Dieta umana

אֶת־כׇּל־עֵ֣שֶׂב ׀ זֹרֵ֣עַ זֶ֗רַע אֲשֶׁר֙ עַל־פְּנֵ֣י כׇל־הָאָ֔רֶץ וְאֶת־כׇּל־הָעֵ֛ץ אֲשֶׁר־בּ֥וֹ פְרִי־עֵ֖ץ זֹרֵ֣עַ זָ֑רַע לָכֶ֥ם יִֽהְיֶ֖ה לְאׇכְלָֽה. בֵּ֤ין הָֽעַרְבַּ֨יִם֙ תֹּאכְל֣וּ בָשָׂ֔ר וּבַבֹּ֖קֶר תִּשְׂבְּעוּ־לָ֑חֶם.נָתַתִּי לָכֶם אֶת-כָּל-עֵשֶׂב זֹרֵעַ זֶרַע אֲשֶׁר עַל-פְּנֵי כָל-הָאָרֶץ, וְאֶת-כָּל-הָעֵץ אֲשֶׁר-בּוֹ פְרִי-עֵץ, זֹרֵעַ זָרַע: לָכֶם יִהְיֶה, לְאָכְלָה. ל וּלְכָל-חַיַּת הָאָרֶץ וּלְכָל-עוֹף הַשָּׁמַיִם וּלְכֹל רוֹמֵשׂ עַל-הָאָרֶץ, אֲשֶׁר-בּוֹ נֶפֶשׁ חַיָּה, אֶת-כָּל-יֶרֶק עֵשֶׂב, לְאָכְלָה וַיְכַס אֶת-עֵין כָּל-הָאָרֶץ, וַתֶּחְשַׁךְ הָאָרֶץ, וַיֹּאכַל אֶת-כָּל-עֵשֶׂב הָאָרֶץ וְאֵת כָּל-פְּרִי הָעֵץ, אֲשֶׁר הוֹתִיר הַבָּרָד; וְלֹא-נוֹתַר כָּל-יֶרֶק בָּעֵץ וּבְעֵשֶׂב הַשָּׂדֶה, בְּכָל-אֶרֶץ מִצְרָיִם.
Sommario

Nutrizione gratuita

Come può una giornata sembrare bella con una dieta libera

Hanno tutti torto?

Ad ogni pasto, carboidrati, proteine e grassi?

Nutrizione gratuita

Non esiste la sensibilità

Di pane, lievitato e non di grano, festeggerà il cuore umano

Frutti maturi con un po’ di fruttosio – sì

Tesoro, sì

Uova: sì e no

Latticini: sì, di capra

Verdure e foglie: meglio di no

Semi – no

Riso – solo per gli asiatici

Radici – no

Sale – no

Noci – no

Legumi – no

Alghe – no

Droghe e alcol – no

evitare a tutti i costi

Solo evoluzione con logica

Eravamo separati, abbiamo inventato l’agricoltura e ci siamo uniti

Avvelenamento o semplicemente invecchiamento

non allungare il muscolo del “no”.

Sostituti sostitutivi

Perché “grasso”? dì “non magro”

Segnalazione di base

Sii dalla parte giusta della scommessa

Ignora i numeri: 24 grammi di proteine

Il prezzo finanziario del mangiare liberamente

La prova del cibo

Non mangiare veleni invece della leggenda della “disintossicazione”

Il modo in cui mangiano gli esseri umani quando c’è solo erba intorno

L’esperienza vale più di mille studi

Il ristorante di uno chef è il metodo di preparazione

Stai avvelenando il tuo cane

cereali

Grasso animale – sì

Olio e grasso vegetale – no

Pesce: sì o no?

Carne – sì

Macellare una mucca sacra?

Chi ha bisogno di minerali e vitamine quando ci sono gli integratori alimentari?

È meglio mescolare il meno possibile

Perché oggi non esiste un’alternativa naturale al cibo “in scatola”?

Digiuna solo a Yom Kippur

Due pasti al giorno con una finestra temporale massima di dieci ore

La colpa è sempre dei genitori?

Il corpo vuole sopravvivere oggi, il domani è meno interessante

Nome in codice “Fibra alimentare”

Nuovi materiali per un nuovo corpo?

Questo è quello che mangio

Il cibo non è lì e aspetta solo che tu lo raccolga

I mongoli vivevano di carne e latte

Maimonide raggiunse bellissime conclusioni all’insaputa di oggi

Un pasto sulle spalle dei giganti

Bel controllo per il cibo

Come può una giornata sembrare bella con una dieta libera

Colazione: yogurt di capra con frutta varia. Mi piacciono molto i platani al forno con i mirtilli, ma non importa quale frutto.

Pranzo: bistecca o pesce.

Cena: focaccia con avocado.

Hanno tutti torto?

Tutti, e dico letteralmente tutti, cercano la chimica del corpo e da lì cercano di capire se il cibo è salutare per noi? Ad esempio, l’olio contiene omega 6, quindi è salutare. Con il libero pensiero affrontiamo il problema “dalla fine”, gli esseri umani lo hanno mangiato e in che forma? Da un punto di vista logico, il corpo si è sviluppato in base a ciò che mangiavamo, quindi questa è una domanda che manda in frantumi le stupide teorie esistenti o i modi davvero difficili per decifrare la chimica e la biologia del corpo, un grande guadagno con poco sforzo.

E sì, sicuramente si sbagliano tutti, un tempo tutti pensavano anche che la terra fosse piatta o che le statue di legno portassero alla vittoria nelle guerre, ancora oggi si crede che gli amuleti siano curativi. Gli scimpanzé mangiano carne e frutta e muoiono per il miele. Questo. Non l’ho sentito, l’ho visto in un film sulla natura sugli scimpanzé e poi ho controllato e letto che è proprio la loro dieta. ” Hawk Law ” funziona perfettamente qui.

Sì, tutti commettono errori. Sono giunto a conclusioni diverse, ma hanno funzionato come un matto per me e la mia famiglia. Se vuoi sapere perché le verdure sono spazzatura, leggi fino alla fine. Un caro amico mi ha detto che potrei vivere fino a 120 anni, ma oggi gli piaccio molto di più. Non ho risposto perché questo battibecco mi dava fastidio, lo ammetto. Non gli è venuta l’idea. L’idea non è vivere fino a 120 anni, l’idea è sentirsi sempre bene, al massimo dell’energia e della concentrazione, senza medici e senza tutto il veleno che ci travolge la dieta occidentale, sentirsi oggi come un guscio e non a l’età di 90 anni. E perché hanno tutti torto? Perché c’è un modo per raggiungere una dieta adeguata ed è attraverso l’evoluzione e l’antropologia con un uso massiccio della logica, cioè del libero pensiero. È una questione di scelta del percorso e non di saggezza. Tutto ciò che abbiamo sentito o con cui siamo cresciuti deve essere ignorato. È molto difficile e pochi sono in grado di farlo. È facile per me perché è naturale per me pensare liberamente. Comprendere la nutrizione solo attraverso la biologia o la scienza porta a un vicolo cieco. Qualche anno fa era difficile ottenere informazioni concentrate e affidabili sull’alimentazione, oggi è possibile con l’aiuto di Google, ChatGPT Audible e Amazon Books. La maggior parte delle diete mostra miglioramenti perché eliminano gli alimenti trasformati, ma questo non è sufficiente. Il problema è che la rinutrizione a partire dal cibo che mangiamo a volte richiede decenni, e quindi è difficile capire cosa abbia causato il problema. L’avvelenamento è molto lento.

Ad ogni pasto, carboidrati, proteine e grassi?

Proprio il contrario. Questo è forse il principio più critico in una dieta libera per separare i carboidrati da tutto il resto. Questo è esattamente ciò che dicono le persone a dieta senza alcuna comprensione dell’evoluzione o dei meccanismi del corpo. Lo recitano semplicemente perché “suona” bene.

È molto importante separare il più possibile i “carboidrati” dai “grassi e dalle proteine” ad ogni pasto. È vero che tutto li ha tutti e tre, ma solitamente in piccole percentuali.

I carboidrati ad esempio sono pane, frutta (tranne l’avocado), miele, yogurt, latte e simili.

Proteine e grassi ad esempio: qualsiasi cosa di origine animale (eccetto miele, latte e yogurt) nonché olio vegetale.

Verificheremo sempre entrambi i metodi di calcolo: l’evoluzione supporta questo metodo ed è possibile dimostrarlo da un punto di vista biologico. Entrambi supportano la separazione dei carboidrati dalle proteine e dai grassi.

Da un punto di vista evolutivo, mangiavano carne e pesce o mangiavano frutta, raramente venivano consumati insieme. Non hanno cacciato una zebra e poi hanno trovato una patata nella zona e le hanno mangiate entrambe.

Biologicamente (metabolicamente), il corpo sa come convertire proteine e grassi in energia, ma ciò viene impedito quando lo zucchero nel sangue è alto, esattamente ciò che fanno i carboidrati. Non ci credi? Acquista un glucometro continuo come ho fatto io e guarda.

