarsi dai tradizionali metodi di insegnamento basati sulle lezioni frontali, che spesso non riescono a coinvolgere gli studenti e a promuovere una comprensione profonda. Weiman sostiene invece l’uso di strategie di apprendimento attivo che incoraggino gli studenti a pensare in modo critico, a risolvere problemi e ad applicare le loro conoscenze in contesti del mondo reale.

Per raggiungere questo obiettivo, Weiman ha sviluppato e promosso l’uso di tecniche di insegnamento interattive, come l’insegnamento tra pari. Questo è un modello di pensiero che deve essere adottato nelle scuole: lasciare che gli studenti delle classi superiori insegnino alle classi inferiori e svolgano attività di gruppo per risolvere i problemi. Questi metodi mirano a coinvolgere gli studenti nel processo di apprendimento in modo più efficace e a favorire una comprensione più profonda dei concetti di fisica. Inoltre, aiutano a creare un ambiente di apprendimento più inclusivo poiché gli studenti provenienti da contesti diversi possono partecipare attivamente e contribuire al processo di apprendimento.

La ricerca di Weimann ha anche sottolineato l’importanza di costruire modelli mentali negli studenti di insegnamento della fisica. Per la costruzione di modelli è importante il “lemma”, non l’informazione. Fornendo feedback in tempo reale e opportunità agli studenti di riflettere sul proprio apprendimento, gli insegnanti possono supportare la crescita dei propri studenti e affrontare le idee sbagliate prima che si radicassero, aiutarli a costruire una rappresentazione mentale della fisica e consentire un apprendimento incrementale da problemi sempre più complessi. Nelle scuole di oggi non si comprende l’importanza dei modelli mentali degli studenti e le condizioni limite per la loro costruzione: piccoli problemi, feedback rapido, sensazione di successo, ispirazione dal mondo reale, difficoltà crescente e uscita costante dalla zona di comfort.

Oltre alla sua ricerca sulle strategie di insegnamento, Weiman era un sostenitore dell’uso della tecnologia educativa in classe. Ha sviluppato simulazioni al computer note come simulazioni interattive PhET e ne ha sostenuto l’uso per aiutare gli studenti a visualizzare ed esplorare concetti di fisica. Queste simulazioni consentono agli studenti di manipolare le variabili e osservarne gli effetti e promuovere una comprensione più profonda dei principi sottostanti.

Qualche titolo per la sezione più importante qui

Si scopre che nei bambini il temperamento e l’ascolto influenzano il vocabolario. Cioè, il carattere del bambino, e non il suo QI, influenza la sua capacità verbale attraverso l’allenamento.

Negli scacchi i giocatori con il QI più alto sono avvantaggiati all’inizio, ma solo all’inizio. Dopo ciò ciò che conta è la formazione. Anche quando vuoi assumere un dipendente al lavoro, prendi quello che ha più voglia di imparare e non quello che ha più conoscenza. La profezia si avvera quando al bambino viene detto “Non sei bravo in matematica”. Ma la verità è che il bambino si sente solo, anche se non glielo dicono. E questo è il grosso problema perché i bambini e gli adulti sanno cogliere suggerimenti quando non vengono apprezzati, e poi di fatto inizia un circolo vizioso: non si apprezzerà, quindi non avrà voglia di esercitarsi o di imparare perché lo farebbe. non cambiare nulla, c’è un problema con lui.

Il modello mentale più importante per insegnare ai bambini che li accompagneranno in qualsiasi campo è uno dei più semplici: “Mi sono allenato con un allenamento deliberato e poi ho progredito”, questo è il modello di successo che dice che il progresso non è genetico né dipendente dal destino, ma dipende dalla persona stessa e se pratica. Lo recito spesso ai miei figli e li confronto. La loro risposta di solito dice “ma come posso essere un giocatore di basket professionista se sono basso” e allora rispondo “l’altezza non è una capacità, è un attributo fisico”. Se un bambino ha questo modello in testa, si impegnerà e progredirà in ogni campo, dalla matematica, alla danza, al calcio o al quiz sulla Bibbia, questo è un modello che aiuta ad avere successo in altri campi.

Se fosse possibile essere eccellenti in campo, allora i migliori tennisti giovanili finirebbero sempre per essere in cima al mondo e non è così, non si può dire dai giovani tennisti chi sarà un tennista di livello mondiale .

Tom Brady, uno dei migliori giocatori di calcio di tutti i tempi, è stato selezionato al 199esimo posto su 254 nel draft, il che significa che non era uno dei migliori con le più alte capacità, ma nel corso degli anni e con un allenamento mirato ha raggiunto la vetta. Per tutta la vita si è allenato per allenare e migliorare le proprie capacità, ha fatto allenamenti mirati con feedback da ogni partita, sono sicuro che gli altri non si avvicinano a tanto. Ha anche migliorato la sua dieta e tutta la sua vita. Tom Brady è noto per la sua dieta rigorosa, la routine del sonno e le scelte di stile di vita che, secondo lui, hanno contribuito alla sua longevità e al suo successo nella NFL. Brady ha adottato un approccio olistico per mantenere la sua salute e le sue prestazioni che includeva una combinazione di corretta alimentazione, sonno ed esercizio fisico.

Alcuni aspetti chiave del suo regime:

  • Sonno – Brady sottolinea l’importanza di un sonno adeguato e di qualità per favorire il recupero e la salute generale. Di solito mira a dormire almeno 8-9 ore ogni notte e mantiene un programma di sonno regolare.
  • Esercizio e recupero: Brady segue un regime di allenamento personalizzato incentrato su forza funzionale, flessibilità e mobilità. Incorpora fasce di resistenza, esercizi di flessibilità e yoga nella sua routine. Brady dà priorità anche ai metodi di recupero, come il massaggio, il rotolamento della schiuma e la crioterapia per ridurre l’infiammazione e il dolore muscolare.
  • Stile di vita sano – Oltre alla dieta e alla routine di fitness, Brady mantiene uno stile di vita rigoroso che supporta la sua carriera che include: limitare il consumo di alcol e caffeina, ridurre l’esposizione alle tossine ambientali e dare priorità al tempo con la famiglia e gli amici per il benessere emotivo.

Con l’aiuto di una dieta rigorosa, di una routine del sonno e di scelte di vita sane, Tom Brady è stato in grado di mantenere un alto livello di prestazioni durante la sua lunga carriera, sfidando al contempo le aspettative per un quarterback della NFL della sua età.

Ma, e qui c’è un “grande ma”, ciò che è fondamentale è la formazione mirata e non la durata della formazione. Altrimenti, molti giocatori di poker si batteranno la testa perdendo per tutta la vita: anche se giocano tutto il giorno, non si costruiscono nuovi modelli mentali per il gioco, non correggono gli errori e non ricevono feedback. Ovviamente non è solo per il poker, ma per la maggior parte delle abilità nel mondo, il 95% non segue un allenamento deliberato e quindi è bloccato. Immagina un mondo in cui tutti sanno cos’è l’allenamento intenzionale, spero che ora tu sia uno di quelli se sei riuscito a sopravvivere fino a qui. Molte volte è necessario assumere un allenatore che ti aiuti con allenamenti mirati e dopo aver imparato tutto da lui, assumere un nuovo insegnante o allenatore.

I dividendi sono buoni

L’istruzione è il miglior indicatore del futuro del Paese e della famiglia. L’unico posto in cui un investimento di 1 shekel può restituire 100 shekel con dividendi. L’istruzione dà agli esseri umani ciò che desiderano da migliaia di anni: la libertà! Ma qui parliamo di libertà di pensiero. Con l’aiuto della libertà mentale è facile raggiungere la libertà fisica. “Essere liberi nel nostro Paese”, dice l’inno. I valori si costruiscono quando si comprende come migliorano la vita.

Una parte fondamentale dell’istruzione è la gestione, puoi leggerlo qui: Guadagnare con la “libertà di pensare” .

Educazione ebraica

Imparare la Bibbia è importante per trasmettere valori anche agli studenti che sono completamente eretici. L’educazione ebraica ci unisce come popolo in uno stato ebraico. Lo spirito della Bibbia sostiene la libertà, la gentilezza e la modestia – valori per i quali è importante tutti da assimilare.

I buoni insegnanti portano buoni insegnanti

Esiste una regola che generalmente si applica a tutti i sistemi che contengono persone. Gli insegnanti eccellenti portano insegnanti eccellenti e gli insegnanti mediocri portano insegnanti mediocri e inferiori. Oggi nel sistema educativo in Israele si è diffusa la mediocrità e livelli inferiori, e questo ovviamente filtra dalla gestione del Ministero dell’Istruzione nel campo.

Come viene prodotto il Meir Har Zion?

Le persone crescono in case dove il quadro delle regole è fisso, ci sono dei presupposti e di solito non si fanno troppe domande, ma accettano la realtà: questo è il cibo che mangi, così dovrebbero essere le case, queste sono le cose buone professioni e così via. Anche la maggior parte dei bambini non cresce in modo indipendente, cioè entra in una realtà esistente e in un quadro fisso di regole. Queste cose di fatto privano i bambini della formazione necessaria per essere pionieri. L’audace combattente, Meir Har Zion, dice che quando era un ragazzino, camminava per tutto il paese e faceva viaggi da solo, praticava l’indipendenza e infrangeva le regole, quindi non c’è da meravigliarsi che fosse unico e speciale, non è nato così, si è allenato per questo senza saperlo.

Inoltre per essere un pioniere bisogna essere una persona che legge libri, non ho incontrato un visionario che non fosse un amante dei libri. Herzl, Ben Gurion, Begin, Golda, Franklin, Jabotinsky, Elon Musk, Einstein, Jefferson: erano tutti gente dei libri. Non sto dicendo che sia l’unico modo. Ma sto cercando di spiegare perché ci sono così pochi leader, imprenditori e amministratori delegati visionari e innovativi. I leader devono anche essere carismatici oltre ad avere la fortuna e la capacità di marketing per raggiungere la vetta.

Ma tutto questo non basta, manca qualcos’altro, di solito ci vuole anche un’infanzia stimolante, che ti faccia sognare, sognare un futuro diverso, e poi ti eserciti a immaginare un futuro diverso.

Aggiungi a tutti coloro che devono essere onesti e onesti e poi ti ritroverai con persone sole, sole e sole.

Affinché tutte queste cose si realizzino e avvengano, arriviamo alla conclusione che si tratta di persone davvero sole, ma esistono e sono dentro di noi, bisogna cercare un loro barlume di libero pensiero e “trarne profitto” .

Quindi la prossima volta che tuo figlio vuole costruire una casa sull’albero o scavare un tunnel fino alla casa del vicino, lascialo fare.

Seconda intelligenza: migliorare il pensiero stesso

Il calcolo è come una seconda intelligenza. Il calcolo infinitesimale ci aiuta a costruire modelli corretti della realtà. Senza una formazione matematica del cervello durante l’infanzia, è impossibile costruire modelli mentali appropriati in età adulta, quindi è importante insegnare ai bambini la matematica (calcolo) fin dalla tenera età in tutte le istituzioni educative ed è ancora più importante che si esercitino a casa!

Quando miglioriamo il pensiero stesso, aumentiamo effettivamente tutte le nostre capacità, dal calcolo di quanto costa una caramella con l’IVA al lancio della palla da basket nel canestro, questo calcolo moltiplica una potenza pazzesca.

Il potere della matematica sta nell’integrarsi con il mondo attraverso informazioni e modelli per prendere decisioni molto migliori combinate con la logica. Non convincendomi di avere ragione, ma girando più volte la ruota e misurando i risultati. È importante definire i problemi con delicatezza, ma risolverli con forza. Un esempio di modello mentale: quando gratto un biglietto della lotteria, le mie possibilità di vincita non cambiano se qualcun altro ha preso un biglietto prima di me. Il modello alla base di questa affermazione: non vi è alcun cambiamento nella probabilità di vincere o perdere se pesco una carta o un’altra.

Le materie che dovrebbero essere enfatizzate sono quelle che migliorano il pensiero e il processo decisionale: aritmetica, una seconda lingua, lettura teorica (compresi i giornali) e fisica. Informazioni sui vantaggi di una seconda lingua: leggi di più qui .

Seconda lingua, terza intelligenza

Gli studi dimostrano che i parlanti bilingui ottengono punteggi migliori nei test di intelligenza. Naturalmente, acquisire più intelligenza semplicemente imparando una seconda lingua è un grande guadagno con poco sforzo. Esattamente quello che stiamo cercando, o almeno quello che cerco io.

Due opzioni allo stesso tempo

Una seconda lingua ci fa pensare molto più liberamente e fuori dagli schemi su qualsiasi argomento, perché il cervello si abitua a utilizzare sempre due opzioni per ogni lingua rilevante. Diversi studi hanno dimostrato che una seconda lingua migliora il nostro modo di pensare. È interessante notare che gli immigrati di solito hanno una seconda lingua, il che probabilmente aiuta il loro successo, soprattutto in paesi con pari opportunità come gli Stati Uniti. L’inglese, o qualsiasi seconda lingua, ma preferibilmente l’inglese, è in realtà un moltiplicatore di forza perché migliora tutto il nostro pensiero e non solo su un argomento specifico, al contrario, ad esempio, di memorizzare materiale storico che non migliora il pensiero stesso.

Un linguaggio software è un linguaggio

Un linguaggio software è come un linguaggio per tutto, migliora anche il nostro modo di pensare.

Il computer è come un secondo cervello per noi, soprattutto se sappiamo come sviluppare software o utilizzare Google Docs e persino Excel, e ovviamente la ricerca in ChatGPT aggiunge molto alla nostra capacità di pensare e decifrare. È importante insegnare ai bambini come utilizzarli correttamente per aumentare l’intelligenza del bambino nella condivisione della macchina.

