Ambiente

כִּֽי־קָר֥וֹב אֵלֶ֛יךָ הַדָּבָ֖ר מְאֹ֑ד בְּפִ֥יךָ וּבִֽלְבָבְךָ֖ לַֽעֲשֹׂתֽוֹ

questo è ciò che resta

‘Avatar’ è uno dei miei film preferiti, davvero un capolavoro. In Avatar, il popolo Nabi lotta per mantenere la propria casa e dimostra che vivere in armonia con la natura è migliore e più felice della vita supermoderna. Un po’ come sta accadendo in questi giorni nella nostra sede.

Viviamo in un posto tranquillo, vicino al mare. Per preservare la vita a Moshav, hanno costruito un impianto di gas a pochi chilometri dalla casa. Ora vogliono costruire un aeroporto e un deposito di carburante vicino alla sede. Il nostro timore è che se dovesse succedere qualcosa al deposito di carburante, l’intero sedile verrà danneggiato. Allo stesso modo, puoi anche costruire un piccolo reattore nucleare in un parco giochi al centro del sedile, ha tanto senso quanto una fattoria di combustibile.

Questa è la direzione in cui sta andando il mondo. L’energia non viene investita nella ricostruzione della natura, ma nel costruire su di essa e non accanto ad essa. La guerra serve a preservare quello che c’è. Proprio come nel Moshav stiamo combattendo per la casa, tutti gli abitanti di Israele e della terra dovrebbero lottare per la casa.

Un libro insolito nello studio del collasso di diverse civiltà della storia, Collapse, Jared Diamond, in cui si dice che in realtà le civiltà sono crollate non solo a causa della distruzione dell’ambiente, ma anche a causa dell’atteggiamento del governo nei confronti di quella distruzione . Come esempio di sopravvivenza viene fornito l’islandese che ha saputo adattarsi alla vita in Islanda ed evitare il più possibile la distruzione dell’ambiente. Guardando alla storia è possibile comprendere meglio la situazione odierna. La storia dimostra che la deforestazione, i problemi del suolo associati all’agricoltura e l’eccessiva irrigazione, la caccia eccessiva, la pesca eccessiva, la crescita demografica e la distruzione ambientale hanno portato al collasso delle civiltà del passato. Sembra che oggi il pericolo non sia solo per una certa cultura, ma per l’intera umanità. La combustione del carbone in Cina sta influenzando il clima del Canada. Proprio come tutti sono colpiti, la risposta dovrebbe essere globale.

Il male vince la lotteria, il bene cambia strada

Anche se l’umanità trovasse una soluzione tecnologica al riscaldamento globale e alla distruzione dell’ambiente, se la natura umana continuasse così com’è, semplicemente si verificherebbero altri danni. Pertanto, la soluzione dovrebbe venire dall’educazione e dal cambiamento del comportamento per fluire con la natura e la bontà. Da 300 a 200 mila anni gli esseri umani (homo specie) camminano sulla terra. Come risultato della loro attività negli ultimi 50 anni, mancano decenni prima che diventi troppo caldo qui, e già oggi vediamo il cambiamento in tutti i luoghi del mondo. È importante capire che non si tratta solo del riscaldamento, ma anche dell’acidificazione degli oceani, dell’estinzione delle specie biologiche, del danno all’ozono e di una serie di altri problemi del pianeta, di cui non conosciamo gli effetti. Sembra che l’unico modo sia smettere di combattere la natura e cercare nuove tecnologie, ma fare “pace” con la natura. Nella guerra dell’uomo contro la natura, la storia e la logica dimostrano che la natura rimarrà. La soluzione arriva nell’esercizio del libero pensiero .

È necessario affrontare i fatti duri e rispondere ad essi, non ignorarli. Vale la pena immaginare di nuovo la terra nel suo aspetto naturale e mettere in atto le soluzioni desiderate, anche se difficili.

Sappiate che abbiamo motivo di essere pessimisti. Gli esseri umani non si prendono cura di se stessi, lo si può vedere nell’epidemia globale di obesità, quindi come si prenderanno cura dell’ambiente. Dopotutto, è chiaro che le persone pensano più a se stesse che all’ambiente.

Siamo come la terra

Oggi l’umanità avvelena la terra così come avvelena se stessa con un’alimentazione incompatibile. È una reciprocità interessante. Per essere sani non è necessario apportare grandi cambiamenti, ma solo mangiare il cibo adatto a noi, proprio come quello sulla Terra: non è necessario intraprendere azioni particolari, ma solo non danneggiare i suoi processi naturali.