Nutrizione gratuita

Una dieta libera che includa il consumo di carne, pesce, latticini (fermentati e di capra) e cereali fermentati (senza tossine vegetali , principalmente prodotti a base di grano), fa miracoli principalmente separando i carboidrati dalle proteine e dai grassi, nella natura umana non vengono quasi mai consumati insieme . La grande meraviglia che sfugge alla logica sono le tossine che si trovano principalmente nelle verdure, nelle radici, nelle foglie, nei cereali, nei semi, negli ortaggi e nei semi ma anche nei frutti acerbi o non adatti all’uomo. Le piante “non vogliono” che le mangiamo e, a differenza degli animali che possono scappare, il loro modo per prevenirlo sono i veleni. La maggior parte delle tossine si trovano nella buccia, nei semi e nei semi, quindi masticare i semi di frutta e verdura provoca il rilascio delle tossine. Il frutto vuole che tu lo mangi, ma non che tu distrugga i semi masticandoli. Masticare una mandorla, ad esempio , rilascia del cianuro . La pianta immagazzina il cianuro in una forma inattiva chiamata glicoside cianogenico, che è fondamentalmente una molecola di zucchero a cui è attaccato un gruppo cianuro attraverso un triplo legame tra carbonio e azoto. Questo glicoside è immagazzinato in un compartimento separato dall’enzima che lo attiva. Quando un animale mastica la pianta, le cellule vengono frantumate e le due sostanze chimiche si mescolano. L’enzima poi scinde il cianuro dallo zucchero e rilascia il composto tossico. Questo processo è simile alla rottura di una bacchetta luminosa per mescolare le sostanze chimiche che la fanno brillare. Quindi, a seconda delle tipologie di semi, è possibile capire a quali animali il tipo di frutto si è adattato attraverso l’evoluzione. I semi dei mirtilli e dei loro simili sono piccoli semi, ovviamente destinati agli uccelli, e quando gli esseri umani li masticano, i semi vengono distrutti. Gli avocado, ad esempio, sono adatti a noi perché i loro noccioli sono grandi e la buccia è chiara, quindi puoi facilmente evitare di mangiarli. La maggior parte delle persone ha una malattia metabolica che può essere curata passando a una dieta libera per almeno un anno.

Non esiste la sensibilità

Il salto di comprensione è avvenuto quando ho letto un articolo in cui si affermava che il numero dei pazienti celiaci nel mondo è in aumento. I pazienti celiaci manifestano sintomi gravi quando mangiano prodotti con glutine. Il glutine è una tossina della famiglia del grano che dovrebbe impedire a vari insetti e parassiti di mangiare i semi di grano. Ciò che mi sembra illogico è che l’umanità sviluppi improvvisamente un problema per un certo elemento, non ha una logica probabilistica e non evoluzionistica. qualcosa deve cambiare. Effettivamente qualcosa è cambiato.

Innanzitutto, le grandi aziende sementiere hanno aumentato la quantità di glutine nei semi di grano attraverso la selezione e l’ingegneria genetica e quindi la produttività degli agricoltori sul campo è aumentata perché meno parassiti danneggiano il grano. Infatti, a partire dagli anni ’70, assistiamo ad un aumento della resa di cereali per ettaro di oltre 3 volte, anche se questo non è dovuto solo all’aumento del glutine, ma ha un effetto enorme che può spiegare l’aumento della celiachia.

In secondo luogo, è in aumento anche il consumo di prodotti a base di grano, come pane, pasta e dolci, e oggi vediamo che molte persone mangiano prodotti a base di grano a colazione, pranzo e cena.

Il libero pensiero è arrivato quando per me non aveva senso che solo una piccola parte delle persone è sensibile al glutine, i celiaci sono l’1% della popolazione e c’è un altro 10% che si definisce “sensibile al glutine”. Mi sembra molto più probabile che il glutine non faccia bene a nessuno tranne che ad alcune persone con sintomi gravi e ad altre senza sintomi. Mentre leggevo di più a riguardo, tutto si è riunito. Mi è venuto in mente che il glutine è una tossina del grano e che la lievitazione riduce la quantità di glutine. Mi sono ricordato di aver letto nella Bibbia che durante la Pasqua non si mangiano i lievitati, cioè tutto l’anno si lasciava il grano per ridurre la quantità di tossine. C’è una buona ragione per cui mancavano il grano tutto l’anno: non era una cerimonia religiosa. Probabilmente si sono accorti che in questo modo non gli fa male lo stomaco. E poi tutto si è riunito: scienza, logica e ragione evolutiva. Non esiste la sensibilità al glutine, perché il glutine non fa bene a nessuno, anche se in misura diversa.

Mi sono ricordato che quando ero a Curacao, un’isola dei Caraibi, ho visto che tutti i locali dell’isola erano persone enormi, che è una parola gentile per pesante. La ragione di ciò è che sono stati esposti al grano e all’olio vegetale per alcuni anni rispetto ai bianchi, e quindi reagiscono molto più duramente dei bianchi alla dieta occidentale. L’uomo bianco subì una sorta di selezione naturale per questa dieta.

Ora puoi fare un ulteriore passo avanti nel pensare e generalizzare con le eccezioni. Gli alimenti a cui alcune persone sono sensibili sono molto probabilmente tossici per tutti, ma a livelli difficilmente visibili, ma nel corso degli anni causano enormi danni all’umanità. E questo è esattamente il meglio del libero pensiero.

E questi sono l’elenco degli alimenti a cui molte persone sono sensibili e che non fanno bene a nessuno: grano, olio vegetale (bruciore di stomaco), arachidi, latte vaccino (mal di pancia), uova industriali, zucchero (diabetici). Il morbo di Crohn e la colite secondo me sono altri sintomi di una maggiore sensibilità al cibo non adatto all’uomo. Il passaggio ad una dieta libera comporterà, e questa è la mia scommessa, la scomparsa di queste malattie.

Di pane, lievitato e non di grano, festeggerà il cuore umano

Comincio deliberatamente con ciò che è sì e no con ciò che non lo è, perché la risposta di solito è “non c’è più niente da mangiare”. “Dalle tue colonie porterai il pane… il lievito trasformerai” Levitico, 23 “E il popolo portava la pasta, prima che fosse lievitata; “Gli altri sono legati nelle loro vesti, sulle loro spalle”, Esodo, 12. Il pane era così importante per loro che lo portavano con l’impasto sopra.

Non scrivo in un contesto religioso, ma per mostrare quanto fosse importante un tempo e che oggi tutti se ne sono dimenticati. Dal punto di vista biologico, la fermentazione scompone le tossine presenti nei chicchi per impedire ai parassiti di mangiarli. Queste tossine agiscono sugli esseri umani per anni fino alla comparsa delle malattie. Le prime testimonianze archeologiche della cottura del pane e dell’uso della pasta madre si trovano nella Giordania nord-orientale e risalgono a 16.000 anni prima della nostra epoca, cioè circa 4.000 anni prima della cultura del grano. La farina di questi pani era composta principalmente da grano selvatico.

Pane Tef – il cereale più consigliato per preparare la pita. Come lo preparano oggi gli etiopi e lo hanno preparato in passato, solo marinandolo con acqua. È molto facile realizzarlo da solo. Non è solo che gli etiopi sono un bel popolo. Mettere la farina e l’acqua solo per due giorni all’aperto. Dopo due giorni puoi farne il pane fresco ogni giorno. Richiede riscaldamento per 25 minuti a 180 gradi. Quando si aggiunge la farina al lievito naturale, è meglio aspettare un giorno affinché la farina fermenti. È opportuno lasciare sempre una parte della farina lievitata e poi l’azione di lievitazione avviene velocemente con la nuova farina. Il teff è un chicco piccolo. Quando esercito il libero pensiero, ha più senso che i semi che ne contengono enormi quantità siano meno tossici dei semi più grandi. Perché quando ci sono milioni di individui, ogni individuo ha una possibilità di sopravvivenza relativamente piccola, quindi non è necessario avvelenare tutti i chicchi, come ad esempio un grosso chicco di grano. Lo puoi vedere nelle uova di pesce, la possibilità che un uovo sopravviva è molto piccola, ma ce ne sono migliaia e, sebbene l’uovo sia molto vulnerabile, la cultura è possibile a causa dell’enorme quantità di uova di pesce. Come accennato, questa è una scommessa e non una teoria scientifica.

Come la maggior parte delle cose in natura, l’uso dei cereali come cibo è stato graduale. Questo studio spiega perché è importante immergere e immergere i cereali. Farro, orzo, segale sono tutti simili al grano e sono molto problematici a causa del cambiamento genetico che è stato apportato in essi nel corso degli anni e delle tossine in essi contenute, come il glutine e l’agglutinina progettate per impedire agli animali di mangiare i chicchi di grano.

Gli esseri umani hanno subito una selezione (evoluzione) per adattarsi al pane, ma non completamente perché questi pani ci uccidono lentamente (specialmente quando non ne sentiamo la mancanza) e ci uccidono in età avanzata, quindi non esiste alcun adattamento evolutivo. I pani di una volta erano lievitati, lo sappiamo anche secondo la tradizione ebraica che a Pasqua non mangiano lievito, e da questo possiamo tranquillamente concludere che il resto dell’anno mangiavano lievito, e non lo facevano mangiare lievito per il sapore ma perché sia facilmente digeribile.

Proprio come il fumo, è noto che uccide e gli esseri umani fumano da migliaia di anni (tabacco e simili), ma il fumo uccide in età relativamente più anziane, quindi non esiste davvero alcuna forza di selezione evolutiva.