La porta d’accesso al mondo della conoscenza è l’inglese

La maggior parte della letteratura professionale nel mondo è scritta in inglese. Ogni materia insegnata a livello di master è condotta quasi interamente in inglese. Ecco perché c’è un enorme vantaggio per chi parla una seconda lingua, ed è meglio che sia l’inglese ovviamente. Per avere libero pensiero dobbiamo avere conoscenza, e la maggior parte della conoscenza nel mondo è in inglese. La maggior parte dei libri più importanti che ho letto sono in inglese.

Parole che non sono nella tua prima lingua

Uno dei motivi per cui una seconda lingua migliora il modo di pensare è che otteniamo parole che non sono affatto nella nostra lingua principale e acquisiamo un nuovo modo di pensare. Ad esempio, l’ebraico non ha realmente le parole “minimo” e “massimo”, e quando impariamo l’inglese, aggiungiamo nuove forme di pensiero alla nostra casella di pensiero e miglioriamo il pensiero stesso. Anche nel linguaggio di programmazione ci sono nuove parole che di fatto aumentano ancora di più gli strumenti, come Se allora o j=100 che significa inserire un valore in una variabile, inquadriamo nella mente una parola per un’idea e poi tiriamo fuori questa cornice in qualsiasi processo di pensiero che ne abbia bisogno.

Come mai tutti hanno l’ADHD

Un rapporto dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha rilevato che la prevalenza delle diagnosi di ADHD negli Stati Uniti tra i bambini di età compresa tra 4 e 17 anni è aumentata dal 7,8% nel 2003 al 9,5% nel 2007 e all’11,0% nel 2012. 2011. Ciò indica un aumento costante dei tassi di diagnosi di ADHD nel corso degli anni.

La cosa chiara è che i bambini vengono costantemente testati per tutti i tipi di disturbi e che in passato lo erano meno.

La seconda cosa è la dieta di molti bambini che li fa comportare in modo strano. È noto che l’alimentazione influisce sulla nostra mentalità e soprattutto sui bambini. Vedo i miei figli: quando sono turbolenti e infelici, chiedo a mia moglie se hanno mangiato zucchero e di solito la risposta è sì. Non è necessaria alcuna ricerca qui.

Gli studi hanno dimostrato che alcuni alimenti e modelli dietetici possono essere associati all’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività) e ad altri problemi comportamentali o mentali nei bambini. Alcuni studi hanno indicato un potenziale legame tra additivi alimentari, coloranti artificiali e sintomi di ADHD nei bambini. Una meta-analisi pubblicata nel 2012 sulla rivista “Pediatrics” ha riportato una piccola ma significativa associazione tra coloranti alimentari artificiali e aumento dei sintomi dell’ADHD nei bambini. Tali additivi includono, ad esempio, benzoato di sodio e coloranti artificiali come il rosso 40 e il giallo 5. Tuttavia, non tutti i bambini con ADHD possono essere sensibili a questi additivi e sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire una chiara relazione causale.

Il consumo eccessivo di zucchero è stato anche collegato a una serie di problemi di salute, tra cui l’obesità, il diabete di tipo 2 e problemi dentali. Alcuni studi hanno anche mostrato un potenziale legame tra un’elevata assunzione di zucchero e i sintomi dell’ADHD o altri problemi comportamentali nei bambini. Uno studio pubblicato nel 2011 sul “Journal of Attention Disorders” ha rilevato una relazione positiva tra un elevato consumo di zucchero e i sintomi dell’ADHD. Tuttavia, il legame tra zucchero e ADHD non è ancora del tutto chiaro e sono necessarie ulteriori ricerche.

Alcuni modelli alimentari, come la dieta occidentale che comprende alimenti trasformati, zuccheri raffinati e grassi non animali, sono stati collegati a risultati peggiori sulla salute mentale dei bambini. Al contrario, una dieta più sana, come la dieta mediterranea, ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre, è stata collegata a una migliore salute mentale. Uno studio del 2017 pubblicato su The Lancet Psychiatry ha scoperto che gli interventi nutrizionali possono migliorare i risultati sulla salute mentale, compresi i sintomi dell’ADHD, nei bambini.

Alcuni studi hanno indicato che le carenze di nutrienti specifici, come gli acidi grassi omega-3, il ferro, lo zinco, il magnesio e la vitamina D, possono essere associate ai sintomi dell’ADHD e ad altri problemi comportamentali o di salute mentale nei bambini. Pertanto, uno studio pubblicato nel 2005 sul “Journal of Child and Adolescent Psychopharmacology” ha scoperto che un integratore di acidi grassi omega-3 può migliorare i sintomi dell’ADHD nei bambini. Tuttavia, è importante notare che gli integratori alimentari dovrebbero essere somministrati sotto la supervisione di un operatore sanitario perché anche un consumo eccessivo di alcuni nutrienti può causare effetti negativi.

Leggi qui cos’è la nutrizione libera e perché è adatta all’uomo.

io io io

Una delle cose più importanti nei tempi moderni è che ognuno guardi principalmente a se stesso, ed è per questo che oggi l’educazione alla modestia è così importante. “La mia anima è come polvere per qualsiasi cosa” Ciò consente di pensare senza ego e autoesaltazione e questo è esattamente ciò che aiuta ad andare avanti nella vita, a prendere decisioni basate su dati e logica senza ego.

ragazzi e ragazze

Separazione tra ragazzi e ragazze nelle materie reali nei primi anni – gli studi dimostrano che la separazione tra ragazzi e ragazze nei primi anni di scuola aumenta le possibilità di successo delle ragazze a causa delle differenze tra ragazze e ragazzi.

Educare che andare avanti è un valore

Educazione al progresso costante – cioè far agire le persone in cerchio – difficoltà o dolore > un altro sguardo e studio del processo > progresso – e non in cerchio – difficoltà o dolore > incolpare il mondo per i problemi > disperazione e inazione. Le persone che operano nel primo cerchio (circa il 10% delle persone) hanno più successo, ma la correzione attraverso l’istruzione è possibile e persino facile. Educazione al miglioramento: cercare di migliorare tutto il possibile e andare avanti dà significato. Il miglioramento si ottiene attraverso la capacità di ascoltare le critiche, rispondere positivamente ad esse e correggere l’opinione di conseguenza.

insegnare il processo decisionale

È importante insegnare come gestire un corretto processo decisionale e come e perché è bene cambiare idea nel modo giusto. Queste competenze, che non si acquisiscono senza studio, cambieranno il volto della società se la maggioranza deciderà di agire secondo la logica. Insegnare tutti i pregiudizi con cui siamo nati, come confermare ciò che sappiamo, non accettare fatti nuovi che contraddicono le opinioni esistenti, non prendere decisioni sotto pressione mentale perché basate sull’emozione e così via…

Interesse composto

L’interesse composto è una legge universale che si applica non solo agli investimenti, è una delle meraviglie del mondo e nell’istruzione, una delle leggi più critiche. Quando investi ciò che hai imparato, cioè l'”interesse”, nella vita, l’aumento delle capacità è enorme. Un esempio dall’economia: un investimento di 10.000 NIS per 25 anni con un interesse annuo del 10% produrrà 110.000 NIS. Sono 11 volte i soldi. Un esempio in una carriera: quando ogni giorno impari qualcosa di nuovo leggendo (o in qualsiasi altro modo), si aprono innumerevoli possibilità di apprendimento basate sulle nuove conoscenze che abbiamo acquisito. Chi non impara resterà sempre dove si è fermato. Fondamentalmente è l’interesse composto per l’apprendimento che può produrre enormi profitti. Reinvesti ciò che hai imparato per migliorare le capacità, questo è ciò che fanno le persone intelligenti e di successo.

Studia il video, non voglio essere un pappagallo!

Negli ultimi anni si è osservata una chiara tendenza a cambiare radicalmente il ruolo dell’insegnante. Questo cambiamento si esprime nella direzione dell’insegnante di essere una guida per gli studenti e meno di un “docente” che legge un programma e saggi pre-scritti utilizzando il metodo MAM (l’insegnante sta in piedi e insegna). Si possono vedere metodi come una “aula invertita” in cui gli studenti imparano il materiale impartito (la fase in cui assorbono la conoscenza) come compiti a casa filmati o scritti e solo poi arrivano in classe ed eseguono la fase di pratica e discussione. Sono stati sviluppati numerosi altri metodi, come l’educazione basata su progetti (PBL) che si è sviluppata nell’Hi-Tech e nell’associazione “Atid Plus” che ho fondato nel 2013 con il mio partner Daniel Kobler. Nell’ambito del lavoro dell’associazione, abbiamo sviluppato il programma “Tech Farm” in cui gli studenti hanno appreso i materiali con l’aiuto di piccoli gruppi di ricerca che hanno lavorato insieme per risolvere un problema nell’azienda agricola e hanno inventato un prototipo con l’aiuto di mentori e infine ha partecipato al concorso nazionale per l’imprenditorialità giovanile nei settori dell’agrotech. Infatti, per tre anni consecutivi, abbiamo vinto il concorso nei primi tre posti, insieme a un aumento significativo del centinaia di per cento nel numero di persone che si avvicinano alle specializzazioni 4-5 in matematica e scienze estese. Il cambiamento è stato così evidente che nel villaggio giovanile “Khonat” nel 2013 solo due studenti hanno completato 4-5 unità di matematica, e 3 anni dopo si è verificato un aumento di quasi il 1.000%. Ci siamo resi conto che con l’aiuto di modelli positivi, insieme alla leadership di eccellenti educatori e coordinatori sul campo come Coral Beaton (che in seguito divenne CEO dell’associazione) è possibile creare un cambiamento fondamentale e approfondito negli studi scientifici che non sono “leggono” ai bambini, ma vengono effettivamente fatti sul campo e creano motivazione negli studenti per raggiungere le specializzazioni scientifiche estese insieme a ottimi istruttori con elevate capacità formative e piccoli gruppi di apprendimento.

Consentire a uno studente di diventare insegnante

Puoi vedere nell’allenatore della squadra nazionale americana il metodo in una scuola di matematica che Petah sta insegnando agli studenti delle scuole superiori , e funziona sorprendentemente.

Durante una passeggiata mattutina sulla spiaggia del Carmelo alla fine del 2021, mi sono rivolto a Daniel, il mio partner nella fondazione dell’associazione “Etid Plus”, con l’idea di produrre VBL – video based learning o in ebraico “video based learning” . Sono venuto in questa direzione perché pensavo che se fossi un insegnante, non avrei voluto ripetere sempre gli schemi delle lezioni come un pappagallo. Vorrei investire il mio tempo in un’istruzione significativa, aiutando i deboli e i modelli positivi in cui aiuto coloro che lottano davvero con la pratica insieme a quelli della classe che possono correre a un ritmo più alto del proprio in modo indipendente.

Gli insegnanti e le scuole sono stati ben ricompensati nel progetto pilota. Il progetto pilota è proseguito ampiamente nel 2022 con gli insegnanti di ruolo di 8 scuole che non hanno ricevuto compensi significativi, con l’obiettivo di testare se il progetto è sostenibile su scala nazionale. Gli insegnanti del progetto pilota esteso hanno mostrato scarsa motivazione e incapacità di investire tempo, e ciò ha portato alla conclusione che, per avere successo su scala nazionale, il Ministero dell’Istruzione deve investire nella produzione di video di qualità in tutte le materie principali con i migliori risultati. insegnanti in Israele e producono davvero “stelle” insieme all’apprendimento e alle tecnologie di apprendimento attorno al video che creeranno un’esperienza interattiva.

Oggi questo accade soprattutto in Yschool e in altri singoli siti web di aziende private. A nostro avviso, affinché il progetto abbia successo, il Ministero dell’Istruzione dovrebbe indire un bando di gara a società private, con l’appalto diviso tra diverse società di produzione e non controllato da una società sul mercato, come ad esempio una società di cambio. A tutto questo si aggiunge un ulteriore premio per le produzioni di successo con un punteggio oggettivo che mira a strumenti di misurazione che rispettino gli standard del libero pensiero.

In questo modo, non devi assumere solo insegnanti professionisti, ma puoi anche assumere studenti e studenti di grado superiore che si limiteranno a praticare le lezioni, proprio come nell’accademia dove i praticanti sono studenti. Un insegnante professionista continuerà a dirigere la classe, ma il suo tempo sarà libero per guardare tutto dall’alto e prendersi cura dei più deboli.

Secondo me conviene utilizzare questo metodo solo dalla quarta elementare in poi perché gli studenti più giovani devono avere un insegnante davanti a loro e lavorare sulla tenacia e sulla capacità di autoapprendimento.

Nuova scuola per verificare la fattibilità

Coral Beaton, amministratore delegato dell’associazione, sta attualmente fondando una nuova scuola insieme all’educatore Theodore Landau chiamata “Chaos” che creerà “caos positivo” nell’istruzione e sarà la prima del suo genere in Israele, per i giovani della periferia sociale ed economica che aspirano ad essere indipendenti ed eccellenti. La scuola fornisce orientamento e continuità dal 9° anno in condizioni accademiche e di collegio, attraverso il servizio nell’IDF fino al congedo dall’esercito e anche negli studi accademici e nell’impiego dopo l’esercito. La scuola sarà completamente diversa dalle scuole che esistono oggi. più simile a un’accademia che a una scuola, con lezioni facoltative e un’enfasi sulle materie fondamentali – matematica e inglese – una scuola bilingue insieme a un forte legame con aziende high-tech e industrie avanzate nel settore.

Né l’insegnante né lo studente vogliono essere un pappagallo. L’insegnante, abbiamo già capito perché, lo studente non vuole solo memorizzare tutto il giorno. L’apprendimento più tradizionale fino ad oggi si basa sul vedere lo studente come un “contenitore”, che riceve solo in un modo unidirezionale. Il presupposto è che la base della conoscenza sia l’insegnante. La realtà di oggi dimostra già il contrario. Dobbiamo rompere la dipendenza dall’insegnante come base della conoscenza e sviluppare il maggior numero possibile di studenti indipendenti: l’apprendimento video come nome in codice per tutto l’apprendimento indipendente che non sia basato su un insegnante. Leggere un libro, ascoltare una conferenza registrata dall’estero, cercare informazioni da soli, imparare attraverso un gioco, ecc. Imparare in comunione, un’idea geniale e semplice vecchia di centinaia di anni che le comunità religiose e l’educazione della Torah lo fanno in modo fenomenale dall’età di 3 anni in “Haydar” e l’istruzione secolare statale ha molto da imparare da loro.