Rimuovere artificialmente il carbonio dall’atmosfera è come prendere una pillola per il diabete. Il carbonio non dovrebbe essere affatto presente nell’atmosfera.

C’è qualcosa di ironico nel fatto che stiamo avvelenando colui che presumibilmente ci ha creato, la Terra.

La strada giusta è bilanciare la presa dell’uomo sulla natura, oggi stiamo strangolando la natura fino alla morte. Dobbiamo cambiare l’equilibrio tra uomo e natura e non prendere troppo dalla natura per lasciare la natura anche ai nostri nipoti.

Ho dimenticato di aggiungere una tariffa per i danni

Oggi non esiste alcuna componente dell’economia che tenga conto dei danni all’ambiente. La forza che guida tutto è economica, e ogni processo economico calcola profitti e perdite senza considerare gli altri fattori dell’equazione. È necessario che lo Stato intervenga sulla questione e imponga una multa o una ricompensa, assegni una ricompensa per qualsiasi attività di produzione o servizio che non danneggi l’ambiente.

L’unico modo per prevenire danni ai processi naturali sulla terra è dare un prezzo a questi danni, che oggi nella maggior parte dei casi è semplicemente vicino allo zero. Supponiamo che un’azienda che produce una sostanza che provoca l’inquinamento delle falde acquifere, paghi una tariffa pari alla pulizia di tali falde acquifere. Oggi non vi è alcun costo per danneggiare l’ambiente nei processi aziendali. Ecco perché solo lo Stato, e preferibilmente il mondo intero, pagherà per i danni all’ambiente esattamente l’importo che costa riparare il danno.

Questo compito dovrebbe essere assegnato e svolto dal Ministero dell’Ambiente, che svolgerà il suo lavoro e agirà in conformità con la visione della protezione dell’ambiente.

Sarà sorprendente vedere quanto velocemente l’economia si riorganizzerà con zero danni all’ambiente quando c’è il vincolo di pagare per i danni all’ambiente.

Una mossa del genere potrebbe cambiare la struttura dell’economia, la cui unica considerazione oggi è il denaro. L’economia impedisce all’uomo di essere pigro, la maggior parte delle imprese ci aiuta a “lavorare” più facilmente, ma è necessario aggiungere un elemento di tutela dell’ambiente alla formula minima del “lavoro” – per il bene del futuro sembra che valga la pena dare pigrizia.

Tesla si è sviluppata proprio grazie ad un “premio del governo” americano, e questo è effettivamente un esempio di come un interesse finanziario possa risolvere l’avvelenamento del mondo, cioè del pianeta.

Per quanto riguarda la dimensione della popolazione! È necessario ridurre la popolazione della terra limitando il tasso di natalità. Difficile ma necessario. Si raccomanda di osservare nel capitolo 4 che lo stato della qualità dell’aria in Israele è pessimo a causa della mancata comprensione della situazione da parte del governo.

Alberi, pesci e pascoli

Per nutrire l’umanità e proteggere l’ambiente, bisogna andare con la natura e non contro di essa.

La soluzione è negli oceani, nei giorni e nelle colture arboree.

Al giorno d’oggi c’è abbastanza spazio per la pesca per tutta l’umanità, e ci sono anche abbastanza pesci. Ma per avere abbastanza pesce, che è anche l’alimento più adatto per l’uomo, è necessario un regime globale sulla pesca e sulla qualità dei mari.

Coltivare frutta sugli alberi ha un vantaggio ambientale perché non è necessario lasciare il terreno nudo e non è necessario ararlo ogni stagione, causando ingenti danni ambientali.

Le colture erbacee più importanti sono il riso, il grano e il teff, che dovrebbero essere coltivate nelle zone più adatte a loro. Le colture dovrebbero essere completamente sospese per nutrire gli animali domestici e nutrire mucche, pecore, capre e polli con erba naturale.

Per quanto riguarda la carne coltivata in laboratorio, dobbiamo scoprire quali sono i suoi costi, qual è l’entità del danno ambientale, quali minerali contiene e se è tossica per l’uomo. Dubito che le risposte a queste domande saranno positive. Il pascolo naturale ha la soluzione per l’allevamento di mucche, pecore e capre. È necessario, per decisione e gestione dello Stato, consentirne l’allevamento nelle riserve naturali e nelle aree aperte e vietare l’allevamento in stalle, pollai, ecc., il che costituisce di fatto un abuso sugli animali, un danno al loro essere kosher (perché lo spirito della Bibbia vieta l’abuso sugli animali) e danni alla qualità della loro carne, che diventa inadatta all’uomo a causa del cibo che mangiavano e delle loro condizioni di crescita.