Il problema con i cereali è che provengono da piante, quindi contengono tossine che impediscono ai parassiti di mangiarli. Queste tossine causano molte malattie autoimmuni. L’acidificazione neutralizza gran parte delle tossine. Tieni presente che non ci sono quasi pani a lievitazione naturale nei supermercati (purtroppo).

I cereali contengono naturalmente tossine per impedire ai parassiti di mangiarli. Il potenziamento genetico e manuale amplifica le tossine,

Le tossine aiutano l’obiettivo delle aziende produttrici di sementi: una maggiore resa per acro, perché i parassiti non mangiano il grano quando contiene molte tossine.

Si consiglia di evitare completamente tutti i prodotti a base di grano: il grano è pieno di tossine come agglutinina e glutine e anche a causa del miglioramento genetico che gli hanno apportato. Meglio quindi evitare completamente pane, pasta e snack.

Motivi per evitare completamente i prodotti a base di grano:

  • Il teff è molto più semplice da preparare e mettere in salamoia ed è anche più gustoso.
  • Il grano è stato sottoposto a modificazioni genetiche e selezione convenzionale per aumentare la quantità di resa nel campo. In pratica, hanno aumentato la quantità di tossine naturali nel grano, le stesse tossine che danneggiano i parassiti ma avvelenano anche gli esseri umani.
  • Nel grano è presente il glutine (una tossina) che danneggia la funzionalità intestinale in tutte le persone, ma soprattutto nei pazienti celiaci.
  • Il grano contiene sostanze (tossine) che danneggiano il meccanismo di regolazione dello zucchero nel corpo.
  • Il grano contiene sostanze che danneggiano la sensazione di fame e il metabolismo.
  • Nel pane normale che compri: la farina non è stata acidificata, è stato aggiunto olio vegetale che è altrettanto tossico del grano, dello zucchero, del sale e talvolta peccano aggiungendo glutine (una tossina chiamata lectina).
  • Tossine nel grano che danneggiano il meccanismo di accumulo del grasso corporeo. Questo è esattamente il motivo per cui ai bovini vengono somministrati grano e cereali, in modo che ingrassino.

Frutti maturi con un po’ di fruttosio – sì

Avocado – sì

Albicocca – sì

Clementine – sì

Banane – sì

Piantaggine (cotto) – sì

Siamo attratti dai dolci non perché siano ricchi di calorie, come si crede comunemente, ma in quanto i grassi contengono più calorie dello zucchero. In natura, invece, la dolcezza è simbolo di non tossicità. I frutti diventano dolci solo dopo essere maturi, il che indica che sono sicuri da mangiare. Tuttavia, è importante scegliere frutti che neutralizzano le tossine e producono dolcezza. Si noti che ogni frutto si è adattato prima della prigionia a un animale specifico o a più animali. Da qui si può anche capire se il frutto è adatto a noi oppure no e quando.

Perché la frutta con molto fruttosio?

Il contenuto di fruttosio nei moderni frutti domestici è solitamente più elevato rispetto a quello dei frutti selvatici (gli esseri umani si sono ovviamente adattati ai frutti selvatici). Ciò è dovuto a diversi fattori:

  • Ibridazione selettiva: per generazioni, gli esseri umani hanno allevato selettivamente i frutti per renderli più grandi, più dolci e più gustosi. Ciò ha portato ad un aumento del contenuto di zuccheri, compreso il fruttosio, in molti frutti coltivati rispetto ai loro antenati selvatici.
  • Pratiche agricole: le moderne tecniche agricole, che incorporano l’uso di fertilizzanti, pesticidi e irrigazione, hanno consentito una produzione di frutta più costante e abbondante. Questi metodi possono contribuire ad aumentare la dimensione del frutto e il contenuto di zuccheri, compreso il fruttosio.
  • Modificazione genetica: in alcuni casi, i frutti sono stati geneticamente modificati per migliorare caratteristiche specifiche, come la dolcezza o la dimensione. Ciò può portare ad un contenuto di fruttosio più elevato nelle varietà geneticamente modificate rispetto ai loro parenti selvatici.
  • Maturazione e conservazione: i frutti vengono spesso raccolti quando non sono completamente maturi e poi fatti maturare durante il trasporto o lo stoccaggio. Ciò può portare a un profilo zuccherino diverso, inclusi livelli di fruttosio più elevati, rispetto ai frutti che maturano naturalmente sulla pianta.

In centinaia di migliaia di anni di evoluzione siamo stati esposti a poco fruttosio, da qui il problema. Per chi soffre di problemi di digestione del fruttosio, si consiglia di mangiare la frutta con yogurt o latticini fermentati perché contengono batteri intestinali che aiutano anche a scomporre il fruttosio (Bifidobacterium, Lactobacillus).

La scienza dei frutti

Alcuni frutti maturi sono il cibo più antico per gli esseri umani e le scimmie. Gli esseri umani si sono evoluti per essere in grado di consumare e digerire un’ampia varietà di alimenti, tra cui frutta e altre fonti di fruttosio. Tuttavia, vale la pena notare che la dieta umana e l’ambiente sono cambiati in modo significativo nel corso del tempo e la dieta moderna contiene livelli di fruttosio molto più elevati rispetto a quelli consumati dai nostri antenati. C’è fruttosio nella frutta e la scienza dimostra (contrariamente alla logica) che alte concentrazioni di fruttosio non sono salutari per noi. Esiste un enzima chiamato proctorine o assistente dell’assorbimento Glut5 che in alcune persone viene prodotto meno nel corso degli anni e può portare a problemi digestivi di molti frutti. Esistono molti studi sul fruttosio e sui suoi effetti sulla salute umana. Ecco alcuni risultati chiave:

  • Il consumo eccessivo di fruttosio, soprattutto sotto forma di zuccheri aggiunti negli alimenti e nelle bevande trasformati, è stato collegato ad un aumento del rischio di obesità, diabete di tipo 2 e altri disturbi metabolici. Il fruttosio viene metabolizzato in modo diverso rispetto al glucosio e può portare ad un aumento della resistenza all’insulina e ad un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, soprattutto se consumato in grandi quantità.
  • Alcuni studi suggeriscono che il consumo di fruttosio può aumentare il rischio di steatosi epatica non alcolica (NAFLD), una condizione in cui il grasso si accumula nel fegato e può portare a danni al fegato. Alti livelli di consumo di fruttosio sono stati collegati ad un aumento dell’infiammazione e dello stress ossidativo nel corpo che possono contribuire allo sviluppo di malattie croniche.
  • Alcuni studi hanno suggerito che consumare fruttosio sotto forma di frutto intero può essere meno dannoso rispetto a consumarlo sotto forma di zuccheri aggiunti poiché le fibre e altri nutrienti presenti nel frutto intero possono aiutare a ridurre alcuni degli effetti negativi del fruttosio.

frutti specifici

Se ne mangiamo abbastanza, la maggior parte dei frutti selvatici ci ucciderà. Una piccolissima parte dei frutti presenti in natura sono adatti al consumo umano. L’errore comune è pensare che un certo frutto ci faccia bene quando lo vediamo al supermercato, sembra maturo, ma è solo perché il suo sapore e l’aspetto sono buoni perché è stato raccolto dall’albero acerbo e cotto con gas etilene o in altro modo innaturale. I frutti maturi e leggermente “marci” sono migliori per noi dei frutti “perfetti” che non sono stati mangiati da vari parassiti e sono stati raccolti acerbi. Le tossine (principalmente nella buccia e nei semi) presenti negli acerbi possono causare l’infiammazione dell’appendice e una serie di altri problemi.

Frutti raccolti quando sono relativamente maturi e quindi sicuri: mirtilli, fragoline di bosco, mirtilli rossi, avocado, ananas, arance, mandarini, limoni, uva rossa.

Frutti climatici che di solito vengono cotti con gas etilene e quindi consigliati da evitare (a meno che non siano raccolti maturi dall’albero): anguria, melone, mango, pesca, fichi, prugna, kiwi, banana, litchi e altri.

Nei frutti acerbi, il riscaldamento e la cottura ridurranno le tossine, ma non le aumenteranno. Si consiglia di non mangiare la buccia del frutto e di non masticare i semi, tenete presente che i semi del frutto hanno un sapore amaro perché per noi sono velenosi.

Si consiglia di mangiare frutta di cui è identificato il seme e non masticata, come avocado, banane platano cotte o al forno (dovrebbero essere prima mature).

Non c’è nulla di cui preoccuparsi per i frutti troppo maturi, ecco perché gli esseri umani hanno sviluppato la capacità di scomporre l’alcol, un sottoprodotto dei frutti maturi. Dimostra anche che siamo adattati a mangiare frutti maturi e anche leggermente marci!

Conclusione Gli esseri umani sono adattati a mangiare frutti dolci e maturi con tendenza a marcire (esattamente l’opposto dei bellissimi frutti acerbi che ci vengono venduti al supermercato).

Tesoro, sì

Il miele (non trasformato), come il latte, è destinato al consumo (da parte delle api) e non contiene tossine. Fin dall’antichità veniva utilizzato per curare le ferite (secondo la mia esperienza funziona meglio dello iodio).