Un metodo per apprendere metodi

Metodi di apprendimento e accesso alle soluzioni: spesso l’intelligenza viene confusa con un metodo o con un approccio ai problemi. L’ordine e l’organizzazione contribuiscono alla comprensione del problema che abbiamo davanti indipendentemente dall’intelligenza di chi lo risolve. Nello sviluppo di software, i migliori sviluppatori sono quelli che affrontano i problemi che hanno di fronte in modo generico con un certo approccio quando il loro ambiente di lavoro è modellato e non sono necessariamente gli sviluppatori più intelligenti dell’organizzazione. Ecco perché è fondamentale nelle scuole insegnare un approccio corretto ai diversi tipi di problemi e questo ovviamente include l’ordine, la comprensione approfondita del problema, l’organizzazione delle informazioni, ecc.

Il programma JUMP Math di John Mitton si fonda sulla convinzione che chiunque possa eccellere in matematica, purché abbia il giusto ambiente di apprendimento e le giuste risorse. Questo approccio innovativo all’insegnamento della matematica è stato oggetto di diversi studi che hanno cercato di valutarne l’efficacia.

Uno studio condotto dal Dr. John Pollock dell’Università di Toronto è stato progettato per valutare l’efficacia del programma JUMP Math nel migliorare le prestazioni in matematica degli studenti. Lo studio ha incluso studenti dalle classi 3 a 6 e ha confrontato i loro risultati in matematica prima e dopo aver partecipato al programma JUMP Math. I risultati hanno mostrato che gli studenti che hanno partecipato al programma hanno ottenuto miglioramenti significativi nelle loro prestazioni in matematica con un aumento medio di 2,4 voti in un solo anno.

Un altro studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Ontario Occidentale e dell’Università Wilfrid Laurier ha analizzato l’impatto del programma JUMP Math sulla conoscenza matematica e sulla fiducia in se stessi degli studenti. Lo studio ha rilevato che gli studenti che hanno partecipato al programma hanno dimostrato non solo un miglioramento nelle prestazioni in matematica, ma anche una maggiore fiducia in se stessi nelle proprie capacità matematiche.

In uno studio randomizzato e controllato del 2016, i ricercatori dell’Università della California, Irvine, hanno studiato l’impatto del programma JUMP Math sui risultati in matematica degli studenti dalle classi da 1 a 5. I risultati hanno indicato che gli studenti del gruppo JUMP Math hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai loro coetanei del gruppo di controllo, indicando che il programma è efficace nel migliorare le competenze matematiche degli studenti.

Questi studi forniscono la prova che il programma JUMP Math può portare a miglioramenti significativi nelle prestazioni in matematica e nella fiducia in se stessi tra gli studenti. Suddividendo i problemi complessi in passaggi gestibili, fornendo valutazioni e feedback continui e costruendo la fiducia attraverso il successo, l’approccio JUMP Math consente agli studenti di sviluppare solide basi in matematica e superare le barriere comuni associate all’ansia per la matematica. Il successo del programma JUMP Math supporta l’idea che con gli strumenti e le istruzioni giuste, chiunque può imparare ed eccellere in matematica.

Parte X

La famiglia trasmette valori e un esempio personale, ma anche un’educazione viziata da un ambiente domestico difficilmente poi risanabile. Ecco perché è importante fornire un’educazione all’ottimismo e al pensiero positivo: per fare cose grandi e importanti è necessario sognare, e per realizzare i sogni è necessario essere ottimisti. Si consiglia di leggere Flourish di Martin Seligman. Alla fine di ogni giornata chiedi “Cosa è andato bene oggi?”

Parte X – Ogni essere umano ha una parte X che combatte il cambiamento e il progresso con varie scuse. Insegna a tuo figlio a combattere la sua parte X e a migliorare costantemente, ad andare avanti e a cambiare idea quando le circostanze cambiano.

Persone che parlano di persone che parlano di idee

Le persone sono sostanzialmente divise in due tipologie, il tipo a cui piace parlare di idee e opinioni e l’altro tipo a cui piace parlare di persone e di shopping. Io sono del primo tipo, sono sempre stato più interessato ai processi e alle idee che mi avrebbero fatto avanzare che a sentire cosa gli altri facevano o compravano per se stessi.

Vale la pena educare te stesso e tuo figlio a non preoccuparvi di ciò che gli altri hanno o non hanno, ma piuttosto di come sono arrivati ​​dove sono arrivati, di come studiare e su cosa dedicare il tempo.

È più interessante il modo in cui Elon Musk, ad esempio, è arrivato dove è arrivato rispetto a quanti soldi ha guadagnato ieri. A proposito, per quanto riguarda Elon Musk, una delle cose che dovrebbero interessarti è che ha letto centinaia di libri teorici fin da quando era bambino, e questo è uno dei principali fattori del suo successo. Il secondo fattore è probabilmente la mancanza che è cresciuta in lui, di averlo portato in un buon posto.

studiare da solo

Autoapprendimento – la maggior parte dei campi in cui raggiungiamo un livello elevato come composizione, calcio, software, matematica, pittura, fotografia, falegnameria, ecc., li impariamo da soli per voglia di progredire e per curiosità. Esiste una fase in cui se il bambino non impara da solo, non sarà in grado di superarla – nella maggior parte dei casi questo desiderio esiste nei bambini che provengono da qualche tipo di deprivazione, quindi è importante esporre i bambini verso cose nuove e guidarli in una direzione iniziale e lasciare a loro il resto.

L’analisi porta moralità?

Secondo il libero pensiero sì, perché sviluppa la logica. La logica costruisce la moralità nell’infanzia perché la coscienza è in realtà il desiderio di non causare danno a un altro. È così che i bambini costruiscono la loro coscienza e moralità fin dalla tenera età. L’analisi aiuta fondamentalmente il bambino a quantificare, ma non solo i numeri, ma anche le idee astratte.

fare il primo passo

È importante educare a tendere al contatto con l’azione e non solo a progettare e progettare.

Educare a pensare che cambiare la realtà è possibile – se si agisce. Un uomo chiese ogni giorno per settimane di vincere alla lotteria altrimenti sarebbe andato in bancarotta. Ogni giorno veniva e chiedeva di vincere alla lotteria. L’ultimo giorno ha letteralmente implorato: “Devo vincere alla lotteria, perché non mi lasci vincere?!” Poi ha sentito una voce: “Nessun problema, ma prima devi comprare un biglietto”.

combattere la gelosia

Confrontarti solo con te stessa del passato e non con altre che saranno sempre più intelligenti, più belle, più divertenti o più ricche. Non desidererai. È importante educare esattamente al contrario di ciò che educano i social network e cioè guardare costantemente gli altri, a testa in giù! Guarda te stesso e migliora.

Le azioni valgono più di mille parole

Un esempio personale in ogni aspetto della vita in cui si voglia insegnare il modo di agire, come la voglia di accettare le critiche.

Modestia – attraverso l’esempio personale.

Minimalismo – attraverso un esempio personale. Non comprare mille cose. Proprio quello che serve.

Lettura in famiglia: è più facile insegnare a leggere quando tutti leggono contemporaneamente. Sono preferibili libri di saggistica e biografie. Azioni e parole sono uguali: mostrare con l’esempio personale e le spiegazioni che la parola ha potere e che si dovrebbe fare quello che dicono e dire quello che fanno.

Ad esempio, a casa nostra, se mia moglie o io promettiamo qualcosa ai bambini, ciò sarà sempre mantenuto, parola per parola, ma dai bambini ci aspettiamo esattamente lo stesso. Un esempio nei fatti, non nelle parole.

Impara a dare e ricevere feedback onesti

Uno dei problemi delle persone è che non accettano le critiche e le vedono come un danno personale.

Mi piace molto chiedere alle persone e agli amici la loro opinione su tanti argomenti, e spesso incontro il timore di criticarmi. Dopotutto è per questo che lo chiedo, ricevere critiche, solo così posso migliorare, soprattutto nel mondo degli affari. Ho pensato al nome Plus500 durante un viaggio in India quando era con me la mia compagna e amica Gal, ovviamente gli ho chiesto sulle scale cosa ne pensi del nome? Mi ha detto “bel nome”, lo conosco, se avesse pensato che fosse un brutto nome, avrebbe semplicemente detto “un nome schifoso”, ho scritto il nome in quel bar in India.

Se qualcuno dice qualcosa di negativo sulla tua idea, non riguarda te! Se “entri” in lui, non sentirai più vere critiche da parte sua e questo ti farà molto male. Cattiva critica a un’idea: ottima per te, in questo modo se ci pensi liberamente e vedi che ha ragione, risparmierai un sacco di lavoro inutile. I tuoi pensieri e le tue idee hanno bisogno di critiche oneste da parte di chi ti circonda, altrimenti sarai come Saddam Hussein o altri che non capivano la realtà che li circonda. Insegna a tuo figlio in questo modo, a chiedere critiche oneste e a dare critiche oneste.

La gentilezza porta bellezza

Educazione alla cortesia: quando si pensa all’altro, si verificano processi enormi anche a livello statale. Le piccole cose alla fine influenzano le grandi cose. I paesi più educati sono anche i più puliti (Giappone, Paesi nordici e altri).

La cortesia porta ottimi prodotti e un bellissimo paese. La cortesia è spesso vista come una semplice etichetta sociale, ma il suo impatto va ben oltre la gradevolezza e le buone maniere. La cortesia, infatti, può essere un volano per lo sviluppo di grandi prodotti e di un bel Paese. Ecco alcuni motivi:

  • Collaborazione e innovazione – La cortesia favorisce un ambiente positivo e rispettoso, incoraggiando le persone a lavorare insieme e condividere idee liberamente. Uno spirito di cooperazione porta a soluzioni innovative e prodotti di qualità che rispondono ad una vasta gamma di esigenze e preferenze.
  • Soddisfazione dei cittadini: i dipendenti educati e cortesi tendono a fornire un servizio clienti migliore, a comprendere e anticipare le esigenze dei propri clienti, il che porta ad una maggiore soddisfazione e fedeltà dei clienti e, in definitiva, a una maggiore domanda di prodotti e servizi.
  • Attrarre talenti e investimenti: un ambiente imprenditoriale educato e rispettoso attrae professionisti e investitori di talento da tutto il mondo. Questo afflusso di talenti e investimenti contribuisce allo sviluppo di prodotti, servizi e infrastrutture avanzati, migliorando in definitiva la bellezza e la prosperità complessiva del Paese.
  • Armonia sociale: la cortesia aiuta a creare una società armoniosa in cui le persone hanno maggiori probabilità di rispettarsi e sostenersi a vicenda. Questa coesione sociale rende più facile per le comunità lavorare insieme per migliorare il proprio ambiente e preservare la propria bellezza naturale.
  • Coscienza ambientale: una società educata tende a valorizzare il rispetto non solo reciproco, ma anche per l’ambiente. Questa coscienza collettiva incoraggia lo sviluppo di prodotti rispettosi dell’ambiente e di pratiche sostenibili che contribuiscono alla bellezza e al benessere generale del Paese.
  • Turismo e reputazione internazionale: una cultura educata e accogliente che attrae i turisti. È più probabile che visitino e consiglino un paese in cui si sentono rispettati e apprezzati. Si rafforza così l’industria del turismo, che sostiene la conservazione del patrimonio naturale e culturale e valorizza la bellezza del Paese.
  • Risoluzione dei conflitti: la cortesia è una componente essenziale di una comunicazione efficace che aiuta a risolvere i conflitti in modo più amichevole. Ciò porta all’allocazione delle risorse e a un migliore processo decisionale, con conseguente sviluppo e manutenzione efficienti delle infrastrutture e degli spazi pubblici.

La vera indipendenza è la libertà

Ciò che sembra essere indipendenza è più il fatto che il bambino si appropria del suo tempo e delle sue decisioni, dandogli autonomia sul suo mondo, fidandosi di lui. I bambini sentono quando ricevono fiducia. Il termine “impiegare bambini” non è riconosciuto dalle tribù perché i bambini hanno i loro tempi e i loro programmi, la definizione più corretta è libertà, dare libertà, non controllare proprio perché a nessuno piace essere controllato. È così che sono cresciuto, controllo il mio tempo e sono interessato e impegnato con ciò che voglio. C’è stato un tempo in cui avevo 4 anni che non volevo andare all’asilo, mia madre era d’accordo, e non sono andata all’asilo per diversi mesi.

Trovare un campo in cui vuoi realizzare qualcosa di grande e nobile significa che è un campo adatto a genitori o figli. La libertà per i bambini alla fine porta al lavoro di squadra perché percepiscono ad un certo punto che hanno bisogno di lavorare in squadra per fare qualcosa di grande e avere successo, così si sono sviluppati anche gli esseri umani, la forza degli omospini è la cooperazione, e quindi questa è una qualità fondamentale svilupparsi nei bambini nonostante le definizioni che oggi si mettono tra le case, un fenomeno che in Israele non esisteva ma si sta sviluppando rapidamente.