È possibile, basta una decisione dello Stato e la sua gestione della questione.

Primo esperimento mentale

Immagina di vedere la terra che hai creato dall’alto, come preferiresti vedere gli esseri umani:

  • Cerchi nuove tecnologie per proteggere il pianeta?
  • Ritornare ai processi naturali e sostenersi dalla natura con l’aiuto della conoscenza contemporanea?

Un secondo esperimento mentale

Immagina di essere nell’anno 2100 e che sulla Terra siano rimaste solo un milione di persone dopo che l’aumento delle temperature ha reso la vita impossibile nella maggior parte dei luoghi. Cosa ci consiglieresti di fare se potessi tornare indietro nel tempo fino ai giorni nostri?

La tecnologia ci ha messo in un buco, ma non ci farà uscire

La tecnologia si misura solo in base alla sua utilità immediata e non in base al suo impatto sull’ambiente. Non sapevano che la tecnologia era problematica per i processi sulla Terra e, anche se l’avessero saputo, l’avrebbero ignorata.

Sebbene la tecnologia abbia portato grandi progressi e comodità, ha anche causato il degrado ambientale.

Se da qui fino ad ora non hai preso nulla, prendi almeno questo; La soluzione alla qualità dell’ambiente e al riscaldamento globale non è più la tecnologia, ma un cambiamento nella condotta e nel comportamento. Tutta la tecnologia di cui abbiamo bisogno per convivere con la natura, e non sopra di essa, esiste.

O come scrive Herzl nel suo libro ‘Altneuland’: “Con le idee, i mezzi e la conoscenza nelle mani dell’umanità oggi, 31 dicembre 1902, essa può certamente aiutare se stessa. Non c’è bisogno della pietra della saggezza o di nuove invenzioni, tutto ciò che serve per rendere il mondo migliore è già lì.”

È sorprendente quanto sia intelligente l’umanità e abbia persino portato un uomo sulla luna, ma non sia pronta a rinunciare a un volo per Rodi o a un’auto da 7.000 cc. L’umanità ha combattuto Hitler e ha perso milioni di persone, ma non è pronta a rinunciare alla “qualità della vita” che mira effettivamente a guarire il pianeta.

La Terra è viva e vegeta

La terra è una specie di essere vivente con milioni di processi che preservano le condizioni di vita in essa. La tecnologia non sostituirà questi processi naturali. Proprio come la tecnologia non risolve i problemi di salute negli esseri umani, solo un processo naturale risolverà la radice del problema, e così è sulla Terra.

La radice dei problemi ambientali odierni può essere fatta risalire alla nostra dipendenza dalla tecnologia, che spesso dà priorità ai benefici a breve termine rispetto all’impatto ambientale a lungo termine. Questo approccio miope ha avuto conseguenze dannose, come il riscaldamento globale, l’inquinamento atmosferico e l’acidificazione degli oceani. La Terra, un sistema vivente complesso con milioni di processi di sostegno alla vita, è significativamente influenzata dall’uso improprio della tecnologia per soddisfare i bisogni umani, come energia, cibo e altre risorse.

Basta cambiare il comportamento delle persone

Affrontare i problemi ambientali richiede l’utilizzo delle conoscenze esistenti e la riduzione dell’uso di tecnologie dannose. Le pratiche sostenibili possono soddisfare i bisogni umani senza danneggiare l’ambiente. Ad esempio, l’adozione di alloggi più piccoli e più rispettosi dell’ambiente può mantenere o addirittura migliorare il livello generale di felicità. Anche sfruttare le fonti di energia rinnovabile, promuovere l’agricoltura sostenibile e praticare una gestione responsabile dei rifiuti può contribuire a un pianeta più sano.

Diversi fattori ostacolano la soluzione dei problemi ambientali. Uno di questi fattori è la mancanza di un governo mondiale o di un’autorità globale unificata che permetta al pensiero a breve termine di dominare le decisioni politiche e impedire che l’impatto dannoso della tecnologia sull’ambiente venga ignorato.