Uova: sì e no

Eviterei completamente le uova di gallina per i seguenti motivi (a meno che la gallina non mangi insetti e il suo cibo sia naturale e ruspante):

  • Le uova causano vari sintomi e sensibilità per molte persone. Di solito c’è una ragione per questo.
  • I polli non mangiano il cibo che dovrebbero mangiare e non sono dove dovrebbero vivere. Ciò influisce sicuramente sulla qualità delle uova.
  • Tutto il cibo industrializzato nel mondo non è adatto all’uomo. Probabilmente anche le uova sono nella lista.
  • Nel processo di allevamento dei polli per deporre molte uova, anche il materiale nelle uova cambia, quindi gli esseri umani non ne sono stati esposti (un processo simile è avvenuto con il grano per impedire ai parassiti di mangiarlo).
  • Non ho effettuato test scientifici, ma ho visto che i polli vivono in dure condizioni di cattività, fatte di sporco, malattie e ferite gravi. Il guscio d’uovo potrebbe non essere sigillato e assorbe sostanze tossiche al suo interno. Inoltre, i polli ricevono regolarmente grandi quantità di antibiotici per prevenire la morbilità.

Latticini: sì, di capra

A differenza delle piante, il latte è destinato al consumo, ma non al consumo umano. L’acidificazione del latte lo rende molto più adatto all’uomo. Ecco perché è meglio consumare solo prodotti a base di latte caprino e preferibilmente acidulati, fermentati o stagionati: yogurt, burro, formaggi e kefir.

La fermentazione del latte può renderlo più vantaggioso per l’uomo in diversi modi:

  • Digestione migliorata – Il latte fermentato contiene batteri benefici chiamati probiotici, che aiutano a scomporre il lattosio e facilitare la digestione. Ciò è particolarmente importante per le persone intolleranti al lattosio, poiché non sono in grado di digerire il lattosio da sole.
  • Maggiore disponibilità di nutrienti – La fermentazione può aumentare la disponibilità di alcuni nutrienti nel latte, come la vitamina B12 e il folato. Questi nutrienti sono importanti per la salute e il benessere generale.
  • Basso contenuto di lattosio – Il processo di fermentazione riduce anche il contenuto di lattosio del latte, rendendolo più tollerabile per le persone con intolleranza al lattosio.
  • Migliorare il gusto e la consistenza – I latticini fermentati, come yogurt e kefir, hanno spesso un gusto e una consistenza piccanti e cremosi che piacciono a molte persone.

Tutto sommato, la fermentazione del latte può renderlo più nutriente, più facile da digerire e più piacevole da consumare.

È meglio evitare del tutto i prodotti a base di latte vaccino. È importante che i prodotti lattiero-caseari provengano da pascoli naturali e non dal tipo di miscele che ricevono gli animali in gabbia.

Motivi per evitare i prodotti a base di latte vaccino:

  • Contiene una grande quantità di proteina beta caseina A1 (gli esseri umani hanno mangiato beta caseina A2 per la maggior parte degli anni dell’evoluzione).
  • La beta-casomorfina-7 – BCM-7 è un peptide prodotto quando la beta-caseina A1 viene digerita nel sistema digestivo. È stato dimostrato che il BCM-7 ha effetti simili agli oppioidi, il che significa che può legarsi ai recettori degli oppioidi nel cervello e nel sistema nervoso. Alcuni studi hanno suggerito che il BCM-7 può essere associato a una varietà di problemi di salute, come disturbi gastrointestinali, infiammazioni, disturbi neurologici e malattie cardiache. Vale la pena notare che BCM-7 non è presente nella beta-caseina A2, motivo per cui alcune persone potrebbero scegliere di consumare il latte A2 come alternativa al latte vaccino tradizionale che contiene beta-caseina A1 e A2.
  • Latte vaccino completamente industrializzato: tutti gli alimenti industrializzati (soia, grano, mais, avena, latte vaccino, uova) non sono buoni per noi sia nella ricerca che nella logica. Questo a livello probabilistico.
  • Una mucca riceve cibo non adatto a lei per produrre molto latte e inoltre viene allevata in condizioni abusive.
  • Uno studio che ha confrontato la tribù Masai che mangiava carne e latte vaccino con una tribù corrispondente che era vegetariana.

Verdure e foglie: meglio di no

La maggior parte delle verdure e delle foglie contenenti tossine e minerali antiassorbenti sono dannose per noi. La maggior parte delle verdure sono amare o acide, quindi segnalano a noi e agli altri animali di non mangiarle. Se insisti nel mangiare le verdure, dovrebbero essere ben cotte. Non c’è motivo di mangiare verdure pensando che facciano bene, anzi. Non esiste il cibo sano, esiste il cibo adatto a noi. Verdure e foglie facevano parte della dieta umana solo nei periodi di penuria alimentare e non per libera scelta.

Verdure da evitare: cetrioli, patate, mais, pomodori, melanzane, peperoni, zucca e zucchine (meglio cuocerle a vapore, articolo su verdure e foglie ).

Motivi per evitare verdure e foglie

  • Negli anni antichi, le persone difficilmente mangiavano verdure e foglie, tranne che per scopi medicinali o quando non c’era scelta.
  • Le verdure sono amare o acide, il che è un segno naturale di tossicità.
  • Esistono diversi tipi di tossine nelle piante: inibitori dei nutrienti, lectine, ossilati, tannini, inibitori della proteasi, acido fitico, cianuro, interferenti ormonali
  • Le piante vogliono ucciderti “: Le piante non possono scappare come gli altri animali, quindi hanno sviluppato un meccanismo per impedire loro di essere mangiate principalmente producendo tossine e questo è un modo di difesa. Sia la scienza che la logica lo mostrano.
  • Il meccanismo di difesa delle piante non è stato sviluppato per impedire l’alimentazione da parte dell’uomo ma di piccoli insetti e altri animali, pertanto l’effetto di queste tossine è spesso troppo lento per collegare questo alimento non è adatto all’uomo.
  • La cottura e il riscaldamento (un meccanismo che le piante non hanno incontrato nel corso dell’evoluzione) distruggono gran parte delle tossine, ma non tutte.
  • Tutti i nutrienti si trovano nella carne, nel pesce, nel latte e in alcuni frutti. Ciò dimostra che questi sono i nutrienti su cui siamo costruiti.
  • I minerali e le vitamine presenti nelle piante vengono assorbiti meno bene della carne e del pesce. Ad esempio, il ferro proveniente da una fonte carnea (ferro eme) viene assorbito molto meglio del ferro proveniente da una fonte vegetale (non eme). Spiegazione del ferro .
  • La maggior parte delle piante ucciderà la maggior parte degli animali.
  • Una piccola parte delle piante viene mangiata da una piccola parte degli animali. Un koala deve mangiare una foglia di eucalipto e neutralizzarne le tossine. Qualsiasi altra dieta la ucciderà e le foglie dell’albero che mangia avveleneranno il resto degli animali, compresi noi.
  • Le piante dovrebbero essere considerate più come una medicina: a piccole dosi e con grande cura e solo in caso di malattia.
  • Le piante hanno inibitori dell’assorbimento di importanti minerali. Il cavolo, ad esempio, disturba la ghiandola tiroidea e il suo trattamento con iodio.
  • È logico che non abbiamo bisogno delle foglie perché mancano di calorie: spinaci, cavoli, cavolo cinese, lattuga e tutte le foglie verdi.

Semi – no

I semi fanno parte degli alimenti dannosi per noi, principalmente a causa dei meccanismi di difesa naturale dei semi.

Per poterli mangiare devono subire ammollo, acidificazione, germogliazione e cottura per ridurre le tossine (le lectine fanno parte delle tossine vegetali).

Si consiglia di evitare lino, papavero, chia, sesamo e tahini.

Riso – solo per gli asiatici

Il riso è il tipo di cereale che non ti manca, ma contiene tossine che non si decompongono semplicemente con il riscaldamento. Inoltre, gli asiatici probabilmente hanno sviluppato un sistema digestivo più adatto a digerire il riso dopo essere stati esposti ad esso per migliaia di anni in più rispetto all’uomo bianco. Un esempio di adattamento genetico in alcune popolazioni asiatiche dovuto all’esposizione alimentare specifica è l’aumento della prevalenza di ALDH2*2, una variante del gene dell’aldeide deidrogenasi 2 (ALDH2). Questo tratto genetico è associato a una ridotta capacità di metabolizzare l’alcol, che porta a una condizione nota come reazione alcolica o “lavaggio asiatico”.

La variante si trova più comunemente nelle popolazioni dell’Asia orientale, comprese quelle di origine cinese, giapponese e coreana. La prevalenza di questo tratto genetico può essere correlata al consumo storico di alcol a base di riso, come sake e soju, che hanno un contenuto alcolico relativamente basso rispetto ad altre bevande alcoliche. La ridotta capacità di metabolizzare l’alcol può fornire un effetto protettivo contro il consumo eccessivo di alcol e i problemi di salute correlati all’alcol in queste popolazioni.