Sono cresciuto in una casa che ti ha insegnato l’indipendenza fin da quando eravamo piccoli. I genitori erano al lavoro tutto il giorno. Mio padre Jacob, ingegnere elettrico del Technion, ha lavorato a Raffaello per molti anni e tornava a casa dopo le 22 di sera. Mia madre Noemi, che lavorava come assistente sociale nel servizio per la bambina, tornava dopo mezzanotte. Ci preparavamo il cibo, viaggiavamo da soli in autobus per andare a lezione e praticamente facevamo quello che volevamo. Non ti lamenti né piagnucoli perché tutto è sotto la tua responsabilità e non vuoi rendere le cose difficili ai genitori. Ogni giorno in casa si litigava per tutto, dalle tavolette di cioccolata alla televisione. Mi ha insegnato a cavarmela da solo con il cibo, i soldi, i nemici, ecco come eravamo a volte tra fratelli. Non abbiamo mai dovuto riferire dove eravamo e quando saremmo tornati. C’era totale libertà e sostegno perché potessimo fare qualsiasi cosa. Ricordo che mio padre diceva sempre “La famiglia Gonen non ha paura di niente” mi risuona ancora, e lo ripeto sempre anche ai miei figli “La famiglia Gonen non ha paura di niente”.

L’indipendenza è lasciare che il bambino esca da solo e giochi con gli amici del vicinato. Negli Stati Uniti non abbiamo questo e ciò influisce sullo sviluppo dei bambini, è uno dei maggiori vantaggi in Israele. C’è un’enorme differenza se devi accompagnare un bambino dagli amici o se succede da solo. Ho notato che i miei figli… quando non proviamo a controllare i loro desideri, loro non cercano di controllare Figlio, colui che dà la libertà riceve la libertà. L’indipendenza di un bambino dovrebbe essere espressa anche nel suo affrontare da solo la rabbia e la frustrazione, puoi praticarlo e farlo Si raccomanda di dare al bambino piena indipendenza nell’affrontarli, portarlo alla motivazione e non alla disperazione.

Forma difficoltà nell’uscirne

Quando i bambini capiscono che le difficoltà e le mancanze sono ostacoli da superare e non muri insuperabili, accadono cose belle. Ecco perché è importante lasciarli affrontare da soli e assicurarsi che abbiano speranza. Ottimo articolo su ciò che la scienza ha da dire sull’argomento .

La difficoltà può anche esprimersi nella riluttanza a svolgere piccoli compiti a casa, ma è importante iniziare con piccoli compiti. Ciò che funzionava meglio nella nostra casa era dare a ogni bambino un ruolo durante il pasto, uno puliva la cucina, l’altro lavava i piatti e il terzo si limitava a sparecchiare. Ogni settimana i ruoli cambiano. All’inizio si lamenterebbero, ma dopo circa una settimana per loro sarà del tutto naturale.

Non concludiamo i compiti con belle parole e non andiamo in giro ma andiamo dritti al punto “Porta il piatto nel lavandino”.

Una delle cose che mi ha aiutato a uscire dalle difficoltà è stata che ho sempre visto l’orizzonte oltre il problema immediato. Inoltre, i miei genitori hanno sempre sottovalutato la dimensione delle sfide e dei problemi, qualcosa del tipo “so che è difficile, ma ce la farai sicuramente.” Aiutare i bambini è importante, ma solo quando ne hanno davvero bisogno, altrimenti è meglio lasciali provare da soli.

Nella tribù Yuktan, quando i bambini imparano a camminare, le madri stanno dietro al bambino e lui sente che sta camminando da solo. Rispetto ai genitori invadenti che stanno davanti al bambino e gli tengono le mani, da questo si capisce molto.

Non puoi avere successo senza fallimenti. È importante raccontare i fallimenti e il motivo per cui sono accaduti. È bello fallire ma sì per capire dov’è l’errore e non ripeterlo. Svolgere i lavori domestici insegna l’indipendenza e la gratitudine.

Non sapevano rivelare il contrario

Svelare! I bambini acquisiranno la maggior parte delle conoscenze e delle abilità da soli, il bello è iniziare il processo. Il carattere del bambino alla fine lo porterà a concentrarsi su una questione e a metterne da parte un’altra. Ad esempio: aprire un conto in banca per un bambino e mostrargli come depositare denaro e come acquistare un’azione. Ricordo che mio padre mi comprò un Commodore la prima volta in modo che potessi vedere come funzionava il nuovo personal computer.

Lascia il sintomo

Risolvere il problema e non il sintomo è in gran parte l’essenza del libero pensiero. Jeff Bezos, che ha costruito l’azienda che ha cambiato il modo in cui le persone fanno acquisti, ha pronunciato questa frase potente: “Non risolvi il sintomo, risolvi il problema che ha causato il sintomo – e questo è il segreto del successo di Amazon negli ultimi 20 anni” (minuto 12:33 su YouTube questo ).

Cosa è importante che i genitori sappiano?

Naturalmente, i bambini vogliono essere indipendenti.

Casa, progetti, affari, salute, i nostri desideri si disordinano o decadono nel tempo, ecco perché dobbiamo costantemente investire energie nel sistemarli: l’educazione all’ordine e al non accettare il disordine è fondamentale fin dalla giovane età.

La gentilezza viene trasmessa alla generazione successiva: è importante dimostrarlo con l’esempio personale.

I bambini copiano ciò che vedono e cresceranno con ciò che hanno visto, è così che la natura ci ha creato.

L’educazione alla lettura o alla matematica è come l’interesse composto, investi le conoscenze precedenti in conoscenze aggiuntive e il ritorno è inimmaginabile.

Le difficoltà, le mancanze e affrontarle fanno bene a costruire un carattere forte e voglia di migliorare.

Giardini

L’istruzione nella scuola materna è una base essenziale per l’apprendimento e lo sviluppo dei bambini. Questi primi ambienti educativi non solo supportano le famiglie migliorando i loro sforzi educativi, ma è importante che promuovano l’amore per la natura e l’apprezzamento per il mondo che ci circonda. Attraverso attività di costruzione del carattere, i bambini imparano l’importanza dell’autodisciplina, nonché la differenza tra obiettivi a breve e lungo termine.

Inoltre, l’istruzione all’asilo infonde un senso di patriottismo e amore per il proprio paese, insegnando al tempo stesso competenze sociali essenziali come la gentilezza, l’empatia e la cooperazione efficace all’interno di una squadra. Promuovendo buone abitudini alimentari, i giovani studenti sono incoraggiati a fare scelte sane che contribuiscono al loro benessere generale.

Le attività di lettura quotidiana all’asilo aiutano i bambini a sviluppare capacità di alfabetizzazione e a coltivare il loro amore per i libri. Inoltre, questi quadri educativi enfatizzano il valore del minimalismo e della contentezza e insegnano ai bambini ad apprezzare la semplicità e a trovare la felicità in meno. Infine, gli asili nido offrono ai bambini l’opportunità di acquisire familiarità con i numeri, le divisioni e l’aritmetica semplice e gettano le basi per le loro capacità analitiche e il futuro successo in matematica.

Alla gente piace di più stare con gli amici

La cosa che i bambini amano di più è giocare con i bambini. È molto semplice. Ciò deriva da centinaia di migliaia di anni di evoluzione, quando vivevano in tribù e dovevano prendersi cura l’uno dell’altro da adulti, l’addestramento a questo avveniva nei bambini. La natura ci ha costruito un meccanismo che ci premia quando siamo con gli amici. Anche per gli adulti è naturale per loro stare in compagnia degli amici più cari. Nella società moderna vedi un amico al massimo per quattro ore a settimana, nel nostro passato vediamo le tribù almeno 8 ore al giorno con i membri della tribù. Questo è uno dei motivi per cui le tribù non toccate dalla modernizzazione sono più felici dell’uomo moderno.

Alcuni studi hanno scoperto che le persone nelle società tribali possono avere livelli relativamente elevati di felicità e benessere. Ad esempio, studi sul popolo Hadza in Tanzania e sul popolo Tsiman in Bolivia hanno dimostrato che sperimentano alti livelli di soddisfazione e benessere dalla vita. Si ritiene che fattori come forti legami sociali, lavoro significativo e un profondo legame con la natura contribuiscano alla loro felicità.

Questo è un punto di cui non si tiene conto nell’edilizia moderna piena di muri così come nei nuovi quartieri. Anche il sistema educativo non si occupa abbastanza di questo aspetto, ad esempio lasciare che i bambini più grandi insegnino a quelli più piccoli, è del tutto possibile, ma non viene attuato nelle scuole.

Un’università promuove follemente la società

Perché l’università promuove la società e come può fare di più?

  • Questo è il luogo in cui vengono formati ingegneri e leader economici.
  • Studi di software obbligatori in tutte le facoltà anche in letteratura.
  • Tutti i corsi online: obbligano le università a consentire a chiunque di iscriversi ai propri studi online.
  • Ogni facoltà avrà un corso di matematica.
  • Integrazione pratica nel settore come parte degli studi.
  • Fornire opzioni per l’integrazione di nuove imprese provenienti dalle università.
  • Corsi sul processo decisionale e sul cambiamento delle opinioni.

Ho letto e imparato

Libri specifici sull’educazione che hanno influenzato notevolmente il mio pensiero:

Esther, il cui cognome non so scrivere in ebraico e che è, secondo me, la migliore insegnante del mondo, insegnava nella Silicon Valley nella scuola di mio figlio. Mia moglie ed io siamo andati a vedere la sua conferenza. Dopo un minuto ho capito perché è un’insegnante leggendaria nella Silicon Valley con migliaia di studenti che la adorano. Lei risponde con una sicurezza abissale, con uno sguardo saggio e si vede che ha visto quasi tutto. In conclusione, si fidava dei suoi studenti e questo dava loro la forza mentale per non aver paura di imparare. Durante il suo discorso avevo già comprato il suo libro su Audible e mia moglie ha ordinato il libro stampato. Nella conferenza Esther ha affermato che è molto importante educare i bambini all’indipendenza, alla fiducia, alla gentilezza, alla cooperazione e al rispetto reciproco. Indipendenza significa fidarsi dei bambini non come se, ma davvero, come lasciare che facciano una frittata all’età di 6 anni, andare a scuola da soli e assumersi la responsabilità della loro giornata.

Si consiglia di leggere il libro probabilmente della migliore insegnante del mondo: Esther Wojcicski .

In una delle lezioni le madri chiesero: “Cosa devo fare se mia figlia vuole andare a scuola con le scarpe strappate e aperte senza mangiare?” Esther sorrise e rispose “Le dà fastidio o la mette in pericolo?” La madre capì senza ulteriori informazioni. spiegazione, per lasciare andare la ragazza così. E’ un suo problema. Ed è proprio l’educazione all’indipendenza lasciare che il bambino si assuma la responsabilità delle proprie azioni purché ciò non metta in pericolo la sua vita.

Misura ciò che è possibile

Misurare ciò che è possibile guadagnare è un quadro importante.

Un altro libro molto importante per la riflessione, anche se non proviene dal mondo dell’istruzione, è “Misura ciò che è importante” di John Dorr, uno dei primi investitori di Google e di altre aziende. Il libro dimostra come misurando e rialimentando sia possibile migliorare costantemente attraverso un metodo chiamato OKR (acronimo di “goals and key results”). È un metodo ingegneristico che migliorerà notevolmente il sistema educativo quando il livello sarà misurabile e con obiettivi chiari e misurabili. Si tratta di un quadro di definizione degli obiettivi e di gestione delle prestazioni che aiuta le organizzazioni e gli individui a stabilire obiettivi chiari e misurabili e a monitorare i progressi verso il loro raggiungimento. Gli OKR sono costituiti da due componenti:

  • Scopo: uno scopo di qualità chiaramente definito, ambizioso e stimolante.
  • Risultati principali: un insieme di risultati quantificabili e misurabili che indicano se l’obiettivo è stato raggiunto.

Esempio: supponiamo che un’azienda desideri migliorare la soddisfazione del cliente. Ecco un esempio di OKR per questo scopo:

  • Obiettivo: migliorare la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente.
  • Risultati chiave:
  • Tempo medio di risposta dell’assistenza clienti ridotto da 24 ore a 8 ore entro 3 mesi.
  • Ottieni un tasso di soddisfazione del 90% nei sondaggi sul feedback dei clienti nei prossimi 6 mesi.

L’obiettivo è qualitativo e stimolante, mentre i risultati principali sono quantificabili e forniscono obiettivi specifici per misurare i progressi.

Come venivano educati i bambini una volta

Un altro libro altamente raccomandato, Hunt Gather Parent , mostra come i bambini venivano allevati nelle società tribali. Lì troverai informazioni sorprendenti su operazioni scomparse dalla civiltà odierna. Il libro è molto importante perché molte soluzioni per un’istruzione adeguata sono scomparse da noi con la modernizzazione. Una delle cose che ha cambiato la mia percezione è che le mamme del passato erano vicine al loro bambino nei primi anni, dormivano con lui, lo allattavano e non lo lasciavano affatto piangere, questo cambia completamente l’approccio intuitivo occidentale che dice di crescere un bambino in un’altra stanza, lasciarlo piangere ed educarlo a stare solo, a dormire da solo fin da piccolo. Nella società tribale, nei suoi primi anni sta vicino alla madre tutto il giorno, allattandola quando vuole.

“Hunters, Gatherers, Parents” è un libro della dottoressa Michaeline Duclef, pubblicato nel 2021. Il libro, una combinazione di antropologia, storia e consigli genitoriali, presenta un approccio alternativo ai moderni metodi genitoriali. Il dottor Duclef esamina i metodi genitoriali tradizionali utilizzati dalle società di cacciatori-raccoglitori e condivide importanti intuizioni e lezioni che possono essere applicate alla genitorialità nel mondo di oggi.