Con l’aiuto delle conoscenze oggi esistenti è possibile soddisfare tutti i bisogni fondamentali dell’uomo senza distruggere la terra. Il livello di felicità non diminuirà, ma aumenterà.

o tutti o nessuno

Per affrontare efficacemente le sfide ambientali, è essenziale la cooperazione tra potenze come gli Stati Uniti e la Cina. Questi paesi hanno il potenziale per influenzare altri paesi e promuovere iniziative globali incentrate sullo sviluppo sostenibile e sulla conservazione ambientale. Sono necessarie misure radicali e globali per invertire il danno arrecato al pianeta e garantirne il futuro.

Affrontare le sfide ambientali richiede un approccio globale che combini tecnologia sostenibile, cooperazione globale e un cambiamento di pensiero dai profitti a breve termine alla gestione ambientale a lungo termine. Sfruttando le conoscenze esistenti e promuovendo pratiche rispettose dell’ambiente, è possibile soddisfare i bisogni umani e preservare il pianeta per le generazioni future.

opzioni dello script

Opzione A

opzione b

Aspetta e vedi quanto la terra riscalda la terra

Cambiare ora le abitudini di consumo e di produzione

Chiedere l’aiuto del pubblico per la raccolta differenziata dei rifiuti

Modificare le leggi economiche in modo che sostengano i processi ambientali

sostituire tutte le auto

Ridurre al minimo gli spostamenti

cercare un metodo che rimuova la CO2 dall’atmosfera

Non abbattere foreste, piantare alberi

cercare tecnologie per ridurre l’impronta ambientale degli esseri umani

ridurre il parto

cercare la tecnologia per allevare pesci negli allevamenti

Una regolamentazione globale sulla pesca che consentirà l’allevamento ittico

cercare la tecnologia per produrre carne in laboratorio

Alleva gli animali in modo naturale e riduci l’impatto ambientale

Un rifugio su Marte

riorganizzare l’ambiente

cercare sostituti della carne

Coltiva la carne in modo naturale

Raccogli le parti in plastica

non produrli in primo luogo

Un’economia basata sul consumo e sulla produzione che danneggia l’ambiente

Economia basata sulla firma ambientale zero nella produzione. Cambio di governo

Dai a tutti una firma ambientale come possono

Assegnare a ogni persona una quota annuale per una firma ambientale

per proteggere animali specifici come le tartarughe marine

Mantenere l’intero sistema naturale della terra

Ognuno preserva la qualità dell’ambiente come meglio crede

Normativa globale per la preservazione dell’ambiente

Un’umanità intelligente avrebbe importanza oggi

Un’umanità intelligente apporterà alcuni cambiamenti significativi per preservare l’ambiente e garantire un futuro sostenibile.

Nell’ambito di questi cambiamenti è richiesto:

  • Cambiare le leggi fiscali per incoraggiare la produzione e i servizi rispettosi dell’ambiente, punendo al tempo stesso coloro che causano danni all’ambiente. Questo approccio incoraggerà le imprese ad adottare pratiche più ecologiche.
  • Attuare misure di controllo della popolazione, come limitare le famiglie a un bambino per famiglia in determinate aree. Ad esempio, Israele può aspirare a una popolazione di un miliardo di persone. Ciò contribuirà a gestire il consumo di risorse e a ridurre il carico ambientale.
  • Assegnare ai singoli individui una quota di firme ambientali che diminuirà gradualmente nel tempo. Sebbene questo passaggio possa compromettere la privacy e richiedere un monitoraggio, promuoverà l’uso responsabile delle risorse e ridurrà il nostro impatto ambientale collettivo.
  • Definire parti significative della terra come riserve naturali e proteggere questi “polmoni verdi” al fine di preservare i processi naturali essenziali e mantenere l’equilibrio ecologico.
  • Cambiare il paradigma della produzione e del consumo alimentare concentrandosi su carne e polli allevati naturalmente, alimenti biologici e metodi di pesca sostenibili. Questo approccio non solo porterà benefici all’ambiente, ma migliorerà anche la salute umana. Adattare la nostra dieta può essere difficile, ma i benefici a lungo termine superano di gran lunga i potenziali costi per le generazioni future.
  • Dare priorità ai trasporti rispettosi dell’ambiente e incoraggiare l’uso di mezzi di trasporto sostenibili per esigenze non essenziali. La produzione di energia si baserà esclusivamente su fonti rinnovabili, come l’energia solare ed eolica, per ridurre al minimo i danni ambientali.
  • Ridurre gli sprechi e l’inquinamento attraverso la produzione di soli prodotti biodegradabili e biologici nell’industria manifatturiera. La produzione di plastica sarà regolamentata e la produzione di articoli in plastica non riciclabili sarà vietata.
  • Gestire attentamente le risorse idriche per garantire acqua pulita a tutti. L’agricoltura tornerà a pratiche naturali e sostenibili che danno priorità alla preservazione ecologica.
  • Ridurre l’industria chimica per ridurre l’inquinamento, passando al contempo ad alternative più pulite ed ecologiche.