Gli studi dimostrano che gli asiatici sono più sensibili al latte perché non sono stati esposti ad esso come i bianchi. La prevalenza dell’intolleranza al lattosio varia tra le diverse popolazioni e gruppi etnici. In generale, le popolazioni dell’Asia orientale tendono ad avere una maggiore prevalenza di intolleranza al lattosio rispetto alle popolazioni di discendenza europea. Si stima che circa il 70%-100% degli asiatici orientali soffra di intolleranza al lattosio, mentre la prevalenza tra le persone di origine europea è più bassa, compresa tra il 5% e il 20%.

La lectina presente nel riso è chiamata “agglutinina Oryza sativa” o “agglutinina di riso”. Questa proteina può legarsi a specifiche molecole di zucchero ed è coinvolta in varie funzioni biologiche all’interno della pianta ed è progettata per impedire ai parassiti di mangiare i semi di riso. L’agglutinina del riso si trova principalmente negli strati esterni dei chicchi di riso, come la crusca. Proprio come il glutine, probabilmente danneggia gli esseri umani.

In un pensiero del tutto libero, poiché ci sono stati cambiamenti genetici nei bianchi e non negli asiatici a seconda dell’esposizione a un determinato alimento, probabilmente è accaduto anche il contrario, cioè gli asiatici avevano cambiamenti genetici per favorire la digestione del riso. è uno studio secondo cui gli asiatici hanno avuto un cambiamento genetico nella digestione delle alghe. Inoltre, il riso non è acidificato ed è noto che contiene una tossina chiamata “agglutonina”. Se confrontato con il fatto che il riso mi mette a disagio, è altamente probabile che il riso non sia adatto alla persona bianca o a una persona i cui antenati non sono stati esposti al riso.

Radici – no

Tutte le radici contengono tossine che devono essere neutralizzate. Non va bene per tutti, ma se è così, solo dopo averli cotti al vapore o cotti: patate dolci, topinambur, carciofi.

Nel dubbio: cipolla, aglio, scalogno, porro, finocchio, ravanello, ravanello, tutti i funghi, radice di yucca. La logica è semplice: le radici dell’evoluzione hanno aggiunto tossine che impediscono ai parassiti di mangiarle. Il riscaldamento e la cottura probabilmente riducono la maggior parte delle tossine, ma nelle persone con l’intestino danneggiato queste tossine causeranno gravi danni a vari sistemi del corpo.

Sale – no

Evitare completamente tutti i tipi di sale il più possibile. Gli esseri umani se la sono cavata bene per milioni di anni senza aggiungere sale. (La mia vita tra gli indiani, pagina 82, “Non ho mai incontrato indiani che usino alcun tipo di sale, nemmeno per essiccare la carne”). Secondo la “Legge della Scimmia” è molto probabile che l’aggiunta di un nuovo ingrediente al menu umano sia dannosa per la salute. Il sale è stato aggiunto ai menu già da migliaia di anni e negli ultimi anni sempre più per tutti i tipi di cibo. Uno studio che dimostra come il sale danneggia il sistema digestivo e i batteri buoni dell’intestino.

Il sale naturale aggiunge freschezza al cibo e probabilmente è dannoso per noi. Il sale lavorato (probabilmente il sale economico che consumi) è ancora più dannoso per noi. Una domanda interessante è: “Il nostro amore per il sale è un gusto acquisito o è “innato in noi”? Dalle ricerche linkate sopra sembra che l’amore per i cibi salati sia acquisito, quindi non abbiamo alcuna reale necessità di salare gli alimenti se non il desiderio di conservare il cibo. Nella maggior parte degli anni dell’evoluzione non abbiamo mangiato sale, quindi la conclusione logica è che non abbiamo bisogno del sale e questo danneggia milioni di processi nel corpo umano secondo lo strumento 7 in Strumenti per la libertà .

Noci – no

Dovresti ridurre al minimo il consumo di tutti i tipi di noci che non hanno il guscio o che ne hanno un piccolo a causa dell’acido fitico. Dovresti evitare completamente le arachidi e la loro frutta secca, che sono legumi. È meglio immergere le noci per un giorno in acqua con sale e asciugarle: così le mangiavano.

Legumi – no

È meglio ridurre il consumo di ceci, fagioli, lenticchie, ecc. oppure metterli in ammollo per 24 ore e cuocerli per 3. Gli studi dimostrano che non tutte le persone digeriscono i diversi tipi di cibo nella stessa misura. Ad esempio, gli asiatici sono più adatti alle alghe e al riso rispetto agli europei. È possibile che ci siano persone provenienti da diverse parti del mondo che sanno come evitare i veleni dei legumi dopo essere stati probabilmente esposti ad essi (sono sicuro che non tra questi).

Alghe – no

La legge delle alghe è la legge delle verdure e delle foglie. Se consumato, è necessario cuocerlo per alcuni minuti in acqua.

Si consiglia di verificare di non essere sensibili alle alghe, non tutte le persone hanno una quantità sufficiente di enzimi e batteri intestinali adatti a decomporre bene le alghe.

Droghe e alcol – no

Il problema con le droghe è che interagiscono con il nostro organo più importante: il cervello. Ecco perché consiglierei di non scherzare con nessun tipo di farmaco. È abbastanza chiaro che i farmaci provocano danni a lungo termine al nostro cervello.

Una piccola quantità di alcol è accettabile. Non per niente la droga e l’alcol sono coinvolti nella maggior parte dei crimini più violenti e brutali.

evitare a tutti i costi

Allora cosa evitare a tutti i costi? Tutti i prodotti a base di grano non lievitato (pane, grano saraceno, pasta, dolci), tutti gli oli, uova, latte vaccino, sale lavorato, conservanti, mais, avena, zucchero, fagioli, arachidi, patate, sostituti dello zucchero, caffeina, antibiotici e riduttori di acidità di stomaco. Inoltre, evitate completamente i sostituti della carne, del pane e del latte, sono completamente lavorati e molto meno buoni per noi dell’originale.

Solo evoluzione con logica

Tutti i tentativi di raggiungere una dieta adeguata per gli esseri umani sono falliti perché si è cercato di passare attraverso la scienza o attraverso le emozioni. Cercando di capire “cosa è sano? Ma la soluzione arriva solo attraverso l’evoluzione, la storia umana, la scimmia umana e l’esercizio della logica, perché non abbiamo modo di sapere esattamente cosa mangiavano e in quali quantità.

Per arrivare a una dieta libera, una dieta adatta all’uomo, si arriva principalmente attraverso l’evoluzione e l’antropologia, nonché con l’aiuto di esperimenti personali, studi di lettura, lettura di libri , libertà di pensare e osservazione della natura. Ogni animale (compreso l’uomo) ha bisogno di mangiare ciò che ha mangiato in passato. Sappiamo oggi quale fosse la dieta dell’uomo antico anche dai resti rinvenuti sui denti degli scheletri nonché studiando osservando le tribù che vivono oggi in diverse parti del mondo. Immagina una persona che cammina fuori, il cibo più disponibile per lui sono gli animali. Dagli animali più piccoli come gli insetti ai più grandi come i cervi. Per il resto degli alimenti competiamo con gli uccelli e vari parassiti che li hanno mangiati prima di noi, come la guerra dei frutti contro gli uccelli (infatti la maggior parte dei frutti sono adatti per essere mangiati dagli uccelli), non si ci vuole saggezza per mangiare una mela, ma ce n’è bisogno per cacciare uno scoiattolo o un cervo. Ecco perché nel tempo vediamo lo sviluppo del cervello umano sia in termini di adattamento a un ambiente di vita sempre più difficile, sia in termini di necessità di cooperazione nella caccia.

Eravamo separati, abbiamo inventato l’agricoltura e ci siamo uniti

Gli esseri umani hanno lasciato l’Africa in diverse ondate. A partire da circa 100.000 anni fa, gli esseri umani si dispersero in tutto il mondo e negli ultimi anni si sono riuniti con l’aiuto dei voli e del commercio. La rivoluzione agricola è avvenuta 9.000 anni fa, dopo che ci eravamo separati. Ciò significa necessariamente che ci sia stato un adattamento individuale all’ambiente e alla dieta, perché doveva esserci una lunga separazione tra i diversi gruppi senza grandi mescolanze, così come l’invenzione di metodi agricoli e l’allevamento di animali e piante. Ecco perché vediamo un tono della pelle diverso, un adattamento all’aria rarefatta e molte altre caratteristiche che l’evoluzione ha dovuto adattare alle diverse condizioni ambientali e sociali.

Esistono tre tipi di alimenti:

  • Buono per tutti (la dieta con cui abbiamo lasciato l’Africa).
  • Buono per alcune persone (una dieta a cui alcuni si sono adattati nel corso degli anni, come i fagioli e i sudamericani).
  • Non va bene per nessuno (una dieta alla quale nessuno si è adattato).

La cosa migliore è attenersi a ciò che l’uomo mangia fin dall’antichità, cioè il cibo più antico (buono per tutti): frutta, pesce, carne e miele e solo poi vari cereali (buoni per alcuni). Il grasso (non animale) non fa bene a nessuno.