Nel libro, la dottoressa Duclef parla delle sue esperienze di viaggio con la sua giovane figlia per incontrare famiglie indigene in diverse parti del mondo, comprese le famiglie Maya sull’isola dello Yucateco in Messico, gli Inuit nel Canada artico e gli Hadzaba in Tanzania. Ha esaminato i loro metodi genitoriali e ha identificato i principi comuni che contribuiscono a far crescere bambini cooperativi, resilienti e felici:

  • Lavoro di squadra: incoraggiare i bambini a contribuire attivamente ai compiti familiari e comunitari favorisce la cooperazione e il senso di appartenenza.
  • Modellare il comportamento: i bambini imparano meglio osservando e imitando i loro genitori e gli altri membri della comunità.
  • Promuovere l’autonomia: consentire ai bambini di esplorare e apprendere al proprio ritmo, con guida e supporto, aiuta a costruire l’indipendenza e la fiducia in se stessi.
  • Supporto emotivo: fornire un ambiente educativo che valorizzi le emozioni dei bambini mentre insegna loro a regolare le proprie emozioni contribuisce al loro benessere emotivo.

Nel complesso, “Cacciatori, Raccoglitori, Genitori” sfida le norme genitoriali occidentali convenzionali e offre un approccio alternativo che enfatizza la cooperazione, l’intelligenza emotiva e il coinvolgimento della comunità per crescere bambini ben adattati.

Sistemi educativi di successo nel mondo

Il libro Cleverlands è un libro dell’educatrice e ricercatrice Lucy Crehan che esplora i sistemi educativi di cinque paesi noti per la loro eccellenza accademica: Finlandia, Giappone, Singapore, Cina e Canada. Il libro esamina i segreti dietro il successo dei poteri educativi nel mondo e può essere utilizzato come strumento di libero pensiero per “copiare il successo e migliorarlo”, vedere cosa funziona nei migliori sistemi educativi del mondo e applicarlo.

Nel suo libro Krihan combina le sue esperienze personali, interviste con insegnanti, genitori e studenti e una revisione completa della ricerca educativa per rivelare i principi centrali dietro questi sistemi di successo:

  • Uguaglianza: tutti e cinque i paesi danno priorità all’uguaglianza nei propri sistemi educativi e garantiscono che tutti gli studenti abbiano accesso a un’istruzione di qualità indipendentemente dal loro contesto socioeconomico. Ciò si ottiene attraverso l’assegnazione di finanziamenti, un sostegno sociale completo e interventi per gli studenti in difficoltà.
  • Insegnanti di qualità: questi paesi investono molto nel reclutamento, nella formazione e nello sviluppo professionale degli insegnanti. Garantiscono che l’insegnamento sia una professione rispettata, attiri i migliori talenti e fornisca loro risorse e supporto adeguati.
  • Curriculum su misura – I programmi di studio in questi paesi sono progettati per essere culturalmente rilevanti, basati sull’evidenza e focalizzati sullo sviluppo delle competenze fondamentali. Gli studenti sono incoraggiati a pensare in modo critico, risolvere problemi e impegnarsi nell’apprendimento collaborativo.
  • Elevate aspettative e responsabilità: i sistemi educativi di questi paesi impongono grandi aspettative sia agli studenti che agli insegnanti. Usano valutazioni standardizzate per monitorare i progressi e responsabilizzare le scuole e gli insegnanti dei risultati degli studenti.
  • Equilibrio tra autonomia e centralizzazione: esiste un equilibrio tra dare alle scuole e agli insegnanti autonomia nei loro metodi di insegnamento e curriculum mantenendo un certo grado di centralizzazione per garantire coerenza e qualità in tutto il sistema.

Cornici ovunque

Il libero pensiero è in realtà trasferire modelli di pensiero da un campo all’altro, l’ho fatto quando ho fondato Plus500, quando ho capito che il trading a breve termine è casuale, è così che ho utilizzato un modello matematico generale costruito nella mia testa sul trading a breve termine. Un altro esempio di trasferimento di un modello: quando vedi che gli animali allo stato brado non ingrassano anche se a volte hanno cibo in enormi quantità, la struttura mentale è “cibo infinito, non ingrasso, un meccanismo di controllo” quando trasferisci la struttura a esseri umani, capiscono che il problema dell’obesità umana non è la quantità. La struttura può essere trasferita agli esseri umani perché anche noi siamo una specie di animale.

Il libro ” Framers ” esplora il potere della cognizione umana e la sua capacità unica di costruire modelli mentali o “cornici”. Il libro approfondisce il modo in cui il framing influisce sul processo decisionale, sulla risoluzione dei problemi e sull’innovazione e dimostra come l’uso corretto dei frame può aiutarci ad affrontare questioni complesse e ad adattarci a un mondo in rapido cambiamento. Comprendendo e sfruttando il potere del framing, gli individui e le aziende possono migliorare la propria capacità di affrontare le sfide e plasmare un futuro migliore. Il libro è importante per capire cosa fa effettivamente il sistema educativo, cioè aiutare i bambini a costruire modelli mentali della realtà che li circonda, cioè inquadrarli.

Il framing è un processo cognitivo in cui le persone costruiscono modelli mentali o “cornici” per comprendere, interpretare e organizzare le informazioni nel mondo che li circonda. Questi quadri modellano le nostre prospettive, influenzano il nostro processo decisionale e guidano la nostra risoluzione dei problemi e la comunicazione. Il framing ci aiuta a comprendere situazioni complesse, a dare priorità ai problemi e a navigare nella grande quantità di informazioni che incontriamo ogni giorno.

L’inquadratura può essere sia conscia che inconscia e spesso riflette le nostre esperienze personali, il nostro background culturale e i nostri pregiudizi cognitivi. Il modo in cui viene inquadrato un problema o una situazione può influenzare in modo significativo la nostra percezione di esso, così come le soluzioni che consideriamo e le azioni che intraprendiamo. Quando siamo consapevoli di come funziona la struttura e adattiamo le nostre strutture mentali, possiamo migliorare la nostra capacità di affrontare le sfide e prendere decisioni migliori in vari aspetti della vita.

pensiero astratto

Il pensiero astratto è importante per diversi motivi, tra cui la risoluzione dei problemi, la creatività e l’adattabilità. Permette alle persone di comprendere concetti complessi, creare connessioni tra idee apparentemente non correlate e affrontare situazioni da molteplici prospettive. Insegnare il pensiero astratto ai bambini può essere facilitato attraverso vari metodi, come coltivare una mentalità di crescita, usare analogie, partecipare a conversazioni aperte, incoraggiare la creatività, promuovere il pensiero critico e offrire opportunità di riflessione.

La risoluzione dei problemi è importante per il pensiero astratto perché consente alle persone di scomporre problemi complessi in componenti più semplici e trovare connessioni tra diversi elementi. Questa capacità cognitiva aiuta i bambini a comprendere diversi aspetti di un problema, a considerare diverse soluzioni e a sviluppare strategie per risolverlo.

Il pensiero astratto favorisce la creatività consentendo ai bambini di immaginare nuove possibilità, generare idee originali ed esplorare soluzioni non convenzionali. Questa abilità aiuta con l’espressione artistica, l’innovazione e l’invenzione.

Man mano che i bambini sviluppano capacità di pensiero astratto, diventano più attrezzati per adattarsi a nuove situazioni e sfide. Questa flessibilità cognitiva è essenziale in un mondo in rapido cambiamento perché consente ai bambini di apprendere e applicare le nuove informazioni in modo efficace.

Insegnare ai bambini il pensiero astratto, incoraggiarli ad accettare le sfide e a vedere il fallimento come un’opportunità per imparare. Coltivando una mentalità di crescita, puoi aiutarli a sviluppare resilienza e perseveranza, che sono essenziali per il pensiero astratto.

Le analogie sono un potente strumento per insegnare il pensiero astratto, poiché aiutano i bambini a creare connessioni tra concetti apparentemente non correlati. Utilizza esempi quotidiani per illustrare idee complesse e incoraggiare i bambini a inventare le proprie analogie.

Incoraggia i bambini a esprimere apertamente i loro pensieri, idee e sentimenti. Si tratta di domande aperte che promuovono il pensiero critico e stimolano la curiosità intellettuale.

Fornire opportunità ai bambini di impegnarsi in attività creative come disegnare, scrivere o costruire. Ciò li aiuterà a sviluppare la loro immaginazione e a pensare fuori dagli schemi.

Insegnare ai bambini ad analizzare le informazioni, valutare le prove e mettere in discussione le ipotesi. Introdurli al pensiero logico, alle argomentazioni e ai processi decisionali.

Incoraggia i bambini a riflettere sulle loro esperienze, pensieri e sentimenti. Questa consapevolezza di sé può aiutarli a identificare modelli, trarre conclusioni e creare connessioni tra diversi aspetti della loro vita.

Il lungo termine di solito batte il breve termine

Quando scegli la strada giusta tra la pigrizia a lungo termine, dovresti resistere alla pigrizia e andare a lungo termine.

Gli esseri umani tendono a pensare al momento presente, principalmente a causa dell’evoluzione, la nostra realtà era più survivalista, quindi il breve termine era più importante del lungo termine, come l’odore del leone che richiedeva un’azione rapida e diretta in quel momento. Nei bambini è particolarmente evidente il desiderio di intrattenimento a breve termine: dagli spettacoli (2 ore) ai film, alle serie, ai reality, a YouTube e Tiktok (15 secondi).Il pensiero a lungo termine ha un potere speciale perché consente di raggiungere abilità e risultati quando pensi solo a lungo termine, come avviare un’azienda che di solito richiede diversi anni di duro lavoro e di pensiero a lungo termine, al termine dei quali puoi guadagnare capacità e capitale che non avresti mai ottenuto in nessun altro modo. La maggior parte delle persone non pensa a lungo termine nella vita di tutti i giorni, quindi questo offre un grande vantaggio a coloro che lo fanno.

La tendenza è sempre quella di interpretare ciò che è accaduto oggi o ieri, ma in realtà è molto più saggio comprendere l’andamento di diversi anni e non basarsi sugli eventi di oggi o di ieri.

Ad esempio, se il governo vuole cambiare i tribunali, è meglio interpretarlo in un arco di anni – deterioramento della qualità del governo.

La tendenza a lavorare più facilmente spesso vincerà a lungo termine: vedi il desiderio di non lavorare sodo in nessun business o tecnologia: un’auto invece di camminare, un piatto caldo invece di cibo fresco, un fornello a gas invece di un falò, Amazon …e questo è il punto più critico: vuoi vincere? Esercitati a pensare a lungo termine e poi inizia lentamente a pensare a lungo termine! Praticare il pensiero a lungo termine in molti casi ritarda effettivamente la gratificazione.

Le relazioni sono più pericolose del fumo

A differenza della tigre che vive sola, gli esseri umani, come gli animali, sono creature tribali che hanno bisogno di compagnia per sopravvivere. Certo possiamo sopravvivere anche da soli, ma la nostra natura è tribale, sociale. In tempi di pericolo o di emergenza, ci consolidiamo e ci uniamo sempre per sopravvivere. Pertanto biologicamente riceviamo una ricompensa quando siamo in mezzo ad altre persone e questo si riflette nelle relazioni a lungo termine. Non sorprende quindi che uno studio di lunga data abbia scoperto che le relazioni sono il fattore più importante per la longevità e la qualità della vita, più dell’alimentazione e più di ogni altra cosa. Va di pari passo con l’evoluzione, la scienza e la logica, quindi c’è una bella crepa nel libero pensiero.

La ricerca a lungo termine ha scoperto che le relazioni sono il fattore di salute più importante che predice la longevità e la felicità. Hanno anche scritto un libro su di lui intitolato Good Life. Buone relazioni a lungo termine portano prosperità e salute. Tuttavia, oggi c’è la sensazione che la tendenza sia quella di pensare a breve termine – terminare le relazioni con alta frequenza per la “prossima eccitazione” di avviare un nuovo sistema; cambiare i coniugi con quelli più giovani; Persone che non entrano affatto in relazioni per restare giovani e libere.

La differenza tra un’azienda di un anno e una di 29 anni è cielo e terra. La nostra naturale tendenza alla sopravvivenza è quella di stare con persone che conosciamo da molto tempo (tribù), è così che ci ha creato l’evoluzione.

Nelle relazioni a lungo termine, le parti si conoscono profondamente e sviluppano naturalmente un linguaggio comune e unico che consente alla coppia di promuovere i propri interessi comuni. Ed ecco l’enorme vantaggio.

La stessa idea funziona anche nel mondo degli affari. La conoscenza a lungo termine e i buoni rapporti negli affari vi permettono di andare avanti rapidamente senza problemi di sfiducia che comportano molto tempo inutile per accordi di società, un avvocato e innumerevoli indagini ed esami.

Oggi la “caccia congiunta” del passato può esprimersi in buoni rapporti e nella gestione dell ‘”azienda di famiglia” o nel lavorare con gli amici su un obiettivo comune. Ho sentito la mancanza della “tribù” soprattutto quando ho lasciato Plus500 dopo aver lavorato insieme per anni con un obiettivo comune e una profonda conoscenza.

Investimenti a lungo termine se non vuoi perdere

Sì, le criptovalute, il day trading di azioni e le scommesse sportive sono tutti investimenti a breve termine e probabilmente perderai.

È molto difficile credere e pianificare un profitto di un milione di NIS tra dieci anni, ma non guadagnare diecimila NIS domani. Gli investimenti a lungo termine portano in media a un rendimento più elevato rispetto a quelli a breve termine perché consentono di risparmiare sui costi e sui tempi di entrata e di uscita. Il mercato azionario è cresciuto negli ultimi 50 anni ad una media annua del 7% sopra l’inflazione, in altre parole, circa ogni 10 anni raddoppierai i tuoi soldi se ti limiti agli indici senza uscire e entrare. Al contrario, i day trader (investimenti a breve termine) perdono per lo più tutto il loro denaro, quando il denaro va in commissioni e interessi a borse, broker e banche. Allora dimmi a quale di questi due gruppi dovresti appartenere?

studi a lungo termine

  • La maggior parte di noi è motivata dal desiderio di lavorare facilmente (a breve termine) ed essere un po’ pigra. Ma come in molte cose, vale la pena rinunciare alla pigrizia per un futuro migliore (a lungo termine).
  • Pianificare gli studi per 10-20 anni a venire offre un enorme vantaggio rispetto agli altri e a te stesso. Uno sforzo di pochi anni (diciamo 4) da solo dà un rendimento per tutta la vita (diciamo 50).
  • Gli studi scolastici sono fondamentali per pensare a lungo termine! Quando consideriamo se studiare matematica o fisica a breve termine non ci darà molto, ma a lungo termine migliorerà il nostro pensiero e ci darà un vantaggio in qualsiasi materia scelta.
  • Esempio: dovresti studiare in un’università o in un college? Un articolo sulla differenza di stipendio tra college e università . Vale la pena investire due anni nel miglioramento dei voti per essere ammesso in un’università riconosciuta? Ovviamente. I laureati godono di uno stipendio medio del 23% in più rispetto ai laureati, quindi recupererai il tuo investimento in pochi anni e svilupperai forti legami con l’università.