Perché l’umanità non funziona a lungo termine

La riflessione a lungo termine è essenziale per affrontare efficacemente i problemi ambientali e garantire un futuro sostenibile per l’umanità. Tuttavia, vari fattori impediscono l’adozione di un simile approccio, tra cui la fornitura di ricompense a breve termine, l’attenzione ai profitti immediati e la necessità di un coordinamento globale. Gli studi hanno dimostrato che le persone tendono a dare priorità alle ricompense immediate rispetto ai guadagni futuri lontani, un pregiudizio cognitivo noto come “sconto temporaneo” (Frederick, Loewenstein e O’Donoghue, 2002). Questa attenzione a breve termine impedisce alle persone di considerare le conseguenze a lungo termine delle loro azioni. È necessaria una leadership forte per spostare l’attenzione pubblica verso obiettivi a lungo termine poiché i leader possono ispirare l’azione collettiva e incoraggiare un processo decisionale lungimirante (Bennis & Nanus, 1985).

Molte aziende e industrie danno priorità ai profitti immediati piuttosto che alla conservazione dei processi e delle risorse naturali. Questa attenzione ai profitti a breve termine mina la sostenibilità a lungo termine e contribuisce al degrado ambientale. Incorporare considerazioni ambientali nei calcoli economici, ad esempio attraverso la contabilità del capitale naturale, può aiutare ad affrontare questo problema (Costanza et al., 1997).

Una parte significativa della popolazione mondiale è preoccupata per la sopravvivenza quotidiana, il che lascia poco spazio alla pianificazione a lungo termine. La povertà e la disuguaglianza economica aggravano questo problema poiché le persone che lottano per soddisfare i propri bisogni primari hanno maggiori probabilità di dare priorità alle ricompense a breve termine (Haushofer & Fehr, 2014).

Le grandi aziende hanno una notevole influenza sulle decisioni politiche ed economiche e spesso danno priorità alla massimizzazione del profitto rispetto alla gestione ambientale. La limitata responsabilità ambientale nelle pratiche aziendali contribuisce al continuo degrado delle risorse naturali (Vogel, 2005).

Affrontare i problemi ambientali richiede un coordinamento globale poiché gli sforzi unilaterali dei singoli paesi non sono sufficienti per ottenere cambiamenti significativi. La cooperazione e gli accordi internazionali, come l’Accordo di Parigi, sono essenziali per attuare un’azione collettiva e promuovere una riflessione a lungo termine (Bodensky, 2016).

La lotta per dare priorità al pensiero a lungo termine nel trattamento dei problemi ambientali è influenzata da vari fattori, tra cui pregiudizi cognitivi, leadership, considerazioni economiche e la necessità di un coordinamento globale. Per superare queste sfide, è necessario promuovere una leadership forte, la responsabilità aziendale e la cooperazione internazionale per spostare l’attenzione dell’umanità dai guadagni a breve termine alla sostenibilità a lungo termine.

Buono per l’ambiente, economico, gustoso, sano

Vogliamo una soluzione reale: rispettosa dell’ambiente, economica, gustosa, sana. Devi ricordare che non ci sono calorie, ciò significa che non è gustoso.

Carne: è importante allevare gli animali in modo naturale. Pollo e capra convertono erba e simili in calorie in modo efficace ed efficace per l’uomo. Voglio dire, le uova e il latte di capra sono l’ideale e lo sono davvero da migliaia di anni. L’enorme vantaggio della capra e del pollo è che mangiano cose che non devi coltivare. Una gallina mangia tutto e anche una capra.

Latte di capra, uova, frutta, pesce, frutta di ogni tipo (preferibilmente grassa e conservata). Le verdure sono molto inefficienti da coltivare perché è richiesto il lavoro manuale. D’altra parte, gli alberi sono molto efficienti da coltivare. Le banane danno frutti tutto l’anno: questo è un enorme vantaggio.