Avvelenamento o semplicemente invecchiamento

Analizzando i dati sulla distribuzione delle malattie nella società occidentale, non si può evitare di vedere i sintomi dell’avvelenamento (che credo sia stato causato dalle tossine presenti nelle piante): diabete, arteriosclerosi, artrite, obesità e una serie di malattie autoimmuni. sono malattie che non esistevano nei cacciatori-raccoglitori (potrebbero essere morti prima che comparissero queste malattie, ma anche nei cacciatori di 30-40 anni si sarebbero dovuti vedere i segni di queste malattie, ma non ci sono, nemmeno nei cacciatori-raccoglitori tribù preservate). Oggi viviamo fino a tarda età, quindi probabilmente vediamo l’effetto delle tossine presenti nel cibo. Qui leggerai un articolo in cui è chiaro che lo scrittore sta indovinando cosa mangiare. Qui non c’è libero pensiero. Il veganismo è l’opposto di una dieta libera (secondo me), perché anche se ha logica, compassione per gli animali e preservazione dell’ambiente per così dire, non è adatto agli esseri umani perché contiene tossine vegetali. Il veganismo, come altri tipi di alimentazione, è molto utile quando non include alimenti trasformati e zucchero. Secondo tutte le informazioni che ho visto e analizzato, l’uomo è costruito per mangiare principalmente animali, si vede anche che carne e grassi non aumentano il nostro zucchero, quando in realtà un alto livello di zucchero nell’uomo è distruttivo per tutti i sistemi del corpo. La domanda importante è da quanti anni siamo stati esposti a questo alimento. La carne è entrata nella nostra dieta qualche milione di anni fa, il pane da 7.000 anni fa e l’olio di canola solo 40 anni fa, quindi è abbastanza chiaro quali siano le possibilità di adattamento per ciascuno di questi alimenti. Inoltre, gli esseri umani migrarono e si dispersero in tutto il mondo, e quindi la loro dieta fu adattata al luogo in cui si trovavano, e non necessariamente a ciò che avrebbero dovuto mangiare, ad esempio in Sud America la dieta era principalmente mais e patate, rispetto al Giappone, dove la dieta era pesce e riso. Vediamo infatti grandi differenze nell’aspettativa di vita dei giapponesi rispetto ai sudamericani, nell’antichità e anche oggi. Il riso è un ottimo esempio di un alimento specifico a cui erano esposti solo gli asiatici. Uno studio che dimostra che esiste una differenza nel sistema digestivo tra gli esseri umani e uno studio che mostra la capacità degli asiatici di digerire le alghe . Oggi sappiamo che il mais e le patate contengono molte tossine, il che è logico perché hanno sviluppato meccanismi di difesa contro i parassiti. Una patata non ha un periodo in cui “vuole” che i parassiti la mangino (a differenza della frutta). La scienza dimostra che la cottura non elimina tutte le tossine dalle patate, anche se ovviamente il “trucco” del riscaldamento non è stato preso in considerazione nell’evoluzione della patata. Quando gli esseri umani iniziarono a usare il fuoco per cucinare e arrostire il cibo, il loro menu si espanse fino a includere radici, verdure, legumi e simili: cibo che non potevano mangiare senza l’uso del fuoco. Naturalmente, il riscaldamento non ha rimosso tutte le tossine dalle piante, quindi sono stati sviluppati metodi aggiuntivi come l’ammollo, la germinazione e la fermentazione per poter consumare questi alimenti.

L’avvelenamento può fare praticamente qualsiasi cosa e dare i suoi segnali in qualsiasi momento. Secondo me “l’intera umanità” è avvelenata dalle tossine vegetali. Non è possibile che gli esseri umani possano mangiare così tanti tipi di piante quando ciascuna pianta contiene centinaia o dozzine di tossine diverse.

Non è un caso che i bambini non amano le verdure e le foglie e spesso mostrano una naturale avversione per i sapori amari, piccanti e aspri, che probabilmente indicano tossicità, ed infatti, per selezione naturale, si è sviluppata l’avversione verso questi gusti. Il nostro istinto naturale è quello di non apprezzare il piccante, l’amaro e l’acido perché simboleggiano la tossicità. Dolce e grasso significa pronto da mangiare e questo è fondamentale per pensare liberamente all’alimentazione. Una preferenza istintiva per i gusti dolci e grassi può riflettere la volontà di consumare cibi sicuri e facilmente digeribili.

I cacciatori-raccoglitori, che vivevano prima dell’avvento dell’agricoltura, sembrano avere meno malattie croniche che affliggono le società moderne. Molti ricercatori ritengono che la loro salute sia peggiorata una volta adottati metodi agricoli, suggerendo che il cambiamento nello stile di vita agricolo potrebbe aver avuto conseguenze indesiderate sulla salute umana, simili a un lento avvelenamento, piuttosto che solo gli effetti dell’invecchiamento.

Si è anche visto che le popolazioni che passano da una vita nella natura a una vita moderna sono le più vulnerabili al cibo moderno perché non sono state esposte ad esso come lo siamo noi per diverse migliaia di anni e non hanno subito un adeguato adattamento genetico. Ad esempio, gli aborigeni sono molte volte più vulnerabili al diabete, all’ipertensione, ai problemi cardiaci e altro ancora. Ciò dimostra che la dieta moderna fondamentalmente non fa bene a nessuno, ma per coloro che non sono stati esposti per migliaia di anni è ancora più dannosa. I nativi americani, ad esempio, sono più sensibili all’alcol perché non hanno avuto scelta o introduzione evolutiva ad esso, ma anche l’uomo bianco soffriva di una dipendenza tale da compromettere la sua capacità di avere figli.

Prima della rivoluzione agricola, gli esseri umani facevano affidamento su una dieta a base di frutta e proteine ​​animali che forniva una varietà equilibrata di nutrienti. Alcune prove suggeriscono che avevano ossa più forti, denti più sani e una minore incidenza di condizioni croniche come l’obesità, il diabete e le malattie cardiache rispetto agli esseri umani moderni.

Tuttavia, con il passaggio all’agricoltura, la dieta umana si è concentrata maggiormente su cereali, frutta e piante, il che ha portato ad un aumento del consumo di carboidrati. Questo cambiamento nelle abitudini alimentari ha contribuito a un declino della salute generale, poiché le persone sono diventate più suscettibili a carenze nutrizionali, problemi dentali e malattie croniche.

Se da un lato la rivoluzione agricola ha consentito lo sviluppo di società umane complesse e la crescita della civiltà, dall’altro ha avuto anche un impatto significativo sulla salute umana. Sembra che il passaggio dallo stile di vita di cacciatori-raccoglitori a quello agricolo abbia portato ad un aumento di malattie croniche e problemi di salute che ricordano un lento avvelenamento e non solo gli effetti dell’invecchiamento.

Eccellente articolo sul cianuro nelle piante.

non allungare il muscolo del “no”.

Non siamo fatti per resistere sempre alla tentazione. Ecco perché si consiglia semplicemente di non mettere a portata di mano il cibo che non si desidera mangiare. È anche meglio non vedere le sigarette, se vuoi fermarti.

Per quanto riguarda la questione se esporre i bambini a cibi malsani a casa, inequivocabilmente no. Ora continua a leggere.

Per i bambini, resistere alla tentazione è solitamente più difficile che per gli adulti, il che rende particolarmente utile ridurre al minimo l’esposizione a opzioni malsane a casa. Ci sono diversi motivi per cui sarà più difficile per i bambini dire no alle tentazioni:

  • Controllo degli impulsi sottosviluppato – Il cervello dei bambini, in particolare la corteccia prefrontale responsabile del processo decisionale e del controllo degli impulsi, non è completamente sviluppata. Di conseguenza, spesso hanno difficoltà ad autoregolamentarsi e sono più propensi a cedere ai desideri immediati invece di considerare le conseguenze a lungo termine.
  • Comprensione limitata delle conseguenze – I bambini piccoli potrebbero non comprendere i potenziali esiti negativi di scelte non salutari, come l’impatto sulla loro salute a lungo termine o il rischio di sviluppare malattie croniche. Questa mancanza di comprensione rende loro difficile resistere alle tentazioni.
  • Forte influenza degli stimoli esterni: i bambini sono molto sensibili agli stimoli nel loro ambiente, inclusi segnali visivi, odori e sapori. Di fronte a opzioni allettanti e malsane, potrebbero avere difficoltà a resistere a causa della loro maggiore reattività a questi stimoli.
  • Pressione dei pari: i bambini possono essere fortemente influenzati dai loro coetanei e potrebbero sentirsi spinti a compiere scelte malsane se lo fanno i loro amici. Questa influenza sociale può rendere più difficile per loro dire no alle tentazioni.
  • Connessione emotiva al cibo – I bambini possono associare determinati alimenti al conforto, all’amore o alla ricompensa, rendendo loro difficile rifiutare questi alimenti quando sono disponibili a casa.

Riducendo la presenza di cibi poco salutari in casa, i genitori possono aiutare i propri figli a evitare queste tentazioni e a rendere più accessibili scelte più sane. Questo approccio non solo aiuta i bambini a sviluppare migliori abitudini alimentari, ma li prepara anche al successo a lungo termine nel mantenere una dieta equilibrata e nutriente.

Gli esseri umani sono naturalmente vulnerabili alle tentazioni e resistervi continuamente può essere difficile. Ricerche ed esempi tratti dalla vita quotidiana indicano che una strategia efficace per evitare abitudini malsane o comportamenti di dipendenza è eliminare o ridurre al minimo l’esposizione alla fonte della tentazione.