Affari a lungo termine

  • Negli affari è particolarmente importante pensare a lungo termine perché un buon business dovrebbe essere costruito per molti anni e ci vuole molto tempo per raggiungere l’obiettivo (ad esempio costruire un’auto elettrica).
  • Shem Tov – Tov Shem Mashman Tov – l’espressione qui che rappresenta l’integrità e la verità spiega bene la regola secondo cui è meglio essere onesti e con una buona reputazione, piuttosto che essere pieni di soldi cattivi. E un’attività commerciale dignitosa nel tempo darà un profitto molto maggiore rispetto ai morsi veloci (è bello vedere che il male qui è punito con un profitto basso).
  • Il branding di un’azienda (come il nome di una persona) molte volte fa la differenza tra un’azienda di successo e un’azienda fallita: il branding per definizione è a lungo termine.
  • L’azienda che conosco che pensa più lontano è Amazon. Pensa a molti anni in anticipo. La differenza tra lei e gli altri è che lei adesso non pensa a come guadagnare, ma a come migliorare il servizio ed i prodotti per il cliente. Amazon mette il cliente al centro. Migliora costantemente due cose perché Jeff Bezos si è reso conto che questo è ciò che le persone cercano: un prezzo più basso per i prodotti e una consegna più rapida. Non ci sono dubbi su entrambi: migliorano la vita dei clienti.

Leggere e ascoltare libri

La vita è impegnativa, perché nella vita prima veniamo messi alla prova e solo dopo impariamo, ma con l’aiuto dei libri è possibile invertire l’ordine di cui sopra. La lettura è uno dei modi più importanti per progredire nella vita e incontrare una realtà che non abbiamo mai visto prima che la realtà ci colpisca.

Questo è l’elenco dei libri che ho letto e amato e che ci hanno aiutato, tra le altre cose, a fondare Plus500 e a pensare liberamente: libri consigliati che ho letto .

I ricchi leggono libri

L’88% delle persone benestanti “trascorre trenta minuti o più ogni giorno a leggere per auto-educarsi o auto-migliorarsi”.

Le persone di successo leggono molto. È noto che le persone benestanti sviluppano abitudini quotidiane come l’esercizio fisico, lo yoga, un sonno sano e la lettura.

coincidenza? Penso di no! Ricordi cosa abbiamo detto sopra su come la lettura migliora le tue funzioni cognitive?

Se sei curioso di sapere quali sono i loro libri preferiti, controlla l’elenco dei migliori libri letti dalle persone di successo e che ho letto anch’io.

Perché è importante per te e i tuoi figli leggere libri di narrativa e biografie

Le persone che scrivono libri di solito pensano in modo astratto, quindi probabilmente vale la pena ascoltarle, rispetto alle persone che non scrivono libri.

Immaginatelo: gli scrittori sono come gli chef, ma i loro ingredienti sono idee, non verdure. Rimbalzano pensieri, rimbalzano intuizioni e servono tutto su un piatto di pagine, decorato con saggezza. Quindi, se non rifiuteresti un pasto da Gordon Ramsay, perché dovresti rifiutare un libro di un autore di talento? È come scegliere un hamburger da fast food invece di un pasto in un ristorante a cinque stelle.

Potresti chiederti: “Perché dovrei preferire la saggistica e il giornalismo ai libri con una trama?” Beh, pensala in questo modo: i libri di saggistica sono come sessioni di palestra per il tuo cervello. Esercitano i tuoi muscoli logici molto più del romanzo poliziesco medio in cui a volte la logica del detective sembra essere attivata dai fagioli magici.

Tuttavia, non fraintendermi, le storie di fantasia possono anche essere un buon allenamento per il tuo cervello. Sono più simili allo yoga: stimolano l’immaginazione e l’empatia anziché la logica.

Pensaci, non ti fideresti che un bambino di cinque anni guidasse un’auto, vero? Allora perché fidarsi di qualcuno che non legge per avviare una conversazione? La lettura affina le nostre capacità cognitive, proprio come le lezioni di guida affinano le abilità di guida.

Ti sei mai chiesto come addestriamo l’intelligenza artificiale? È un processo abbastanza simile al modo in cui noi umani apprendiamo. Proprio come nutriamo l’intelligenza artificiale con tonnellate di dati, nutriamo il nostro cervello con informazioni, molte delle quali provengono dai libri. Quindi, in pratica, leggere un libro è come aggiornare il tuo software interno: non è richiesta alcuna codifica!

Nei libri trovi saggezza distillata, come trovare una perla in un’ostrica. Questo trasferimento di conoscenza è simile al trasferimento di un cimelio di famiglia di generazione in generazione, inestimabile ed eterno.

Ora, non tutti i libri sono uguali. Leggere un libro scritto da una persona qualificata, come un accademico o un imprenditore di successo, è come ricevere consigli da un life coach esperto. Sono il tipo di libri che ti danno una dose di realtà, non di fantasia ricoperta di zucchero.

Pensaci, la maggior parte delle persone che hanno lasciato il segno in questo mondo sono topi di biblioteca. Da Einstein, che probabilmente amava i libri più della sua spazzola per capelli, a Elon Musk, che potrebbe complottare per costruire una biblioteca su Marte, a Bill Gates, che probabilmente potrebbe costruire un forte con la sua collezione di libri.

Confrontalo, ad esempio, con TikTok. È come paragonare una torta di mele fatta in casa con una barretta di cioccolato acquistata in negozio. Certo, le caramelle possono darti una rapida scarica di zuccheri, ma la torta è immensamente soddisfacente e nutriente. Un libro scritto da un professore di economia sarà solitamente più sostanziale di un video TikTok creato per raccogliere Mi piace.

Prendiamo ad esempio Warren Buffett, l’uomo che probabilmente legge più in un giorno di quanto la maggior parte delle persone legge in un mese. Mantra per il suo successo? Libro “L’investitore intelligente”. Non è che riesce e quindi chiama, ma che legge e quindi riesce. Quindi la prossima volta che esiti a prendere un libro, ricorda, ti manca solo un libro per diventare il prossimo Warren Buffett. Beh, più o meno.

Come ascoltare libri e dove acquistare libri

  • Audiolibri – l’udito è una capacità che abbiamo da diversi milioni di anni rispetto alla lettura che ha diverse migliaia di anni – la conclusione è chiara – è molto più naturale ascoltare un libro che leggerlo. Il motivo per cui alcune persone preferiscono leggere è dovuto solo all’abitudine e non alla capacità. Alcune persone non leggono molto, e ci sono molte ragioni per questo, tra cui le difficoltà di lettura che rendono difficile leggere libri lunghi ininterrottamente. È qui che entrano in gioco gli audiolibri (libri registrati che puoi ascoltare sul tuo telefono o su qualsiasi dispositivo connesso a Internet). Gli audiolibri sono un modo meraviglioso per acquisire tutta la conoscenza e la saggezza che esiste nel mondo senza dedicare tempo speciale alla lettura. Io stesso di solito ascolto audiolibri mentre guido. Esercitando il libero pensiero, ti rendi conto che ascoltare libri e leggere libri sono molto simili.
  • È possibile ascoltare libri su: udible , storytel .
  • Acquistare libri a casa: Amazon e Stymatsky.

Perché i libri sono così importanti per noi?

  • Guadagnare soldi: i libri ci offrono nuovi modi di pensare al mondo economico e alle forze che lo compongono. Qui sono importanti i giornali economici di qualità come wsj e de-marker.
  • Quando leggiamo, immaginiamo ciò che leggiamo o ascoltiamo, e così l’immaginazione e il pensiero si sviluppano notevolmente.
  • I libri sono solitamente scritti da persone molto intelligenti e scelti dagli editori, il che è un ottimo filtro.
  • Leggendo, soprattutto libri teorici, impariamo effettivamente cose nuove e lo studio sviluppa il nostro pensiero e mantiene la capacità mentale.

La calunnia è cattiva

Ho apportato un cambiamento a me stesso e ho smesso con la brutta abitudine che avevo di ridere degli altri e di parlarne in modo denigratorio, anche se molte volte se lo meritavano. Mi sono reso conto che è principalmente dannoso per me. Provalo, funziona.

La Bibbia ci insegna a non parlare male degli altri, a “calunniare”, e che questo è fondamentale non solo per il benessere degli altri, ma anche per il nostro stesso benessere. Evitando di parlare negativamente degli altri, possiamo preservare la nostra salute mentale ed emotiva e contribuire a creare un ambiente positivo intorno a noi.

Uno dei motivi per cui evitare il dialogo interiore negativo contribuisce al nostro benessere è che ci aiuta a coltivare un’immagine di sé positiva. Quando parliamo gentilmente degli altri, dimostriamo qualità come compassione, empatia e comprensione. Queste qualità riflettono positivamente il nostro carattere e, quando le sviluppiamo, ci sentiamo meglio con noi stessi. Questo, a sua volta, migliora la nostra autostima e il benessere emotivo.

Un altro motivo è che non parlare male degli altri può portare a relazioni più forti e di maggior sostegno. Quando evitiamo pettegolezzi e calunnie, creiamo fiducia con chi ci circonda, favorendo un senso di comunità e di appartenenza. A nostra volta, beneficiamo del sostegno emotivo e dell’incoraggiamento che derivano dall’avere relazioni positive. Questo supporto sociale può essere vitale per la nostra salute mentale e il benessere generale.

Inoltre, evitare i discorsi negativi aiuta a prevenire conflitti e incomprensioni che possono essere emotivamente faticosi e stressanti. Parlando con gentilezza e rispetto agli altri, promuoviamo un ambiente pacifico e armonioso. Ciò riduce la probabilità di discussioni e controversie e ci consente di godere di interazioni ed esperienze più positive. Di conseguenza, i nostri livelli di stress diminuiscono e il nostro benessere emotivo migliora.

Inoltre, quando ci asteniamo dal parlare male degli altri, ci allineiamo alla Torah e ai comandamenti della Bibbia. Questo allineamento può fornirci un senso di scopo e direzione, che contribuisce al nostro benessere generale. Per molte persone, vivere secondo le proprie convinzioni spirituali porta conforto, pace interiore e un senso più profondo di appagamento.

pregiudizi mentali

Il nostro cervello lavora su di noi

Si dice che il nostro ambiente e i nostri geni determinino come sarà la nostra vita, ma il nostro processo decisionale è molto più importante di entrambi.Il pensiero parziale è pensare in base a un impulso che non ha logica e connessione con i bisogni di coloro il cui pensiero è di parte. Gli individui creano la loro “realtà” dalla loro visione del mondo senza essere prevenuti.

Un esempio di pregiudizio mentale: quando qualcuno acquista un’auto costosa solo perché il suo vicino ha un’auto costosa. Non c’è alcuna ragione razionale per questo comportamento e ha origine dalla gelosia del vicino – “pregiudizio dell’invidia”.

Per pensare in modo corretto e chiaro, dobbiamo sapere cosa ci fa pensare in modo errato e poco chiaro. Proprio come eviti l’alcol prima di un viaggio o di un fatidico esame. Il processo decisionale e il giudizio sono i principali fattori che influenzano la nostra vita quotidiana, ma non solo il nostro processo decisionale, ma anche tutti i fattori che ci influenzano. Ecco perché è importante capire cosa influenza il processo decisionale e migliorarlo.

I pregiudizi esistono per varie ragioni evolutive. Ad esempio, gran parte del nostro modo di pensare è costruito per i cacciatori-raccoglitori, ma viviamo in un ambiente moderno, dove fare la spesa al supermercato non richiede abilità di caccia avanzate, né abilità speciali di raccolta. È quindi probabile che questi pregiudizi vengano incanalati altrove e distorcano il nostro modo di pensare. Questa distorsione può essere corretta comprendendo i pregiudizi che la causano. Come gli animali, anche noi lavoriamo principalmente per procurarci cibo, riparo e riprodurci, oltre che per ottenere informazioni su questi tre.

Le informazioni che vi vengono presentate qui sono state raccolte stando sulle spalle di giganti come Charlie Munger e molti altri. In passato i pregiudizi erano più buoni che cattivi, altrimenti sarebbero stati spazzati via nel corso dell’evoluzione dell’uomo. Funzionano abbastanza bene considerando la capacità mentale degli esseri umani ed è per questo che sono stati preservati durante l’evoluzione. I pregiudizi possono essere usati per diffondere il bene così come per diffondere il male.

Una delle cause significative dei vari pregiudizi è il nostro desiderio di coerenza – che le azioni e le opinioni del passato siano compatibili con la realtà e con le nostre opinioni di oggi – se tale compatibilità non esiste, di solito lo spieghiamo cambiando la realtà e non la realtà. opinioni.

Vogliamo che l'”io” non cambi perché allora il significato è che aveva torto, e allora abbiamo instabilità. Pertanto, in molti casi, quando c’è una guerra tra “io” e “realtà”, l'”io” vince. Perché non avevo torto perché sono speciale e stabile nelle mie opinioni.

dov’è il problema? Quando operano più pregiudizi contemporaneamente, perdiamo completamente il pensiero logico e corretto per noi o per l’ambiente. Ad esempio, nel gioco d’azzardo al tavolo da poker, i bias di incentivi, associazione e reciprocità funzionano su di noi, così come la pizza funziona su 3 diversi meccanismi che non esistono in natura: zucchero, grassi e proteine. Non possiamo gestire questi stimoli quando compaiono insieme!