Ad esempio, quando si tratta di cibo, gli studi hanno dimostrato che le persone hanno maggiori probabilità di consumare snack poco salutari quando sono facilmente accessibili (Wansink, Painter e Lee, 2006). Tenendo tali articoli lontani dalla vista o non acquistandoli affatto, le persone possono ridurre la probabilità di diventarne dipendenti. Invece, mettere a portata di mano opzioni alimentari più sane come frutta e verdura può incoraggiare migliori abitudini alimentari.

Allo stesso modo, per coloro che cercano di smettere di fumare, la ricerca suggerisce che evitare segnali visivi o promemoria può essere utile. Uno studio di Tiffany e Drobs (1991) ha scoperto che le persone esposte a segnali legati al fumo sperimentavano un desiderio più forte di sigarette. Pertanto, tenere le sigarette lontane dalla vista ed evitare ambienti in cui il fumo è comune può aiutare le persone nel loro sforzo di smettere.

Comprendere la nostra innata suscettibilità alla tentazione può aiutarci a escogitare strategie per resistervi in ​​modo più efficace. Riducendo l’esposizione a stimoli malsani o che creano dipendenza, possiamo rendere più semplice per noi stessi mantenere abitudini e comportamenti più sani.

Sostituti sostitutivi

In un modo non scientifico, anche se non mi va molto bene, la natura non ama essere superata in astuzia e ci sono meccanismi contro di essa, ad esempio il riscaldamento globale, quando l’ambiente naturale sulla Terra viene distrutto o il fatto che non dovremmo consumare prodotti contenenti glutine non fermentato, zucchero pulito, caffeina e carne lavorata o coltivata in condizioni innaturali, e i sostituti sono spesso molto più tossici per noi dell’originale.

In termini scientifici, i sostituti degli alimenti comuni come latte, zucchero, glutine e carne non sono raccomandati perché spesso sono concentrati e non sono così salutari come vengono commercializzati. Spesso hanno effetti negativi sulla nostra salute. La maggior parte dei concentrati conosciuti oggi non ci fanno bene perché negli anni della nostra evoluzione non siamo stati esposti ad essi. Se prendiamo il tahini come esempio, una porzione di 100 grammi di tahini contiene circa un chilogrammo di sesamo, è chiaro che mangiare un chilo di sesamo non ha senso, e il problema è che il sesamo contiene tossine naturali che dovrebbero prevenire i parassiti dal mangiarlo, il concentrato di sesamo contiene una concentrazione di tossine. La cosa peggiore è il sostituto del latte a base di avena, avena estremamente tossica.

Le alternative al latte come il latte di mandorle, di soia o di riso sono in realtà una concentrazione di questi prodotti, che contengono tossine naturali e nella loro concentrazione stiamo effettivamente consumando una concentrazione di queste tossine. Inoltre, i sostituti mancano dei nutrienti essenziali presenti nel latte vaccino o caprino, come calcio, vitamina D e proteine. Gli studi dimostrano che il latte vegetale potrebbe non fornire gli stessi benefici per la salute del latte vaccino e che esistono sostituti tossici presenti nella soia e nelle mandorle.

I sostituti dello zucchero, come i dolcificanti artificiali, possono aiutare a ridurre le calorie, ma alcuni studi hanno scoperto che possono portare ad aumento di peso, diabete e altri problemi di salute. Le alternative naturali allo zucchero come il miele o lo sciroppo d’agave contengono comunque calorie e possono contribuire all’aumento di peso se consumate in eccesso.

Il modo giusto è semplicemente quello di non consumare prodotti che contengono zuccheri aggiunti, ci si abitua rapidamente. I sostituti dello zucchero funzionano solo su di te, molto probabilmente non sono realmente migliori dello zucchero. L’unico sostituto dello zucchero pulito è lo zucchero pulito zero.

I prodotti senza glutine sono importanti per le persone celiache. Per le persone con sensibilità al glutine, che sono praticamente tutti, è meglio stare lontano dai sostituti del glutine industriali. Il glutine è presente nei tipi di grano e il modo giusto è evitare del tutto il grano e non cercare di essere intelligenti con i sostituti. Gli alimenti sostitutivi del glutine possono essere ricchi di calorie, zuccheri e grassi malsani.

I sostituti della carne, come i prodotti a base di soia, il seitan o gli hamburger a base vegetale, sono fondamentalmente un concentrato di soia, piselli o altre piante e di solito contengono una concentrazione delle tossine naturali presenti nella soia, nei piselli o in altre piante. Gli esseri umani non sono adattati a mangiare la pianta, a meno che non sia un frutto maturo o non abbia subito un processo per rimuovere le tossine, come l’acidificazione o il riscaldamento prolungato.

Perché “grasso”? dì “non magro”

Nasciamo con la capacità di essere bravi in quasi ogni campo, incluso anche il campo della matematica. Per eccellere in matematica devi semplicemente passare ore a esercitarti, mentre per mantenere un peso sano è semplice mangiare ciò che ci si addice come esseri umani, indipendentemente dalle quantità. Ci sono individui con problemi genetici che causano l’incapacità di apprendere la matematica o con malattie metaboliche croniche che li portano ad avere un peso anormale. Avere un peso normale significa sostanzialmente non soffrire di una malattia metabolica. Il corpo ha un meccanismo complesso che sa portarci ad un peso adeguato. Proprio come le centinaia di meccanismi che supportano i livelli di zucchero, vitamina C e sodio, questo si chiama omeostasi. Il corpo vuole essere equilibrato e questo vale anche per il peso!

Uno dei segni di una malattia metabolica è la fame subito dopo i pasti e un peso molto diverso da quello che avevamo a 18 anni.

In cosa aiuta esattamente la genetica?

La genetica ci aiuta a mangiare cose che non sono adatte a noi e a non ingrassare, ma chiunque mangi cibo adatto agli esseri umani avrà un peso normale. La genetica infatti ci aiuta a non contrarre una malattia metabolica (il meccanismo di stabilizzazione del peso non funziona più bene) nonostante “avveleniamo” l’organismo con alimenti non adatti a noi. Ma la genetica funziona anche fino ad una certa età. Lo vedi quando ad una certa età le persone non hanno più il peso di prima. Dalla scienza e dalla logica sembra che ciò che conta sia ciò che mangiamo per non rovinare il nostro meccanismo di stabilizzazione del peso e non le quantità. Dopotutto, diciamo che un uccello che incontra 100 tonnellate di ciliegie non si gonfierà e non sarà in grado di volare: i geni di questi uccelli lo proteggono, un uccello senza questo meccanismo di difesa non è più in natura, ma se gli diamo una sostanza che “confonde” il suo sistema di stabilizzazione del peso (come il mais transgenico) potresti raggiungere un peso da non volare e scappare dai pazzi.

Non c’è niente come un esperimento da dimostrare

Fai un esperimento sul tuo cane: dagli tutta la carne cruda o cotta che può mangiare. Vedi se ingrassa. Dategli del cibo per cani che possa mangiare e vedete cosa lo fa ingrassare.

Segnalazione di base

Un segnale di sete e fame

Proprio come ti fidi del tuo corpo per segnalare quando hai freddo o caldo e non controlli esattamente quale sia la temperatura, questo è esattamente il modo in cui il corpo sa segnalare se ha fame o sete e dovresti ascoltarlo. A volte nella malattia il corpo segnala una riluttanza a mangiare e questo è perfettamente logico, durante la malattia il corpo preferisce indirizzare le sue energie alla lotta e non alla digestione. Uno dei problemi è una malattia metabolica in cui il corpo perde effettivamente la capacità di segnalarci che siamo sazi, l’unico modo per curare questa malattia è mangiare cibo adatto all’uomo. Anni di alimentazione non adattata all’uomo causano malattie metaboliche, ognuno la contrae in età diversa. Lo stesso principio vale per il bere, purché non confondi il tuo corpo con caffeina, alcol o altri diuretici.

La conclusione che deriva dalla logica e dalla scienza è: bevi acqua quando hai sete e mangia quando hai fame. In una dieta libera mangi meno carboidrati e più carne e pesce. Pertanto è importante non aver paura di mangiare molta più carne e pesce di quanto si era abituati, mangiare fino a saziarsi. Aspetta il segnale che non hai più fame.

Perché il corpo non ci segnala che siamo avvelenati?

Il corpo ci segnala che siamo avvelenati attraverso la capacità di distinguere tra amaro, dolce, piccante, acido e usando l’olfatto: molto probabilmente il cibo puzzolente è avariato e non lo mangeremo. È un istinto primordiale sviluppato in milioni di anni di evoluzione.

Probabilmente ti starai chiedendo: “Allora che sapore ha per me il piccante?” oppure “Che sapore ha per me il wasabi amaro?” Allora portane dell’altro.’

I sistemi del corpo sanno come dirigere le sostanze mancanti nel corpo dove sono più necessarie a breve termine (di solito cervello ed energia) e solo poi a lungo termine (forza ossea e altro – lo si vede nell’osteoporosi). In questo articolo il professor Bruce Ames spiega la teoria del percorso dei minerali e delle vitamine.

Un altro meccanismo di influenza derivante da una sostanza chimica funziona con una sigaretta. La nicotina dà al cervello un buon segnale e noi lo associamo ad una sigaretta e proviamo una bella sensazione, anche se la sigaretta vuole ucciderci, il cervello la associa a qualcosa di buono a causa della nicotina – il corpo pensa a breve termine.