Un esempio di utilizzo positivo di questi pregiudizi è il bias di influenza eccessiva di una figura autoritaria: negli ospedali per evitare i pregiudizi di una figura autoritaria, cioè i medici, gli infermieri non danno tutto per scontato e controllano ciò che i medici chiedono.

pregiudizio della “gelosia”.

“Non è l’avidità che guida il mondo, è l’invidia.” Uno dei pregiudizi più inespressi là fuori, ma uno dei più importanti. Pensa a un altro esempio di questo pregiudizio.

Già nell’antichità comprendevano il potere della gelosia: Proverbi 27: “La crudeltà è calda e l’uccello si lava; E chi resisterà davanti a Keno.’

La gelosia nel lungo periodo ci porta a prendere decisioni sbagliate, come comprare un’auto sportiva perché il nostro vicino ne ha una. Allenati a ignorare la gelosia che ogni tanto vuole scoppiare.

Pregiudizio “sono cresciuto così”.

Questa è la più grande distorsione del nostro globo in via di riscaldamento ed è una sub-distorsione della distorsione della proprietà. La maggior parte delle nostre opinioni ci sono state inculcate dai nostri genitori e altre provengono dall’ambiente in cui siamo cresciuti senza pensare se siano vere o no. E se non togli nulla da qui, tieni almeno presente questo punto: non abbiamo pensato alla maggior parte delle opinioni e dei modelli che abbiamo in testa, perché siamo cresciuti in loro!

Non hai mai pensato se una “casa grande”, “la verdura fa bene”, “scarpe da corsa per assorbire gli urti” siano davvero migliori perché sei cresciuto sapendo che tutto questo è vero (no!).

Da questo pregiudizio deriva la tendenza a mantenere lo status quo, preferiamo gli errori in ciò che stiamo facendo ora piuttosto che la paura di apportare un cambiamento e poi di commettere un errore!

Lo vediamo bene nei regimi che non cambiano, così come in relazione agli ultraortodossi in Israele delineati da Ben-Gurion.

pregiudizio “stadio”.

Sono grande e sono bella, altrimenti non sarei sul palco o come dice il suo nome breve: “I’m on stage”.

Questo è un pregiudizio che funziona su coloro che stanno sui “palchi”, come primi ministri, amministratori delegati, comandanti, medici, psicologi, piloti, celebrità e chiunque il pubblico guardi con desiderio. Chi sta sul “palco” vede l’ammirazione di una parte del pubblico e inconsciamente se lo spiega per le sue qualità e il suo giudizio. Le persone a lui vicine si lasciano influenzare dal pubblico e ovviamente accettano le sue opinioni senza troppi dubbi e rafforzano ancora di più le sue “qualità”. È qui che entra in gioco anche il “pregiudizio di radicare un’opinione nell’attività”: per il fatto stesso di essere su un palco radica le sue opinioni nell’attività e in ciò di cui parla! E ovviamente anche gli spettatori che sono venuti a guardare hanno agito e hanno radicato l’opinione a causa dell’attività.

Devi essere sul “palco” per sentire l’intensità dell’amore del pubblico. Proprio come la droga, l’ammirazione e il potere disconnettono dalla realtà la persona che sta sul palco purché non si opponga e si circondi anche di persone “sì” e non di persone vere che lo riporteranno alla realtà. Quelli che soffrono di pregiudizio sono gli spettatori perché sono influenzati dal pregiudizio dell'”autorità”, e poi c’è una “celebrazione” perché chi sta sul “palco” soffre del pregiudizio “io sono grande”, e gli spettatori soffrono del pregiudizio dell ‘”autorità”. Quando sono sceso dal palco per la prima volta ho sentito il “ehi”, ho visto come mi adoravo e volevo di più. Ma ho combattuto per tornare alla realtà.

Il più grande nemico del libero pensiero è il nostro ego, non ci permette di mettere in discussione le nostre opinioni esistenti e rafforza i pregiudizi “è così che sono cresciuto”, “radicamento di opinioni attive”, “pregiudizi di negazione” e molti altri.

Non appena abbiamo capito che non esiste alcun sostituto per il nostro pensiero indipendente (pensiero libero) e che non può essere comprato da qualcuno con i soldi, abbiamo capito una lezione importante per la vita in generale e abbiamo fatto progressi nel libero pensiero in particolare. Lo stesso vale per ottenere consigli, il consulente ti dice cosa è bene, e la maggior parte delle volte ricevi il consiglio dal consulente pagato come una cosa ovvia, e guai a te. Ci sono due modi per affrontare questo problema: capire che manca durante la consultazione e correggerlo come un cecchino corregge le sue ferite quando soffia il vento, oppure – nel modo corretto – imparare tu stesso un po’ sull’argomento con il libero pensiero con l’aiuto della consulenza e capire qual è il modo corretto di agire.

pregiudizio alla “proprietà”.

Questo è un pregiudizio derivante dalla nostra grandezza e dalla nostra opinione, prodotto o servizio principale. Grazie a lei compriamo grandi case, non cambiamo idea e tendiamo a considerarci speciali.

Quando possediamo un prodotto, un’opinione o qualsiasi altra cosa attribuiamo alla proprietà più valore di quanto valga. Se siamo stati noi a costruire il prodotto o a riflettere sull’opinione, il valore della proprietà è ancora più amplificato. Quando costruiamo una casa, gli studi dimostrano che la valutiamo ad un prezzo più alto rispetto a quello di mercato. Quando pensiamo ad un’idea (come questa ad esempio), penseremo che sia molto migliore di quanto non sia in realtà.

Dal pregiudizio della proprietà deriva il sub-bias “difesa delle opinioni esistenti” (conferma di ciò che so).

La nostra mente è costruita per rafforzare le nostre posizioni contro i conquistatori, proprio come una fortezza: lascia entrare solo coloro che ci sono familiari e ignora tutti gli altri. Il cervello non vuole sprecare energie inutili per altre opinioni e vuole costantemente essere perfetto per se stesso. Questo è un pregiudizio simile a “sono cresciuto così”, ma è diverso perché si parte dal presupposto che ci sia già un’opinione a cui ho pensato o un modello nella mia testa.

Lo vedi in modo sorprendente nei cani: prova a togliere la carne da un rottweiler che ha preso.

Underbias – “tendenza all’inazione” – il pregiudizio della proprietà ci rende difficile “uccidere” le cose, quindi la nostra tendenza è sempre all’inazione. Ecco perché preferiamo lasciare le cose come stanno, ma in questa situazione l’inazione equivale esattamente a “lasciare che il processo continui ad esistere”. Ecco perché è importante predeterminare i criteri di stato e data per “uccidere” i processi.

pregiudizio “incentivi e rinforzi rispetto alla discrezione”.

La Xerox cercò di capire perché la nuova macchina non vendeva bene quanto quella vecchia finché non modificò il compenso per gli addetti alle vendite. Le persone agiscono e cambiano idea in base a incentivi e rinforzi.

Pertanto, se vuoi comprendere la decisione o la raccomandazione di qualcuno, è consigliabile sapere quali sono i suoi incentivi.

pregiudizio dell'”uomo con il martello”.

L’uomo con il martello cerca un posto dove colpire con il martello anche se potrebbero esserci altre soluzioni e altri problemi. Negli investimenti, le persone si rivolgono ai sistemi di trading con l’obiettivo di premere il pulsante di acquisto: questo è ciò che il martello sa fare, ma la maggior parte delle volte non devi fare nulla. Quando abbiamo una malattia o un dolore, la sindrome si manifesta quando non facciamo nulla e aspettiamo. Diversi pregiudizi confluiscono nella sindrome del martello e dell’uomo, motivo per cui è così forte: la sua reputazione professionale dipende dalle prestazioni e questo è un pregiudizio incentivante, ama se stesso e le sue idee e le ha espresse ad altre persone – una coerenza e pregiudizio all’impegno.

Il pregiudizio della “complicazione invece della semplificazione”.

La fonte del pregiudizio risiede nella nostra forte intuizione di risolvere il problema che abbiamo di fronte invece del problema che lo ha causato e di non provare a pensare: forse il nostro presupposto di base è sbagliato?

pregiudizio alla “negazione”.

Troverai le madri dei criminali più evidenti da condannare, credono sempre che il loro figlio sia innocente. È una buona protezione per la nostra anima delicata e di solito funziona benissimo, ma non distingue tra il bene e il male.

pregiudizio “scelta laterale”.

Siamo fatti per scegliere da che parte stare, bianco o nero, anche se la strada giusta è spesso una via di mezzo. Ad esempio, alla domanda “Sei di destra o di sinistra?”, la risposta avrà molto più senso se si riferirà a una domanda specifica: “Per gli insediamenti?” “Cosa è importante nell’istruzione?”

“Chi vincerà le elezioni?” – la risposta corretta è 44% Golda e non “Golda!”

Due persone: una ha fumato ed è morta all’età di 87 anni, l’altra non ha fumato ed è morta all’età di 40 anni – qui vogliamo scegliere da che parte stare, “puoi fumare e arrivare a 87 anni”, ma la versione corretta frase è “puoi fumare e raggiungere l’età di 87 anni nel 15%”.

bias dell'”attività di formazione delle opinioni”.

Quando agiamo, fissiamo l’idea con maggiore forza. Quando l’opinione è sbagliata, può portare a gravi pregiudizi nel modo di pensare. Quando un’intera classe grida “Morte agli ebrei”, il grido stesso rafforza questa opinione. I campi di rieducazione di tutti i tipi conoscono molto bene questa tendenza. Lo vedi anche nelle relazioni: l’amore si sviluppa dal fatto che le persone stanno insieme.

Nel pregiudizio sulla proprietà, quando costruiamo il prodotto o riflettiamo sull’opinione, il pregiudizio diventa ancora più forte.

pregiudizio “associativo”.

Quando vediamo un cowboy a cavallo che fuma una sigaretta Marlboro facciamo un collegamento sbagliato tra l’uomo a cavallo e il fumo. Accadono cose terribili a causa dei suddetti pregiudizi causati dal nostro desiderio di raggiungere una rapida spiegazione delle cose – “C’è un bell’uomo a cavallo?” ” – la scena non è stata messa in scena a Savannah.

pregiudizio di “reciprocità e vendetta”.

Vendetta

Durante la mia ultima visita a Las Vegas ho perso una buona somma di denaro bluffando al tavolo da poker.

Allo stesso tempo, nel mondo degli affari, il prezzo di Google è aumentato e ho pensato che ChatGPT gli stesse sottraendo un mercato con un prodotto migliore. Ho avuto difficoltà a convivere con la perdita del poker di Las Vegas, quindi contro le mie stesse regole ho venduto Google allo scoperto per recuperare la perdita del poker. Questa volta sono riuscito a recuperare la perdita, ma per me è stata la vendetta della perdita, un po’ strano ma ho capito che era un completo pregiudizio.

Nello studio del nostro desiderio di vendetta, si vede chiaramente che gli esseri umani tendono a vendicarsi anche se la vendetta stessa li farà sentire molto peggio e li farà pensare all’altra parte molto più a lungo. A causa di questo pregiudizio vediamo tante guerre tra persone, famiglie, villaggi e paesi.

mutualità

Più di una volta sentirai dai venditori di prodotti “Uso una TV come questa anche a casa” – ovviamente, con la mente libera e con un po’ di matematica ti rendi conto che probabilmente sta mentendo, ma funziona. Vogliamo far parte di un gruppo (una volta era la tribù) che acquista gli stessi prodotti e lo stesso comportamento.

La reciprocità crea cameratismo, il cameratismo ci fa sentire come se appartenessimo.

Le persone impazziscono per le piccole restituizioni delle cose perché restituiscono non solo affetto, ma anche inimicizia per la tendenza alla reciprocità, e in questi casi le piccole crisi possono aggravarsi fino a sfuggire al controllo. La paura di perdere qualcosa ci porta a volte a fare cose che non sono vantaggiose per noi e gli agenti di vendita lo usano come previsto: “C’è ancora un aspirapolvere rimasto”.

pregiudizio “fai come previsto”.

Chiedere molto e poi chiedere poco – in un interessante esperimento hanno chiesto ai passanti di portare dei giovani delinquenti allo zoo per una settimana consecutiva e poi hanno ridotto la richiesta dopo un pomeriggio – il cambiamento ha aumentato notevolmente la risposta rispetto a una domanda diretta su un pomeriggio. Non vogliamo deludere chi abbiamo davanti.

Il pregiudizio “coerenza e impegno”.

Vogliamo apparire coerenti in quello che facciamo, non importa quanto sia stupido, anche se in realtà dimostra saggezza: la società non vede di buon occhio un cambiamento di mentalità: “Lui zigzaga!”

pregiudizio del “confronto”.

Quando si lascia che le persone muovano la mano dall’acqua fredda all’acqua calda e dall’acqua calda all’acqua a temperatura ambiente, attribuiscono una dimensione diversa all’acqua a temperatura ambiente. Siamo creature comparative e relative. Vedi questo pregiudizio all’estremo nei bambini: a loro non importa quanto hanno ricevuto, l’importante è che i fratelli non ricevano di più. Ed è qui che l’ancoraggio è visibile: quando abbiamo un prezzo di partenza per il prodotto.

pregiudizio dell'”autorità”.

I nazisti sfruttarono, ovviamente, la tendenza naturale degli esseri umani e della cultura tedesca a rispettare l’autorità: gran parte dell’apparato nazista seguiva “gli ordini ricevuti dall’alto”.

Nei grandi sistemi si vede il pregiudizio della persona che detiene l’autorità. Negli ospedali, ad esempio, si vedono tutti i giorni gli effetti del fenomeno “così ha detto il medico”.

Pregiudizio della “dipendenza chimica”.

L’uso di alcol, droghe e pillole di ogni tipo porterà a distorcere la realtà e a prendere decisioni sbagliate (è sempre bello trovarsi di fronte a un giocatore ubriaco al tavolo da poker). Molto spesso, la parzialità del giudizio sarà accompagnata da un rifiuto ostinato e da un graduale deterioramento della moralità e talvolta da un completo crollo morale. Naturalmente il nostro cervello non sa come gestire sostanze che non si trovano in natura nel nostro corpo.

Gli indiani scambiarono 1.400 lingue di bufalo con pochi litri di whisky dell’uomo bianco. Era l’animale con cui vivevano per migliaia di anni ma ne cacciavano ancora 1.400 solo per le lingue [La mia vita tra gli indiani – 156 – Catlin].

pregiudizio di omissione

In un gioco in cui si sceglie l’esito della lotteria, le probabilità sono contro le persone, ma vengono prese per la loro scommessa anche a causa dell’impegno e della coerenza: hanno scelto un numero, quindi probabilmente è il migliore. È molto meglio di un gioco in cui le persone scelgono un numero. Le slot machine lo utilizzano in ogni round in cui lo scommettitore perde.

Quando io e i miei figli andavamo nella sala giochi, giocavano solo alle macchinette che avevano un elemento di fortuna e distribuivano biglietti per comprare regali. I giochi che non davano alcun tipo di denaro per comprare regali, non sono stati presi in considerazione, questo pregiudizio si vede fin dalla giovane età!

Pregiudizio della “mente non matematica”.

Un pregiudizio cerebrale non matematico offre alle persone analitiche un vantaggio significativo in quasi tutti gli ambiti della vita moderna basati sui computer e sulla logica. È molto difficile per il nostro cervello pensare in modo probabilistico come “la probabilità che l’evento accadesse era dell’80%, ma alla fine non è successo.” Ricorderemo che non è successo. Ho calciato la porta e avevo l’80% per segnare: dirò che ho sbagliato e non che nell’80% dei casi segno.

Ad esempio, tendiamo a rilasciare un ladro che dice: “Non l’ho mai fatto prima e non lo farò più”, ma in termini di probabilità lo ha già fatto e lo farà di nuovo.

Bias “Disponibilità e chiarezza delle informazioni”.

Quando avremo davanti un bicchiere di Coca Cola, ne berremo molta di più, così come utilizzeremo la vista che viene posta davanti ai nostri occhi per spiegare un fenomeno. In un certo senso, le nostre tendenze psicologiche rendono le cose non disponibili perché quando salto da una cosa all’altra la tendenza alla coerenza e all’impegno mi fa rinchiudere, boom! E questo è l’errore numero uno.

pregiudizio alla “pressione”.

Quando siamo sotto stress, tutto il nostro meccanismo decisionale va storto per ragioni biologiche. La pressione dovrebbe aiutarci a scappare e a non decidere se investire un milione di shekel in un appartamento. Puoi vederlo in una partita di poker in un modo sorprendente, quando qualcuno perde una grossa somma si arrabbia e si stressa e le sue prossime decisioni saranno particolarmente pessime. La soluzione più semplice in questo caso è alzarsi dal tavolo e giocare solo quando si è calmi.

Fisica

וָה֗רֶצ הָֽיְת֥ה ת֨הו֙ וָ֔הו וָ֖שַךְ אַל-פְּ֣י ת֑וֹמ; Dov’eri tu, nella fondazione della terra? Hagad, se sapessi che ha capito.

La fisica ha lo scopo di descrivere i fenomeni di cui siamo testimoni in leggi e formule. Una conoscenza fisica di base è molto utile per il libero pensiero perché i modelli fisici possono essere applicati in molti campi.

Esercitando la libera riflessione sulla fisica è possibile arrivare con un’alta probabilità a ipotesi corrette. Tutto quello che leggerai qui sono scommesse con alte probabilità e niente di più. Tutte le ipotesi seguenti si basano sulla matematica 1+1 con logica. Questo non è un articolo scientifico e non pretende di esserlo, mostra solo il libero pensiero sulla fisica.

L’universo è finito

È molto facile pensare e scommettere sul presupposto che l’universo sia finito, e questo perché non esiste nulla di infinito in natura. Ecco perché continueremo a utilizzare questo modello e concluderemo la nostra ipotesi che è sbagliato scommettere su un modello di cui non si può sapere se funziona in altri luoghi, e infinite cose al momento non sono state né provate né osservate.

  • Non esistono cose infinite in natura.
  • L’universo è finito, e quindi un simile esperimento mentale: quando andiamo in una certa direzione, alla fine torneremo nello stesso punto in cui ci troviamo ora. Altrimenti l’universo è infinito.

Il Big Bang e le ipotesi su quando avverrà il prossimo Bang

Secondo i ricercatori, queste sono le conclusioni delle osservazioni:

  • 13,7 miliardi di anni fa avvenne il big bang.
  • 5 miliardi di anni fa l’universo cominciò ad espandersi rapidamente. Wikipedia .
  • Dal big bang fino a 5 miliardi di anni fa l’universo si espanse ad una velocità opposta all’accelerazione.
  • La natura è ciclica quasi ovunque guardiamo. Tutto ha un ciclo di vita. Una buona ipotesi sarebbe che anche l’universo abbia una durata di vita che è un big bang rispetto all’altro.

Da quanto sopra, così come dal presupposto che l’universo sia finito (e quindi ritorni allo stesso punto), si può concludere che abbiamo superato il punto medio circa 5 miliardi di anni fa. Cioè, ciò che provoca l’accelerazione dell’espansione dell’universo è l’attrazione della materia nell’universo verso se stessa.

Da qui puoi calcolare:

Il tempo da un botto all’altro [13,7 meno 5] * 2 = 17,4 miliardi di anni

Il tempo da oggi al prossimo botto (tornando al punto) = 17,4 meno 13,7 = 3,7 miliardi di anni

Il tempo è discreto

  • Partendo dal presupposto che in natura non esistono cose continue e che non esiste l’infinito, si comprende che esiste una piccola unità di tempo inferiore alla quale si raggiunge il tempo 0 dove il tempo non si muove.
  • La più piccola unità di tempo è costante.

Da quanto sopra capiamo che ci muoviamo come nei fotogrammi televisivi o, in realtà, nei salti. Non ci muoviamo continuamente.

Una spiegazione per la limitazione della velocità della luce

Sappiamo dalle osservazioni e dalla teoria della relatività di Einstein :

  • È impossibile superare la velocità della luce, che è di 300.000 km al secondo.
  • Quando un corpo aumenta la velocità rispetto a un altro corpo, per lui il tempo passa più lentamente.

Una spiegazione che la mente umana può comprendere per questi due fenomeni, così come per il fatto che il tempo è discreto, è che esiste una sorta di onde di aggiornamento ovunque nell’universo che aggiornano la posizione di ogni sostanza nell’universo.

La velocità delle onde di aggiornamento è esattamente la velocità della luce, 300mila km al secondo.

  • Man mano che avanziamo con le ondate di aggiornamenti, il nostro tempo scorre più lentamente a causa dell’effetto Doppler.
  • Le onde di aggiornamento fanno sì che il movimento nell’universo sia come dei fotogrammi e che lo spazio venga spalmato lungo la linea di aggiornamento perché l’aggiornamento non è simultaneo nell’intero universo.
  • Se la materia si muove a una velocità prossima a quella della luce, il suo tempo quasi si ferma perché le onde di aggiornamento non riescono a raggiungerla.
  • La velocità della luce stessa non ha massa perché non vi è alcun impatto delle onde di aggiornamento.
  • La velocità della luce è limitata da qualcosa di fondamentale nell’universo che va oltre la velocità della luce, perché anche le onde gravitazionali sono limitate alla velocità della luce. Cioè, sia le onde gravitazionali che la luce sono limitate alla stessa velocità. Questa è un’eccellente spiegazione del fatto che ci sono ondate di aggiornamento nell’universo.

Non esiste alcuna prova dell’esistenza di onde di aggiornamento, ma sarà possibile dimostrare che esistono onde di aggiornamento se si dimostrasse che la direzione della velocità ha un significato per il tempo e non solo per l’entità della velocità.

Naturalmente è una scommessa informata, non pensavo ad un esperimento che lo dimostrasse. Intanto solo il libero pensiero me lo dimostra.

Vita extraterrestre

La mia scommessa è che non esiste vita intelligente extraterrestre per i seguenti motivi:

  • Dove sono loro? Hanno avuto qualche miliardo di anni per evolversi e arrivare qui.
  • Quando si ritorna all’evoluzione e si raggiungono organismi costituiti quasi solo da DNA, si può presumere che la vita abbia avuto inizio sulla Terra e non sia stata impiantata da un meteorite o simili. Si consiglia di leggere Sette indizi sull’origine della vita.
  • La Luna, il campo magnetico, la distanza dal Sole, Giove per prevenire l’impatto dei meteoriti, l’acqua, le estinzioni di massa e 3,5 miliardi di anni di evoluzione per i mammiferi dimostrano che la probabilità è molto piccola.
  • Quando guardi le stelle hai la sensazione che colui che ci ha messo qui volesse che restassimo sulla terra. C’è un grande vuoto e distanze inimmaginabili.

Elenco infinito per le scuole

  • Migliorare la capacità di pensare attraverso l’apprendimento della matematica e di una seconda lingua, che sono due delle uniche materie che migliorano la capacità di pensare stessa e non solo la sua conoscenza.
  • Una misura del successo nelle scuole: il livello di benessere degli studenti.
  • Imparare l’inglese al livello di una lingua madre: l’inglese fornisce una porta d’accesso alla vasta conoscenza accumulata dall’umanità. Tutta la conoscenza accademica è in inglese così come la letteratura teorica e i libri professionali. Il collegamento con il mondo al di fuori di Israele sarà effettuato in inglese e poiché l’umanità è così legata alle necessità economiche, è uno strumento obbligatorio per i bambini.
  • Ambiente scolastico: alberi, campi sportivi e un ambiente che sembra naturale. L’investimento ripaga.
  • Per insegnare il pensiero corretto è fondamentale spiegare cosa ci fa pensare in modo errato. Imparare i “pregiudizi di pensiero” aiuterà in questo.
  • Le materie obbligatorie che studieranno tutti (arabi e religiosi compresi) senza eccezioni: ebraico, cittadinanza, matematica, inglese, fisica, sport e corretta alimentazione. Uno degli obiettivi importanti è unire tutti i suoi cittadini attorno all’amore per Israele, indipendentemente dalla religione, dal sesso o dalla razza. Ciò è fondamentale per l’unificazione dei cittadini del paese e le pari opportunità per gli studenti in futuro.
  • Libertà di azione per i dirigenti scolastici, soprattutto nella determinazione delle materie obbligatorie aggiuntive e specifiche per le scuole e nella misurazione nazionale.
  • Realizzazione di una raccolta video e audio di tutti i materiali di studio per materia e classe a cura dei migliori docenti. L’insieme delle lezioni aiuterà gli studenti malati, coloro che hanno perso giorni di scuola e coloro che vogliono studiare da soli. In alcune scuole è possibile risparmiare ore di lavoro degli insegnanti se gli studenti imparano attraverso la presentazione delle lezioni registrate.
  • Educazione al fare: come completare un compito e come farlo, in generale.
  • Educazione all’ordine e all’organizzazione: per avere successo nei compiti e raggiungere gli obiettivi, è necessario organizzarli. È possibile ed importante insegnare come farlo e quali strumenti utilizzare (Excel, Asana, foglio di carta, ecc.). Negli USA l’organizzazione e l’ordine vengono insegnati nelle scuole.
  • Educazione fisica.
  • Educazione finanziaria: come funziona il sistema economico e perché dovresti aumentare il tuo capitale e risparmiare denaro per il futuro.
  • Contabilità: la professione che richiede maggiori investimenti. Gli studi dimostrano che separare ragazzi e ragazze nello studio di materie reali migliora i risultati delle ragazze, quindi vale la pena considerare la separazione dei sessi.
  • Materia obbligatoria: fisica di base. Studiare la fisica aiuta molto a comprendere il mondo che ci circonda e a costruire modelli mentali corretti.
  • Leggere a scuola – dare agli studenti la capacità di leggere se non l’hanno acquisita a casa, è assolutamente necessario per una vita intelligente.
  • Framing: capire cos’è un modello mentale e come crearlo. Lo studio analitico aiuta molto nella creazione di quadri di pensiero corretti.
  • Educazione al raggiungimento del benessere: salute, realizzazione, pensiero positivo, significato e relazioni. Si consiglia di leggere Flourish di Martin Seligman.
  • Educazione al pensiero indipendente come protezione dalla disinformazione proveniente da fonti come YouTube, TikTok e simili. Insegnare quale sia la via migliore verso la verità: analitica, lettura e indagine e comprensione della realtà più vicina al vero.
  • Compiti a casa – è importante impartire lezioni ed esercizi di compiti preparati da un educatore per l’autoapprendimento e ritardare la gratificazione. In tutte le teorie sbagliate secondo cui si dovrebbero ridurre i compiti, al centro è il genitore (per facilitarsi il compito) e non i figli.
  • Imparare a “ottimizzare”: è importante educare che è possibile ed è importante sapere cosa si desidera ottimizzare in un determinato compito. La maggior parte dei bambini affronta il problema senza sapere cosa vuole migliorare e come misurare il miglioramento. Senza capire cosa si vuole migliorare e come misurarlo è molto difficile raggiungere la soluzione giusta. Ad esempio, quando un bambino vuole costruire un canale YouTube, la misura del miglioramento sarà data dalla percentuale di inizio e fine visione. Come migliorarlo: imparare a parlare chiaramente, migliorare la melodia nella voce, argomenti e simili. Testare come ciascuna direzione di miglioramento migliora l’indice generale.