Il corpo ha un meccanismo naturale che ci fa desiderare di continuare a mangiare il cibo che abbiamo mangiato e che non ci ha ucciso. Dai al bambino abbastanza volte il piccante e inizierà ad apprezzarlo. La prova è nel gusto iniziale e lo si vede nei bambini: vogliono grasso e dolce.

L’avvelenamento da tossine vegetali può manifestarsi in diversi modi e in qualsiasi momento, il che lo rende un problema comune e preoccupante. Gli esseri umani sono esposti a un’ampia varietà di tossine provenienti dalle piante, poiché ogni pianta può contenere centinaia o addirittura migliaia di tossine diverse.

La ricerca ha dimostrato che l’esposizione ripetuta a determinati sapori può modificare le preferenze di gusto di una persona nel tempo. Uno studio pubblicato sulla rivista Appetite ha scoperto che i bambini che sono stati ripetutamente esposti a verdure che inizialmente non gli piacevano avevano maggiori probabilità di sviluppare una preferenza per quelle verdure nel tempo.

In conclusione, le tossine vegetali possono rappresentare un rischio significativo per la salute e i bambini possono mostrare una preferenza naturale per i cibi dolci e grassi. Tuttavia, l’esposizione ripetuta a determinati sapori può modificare le preferenze di gusto ed è importante essere consapevoli delle potenziali conseguenze sulla salute a lungo termine dell’esposizione prolungata a determinate sostanze.

Un segno di bellezza

Fin da piccoli sappiamo notare che la rettilineità sembra buona e la rettilineità è malata.

Nessuno ce lo ha spiegato, ma riconosciamo subito che formosa è bella e grassa non è bella. I denti bianchi sono belli mentre i denti gialli e marroni non sono belli, perché siamo nati con tali capacità?

Riceviamo un segnale sulla bellezza dal cervello perché tale bellezza mostra fertilità, che ci dà la possibilità di trasmettere i nostri geni.

Il corpo sa come segnalare una carenza di minerali e simili?

Quando gli animali avvertono una mancanza di minerali, leccano le mangiatoie minerali. Il nostro desiderio di sale è un segnale simile del corpo? Abbiamo sete di minerali come la sensazione di sete di acqua? Voglia di carne?

C’è un segnale dal corpo riguardo al cibo fresco e caldo che per noi ha un sapore migliore e, per buone ragioni, è più facile da digerire, più nutriente e con meno batteri cattivi. Secondo me, ed è un po’ un azzardo, l’organismo sa segnalare una carenza di minerali volendo mangiare principalmente carne. Personalmente a volte lo sento. Non mangio molti tipi di cibo contemporaneamente, ad esempio pane al teff marinato con pesce, manzo con midollo osseo o yogurt di capra con platani arrostiti. Credo che inondare il mondo con tanti tipi di cibo offuschi il segnale per mangiare un certo tipo di cibo che contiene minerali che ci mancano, ma come detto questa è una scommessa che faccio osservando gli animali che leccano le riserve di minerali, dal nostro amore per il sale , ed è anche logico da un punto di vista evolutivo che gli animali sentano una mancanza e vogliano mangiare cibo che contenga l’ingrediente di cui mancano.

In che modo il pane a lievitazione naturale e lo yogurt acido di capra sono ancora adatti agli esseri umani?

Buona domanda! Il pane o qualsiasi altro cereale che abbiamo fatto lievitare è adatto a noi anche se è acido e la spiegazione logica è che è nuovo nella nostra evoluzione, probabilmente è una delle eccezioni, e infatti nella pasta madre ci sono molti batteri lattobacilli che noi riconoscere come previsto come acido. Per noi vale lo stesso per lo yogurt acido, ma per noi è molto più adatto del latte, a causa dei batteri lattobacilli. Il pane lievitato ci farà bene solo dopo la cottura, mentre lo yogurt non necessita di riscaldamento. Sebbene sia la pasta madre che lo yogurt coinvolgano batteri lattici nei loro processi di fermentazione, i batteri specifici coinvolti sono solitamente diversi.

Lo yogurt viene prodotto principalmente dalla fermentazione del latte attraverso l’azione dei batteri lattici, in particolare Streptococcus thermophilus e Lactobacillus bulgaricus. Questi due tipi di batteri lavorano insieme per convertire il lattosio, lo zucchero del latte, in acido lattico, che addensa il latte e conferisce allo yogurt il sapore aspro caratteristico dello yogurt e di un prodotto con batteri, ma questa volta ci fanno bene.

Al contrario, la pasta madre si basa su una miscela di lievito naturale e batteri lattici, come quelli dei generi Lactobacillus e Leuconostoc, per fermentare l’impasto.

Sebbene possano esserci alcune sovrapposizioni tra i tipi di batteri dell’acido lattico presenti nella pasta madre e nello yogurt, le specie batteriche specifiche e i processi di fermentazione coinvolti sono solitamente diversi, risultando in sapori e consistenze diversi.

Sii dalla parte giusta della scommessa

È importante per me presentare un principio importante in base al quale agisco: “Mangia ciò che mangiavano i nostri lontani antenati”, e la logica non mostra che si sbagliassero. In realtà è essere dalla parte della scommessa giusta perché non sappiamo esattamente cosa è adatto per noi mangiare, ma quando porti un nuovo alimento che contiene una nuova sostanza e chiedi “ci cura o ci avvelena?” non c’è una probabilità da 9.999 a 10.000 che avveleni e una probabilità da 1 a 10.000 che guarisca, perché nel corpo avvengono milioni di processi chimici e la possibilità che tu abbia trovato una nuova sostanza è una possibilità minima.

Quale lato della scommessa scegli? Dai al corpo umano il merito di sapere come fare a meno degli spinaci, del cavolo riccio o dei supercibi. È esattamente così che funzionano l’evoluzione e la selezione naturale: trovando la giusta via d’uscita tra migliaia di altri modi, ma è improbabile che questo o quel supercibo migliori i milioni di processi del corpo, e non è possibile che tu sia quello che semplicemente trovato così.

La quantità giornaliera raccomandata di minerali e vitamine RDA è completamente sbagliata perché si basa sul fatto che le persone mangiano piante che contengono tossine che inibiscono l’assorbimento del ferro e di molti altri minerali importanti.

Il grande “segreto” dell’alimentazione è che alla fine godiamo ugualmente della maggior parte dei tipi di cibo, ci vogliono solo pochi giorni per abituarci alla nuova dieta. Non c’è persona che non abbia cambiato idea almeno una volta nella vita riguardo ad un determinato alimento, quindi probabilmente puoi capire cosa intendo. Gli esseri umani sono adattivi, cioè ci abituiamo a ciò che facciamo quotidianamente e di solito finiamo per apprezzarlo. Ecco perché il pensiero “non posso cambiare ciò che mangio adesso” è sbagliato. Gli esseri umani non sono adatti a mangiare la maggior parte dei tipi di cibo, anche se il cibo è naturale e gustoso. Una dieta che va bene per alcune persone influisce su tutti in modo diverso a causa dei geni e dell’ambiente di una persona, proprio come i tratti caratteriali sono influenzati dall’ambiente e dai geni.

In natura, gli esseri umani difficilmente mescolano carboidrati con proteine e grassi, questo è ciò che causa il problema del metabolismo nella società moderna. Gli umani che vivevano allo stato brado, cacciavano un elefante, lo mangiavano e dopo qualche ora, quando avevano fame, mangiavano la frutta. La miscelazione dei carboidrati con proteine e grassi provoca il problema degli zuccheri e dell’obesità (la carne impiega molto tempo per essere digerita e durante questo periodo lo zucchero è alto a causa dei carboidrati).

La maggior parte delle forme di alimentazione, come quella chetogenica, paleo, vegana, vegetariana, carnivora, mostrano un miglioramento della salute perché riducono il consumo di alimenti trasformati, ma contengono ingredienti problematici – come tossine vegetali, soprattutto nei cereali integrali, latte vaccino, e altro ancora.

Ignora i numeri: 24 grammi di proteine

Probabilmente hai letto che abbiamo bisogno di 200 grammi di proteine, 59 grammi di carboidrati, 25 grammi di grassi al giorno (o qualunque cosa strana del genere) per mantenerci in salute. Ma il corpo umano è molto più complesso di così. Sa come immagazzinare minerali e vitamine e darci la sensazione quando manca qualcosa. Quando senti dietologi o medici parlare come se il corpo umano fosse una ricetta per la torta, ignoralo.

Nei milioni di anni di evoluzione l’uomo è sopravvissuto senza contare quanta carne, frutta o pane ha mangiato. Di solito il consiglio di queste persone è l’opposto di ciò che dovresti veramente mangiare. Diranno spesso “ho bisogno di carboidrati” ad ogni pasto! Naturalmente è vero il contrario perché il corpo scompone i grassi e le proteine molto meglio quando non ci sono carboidrati nella zona. Ciò è dovuto all’acidità necessaria affinché gli enzimi funzionino in modo ottimale nello stomaco, per i carboidrati è necessaria un’acidità relativamente bassa e per la scomposizione di grassi e proteine relativamente elevata.

Il prezzo finanziario del mangiare liberamente

Una dieta gratuita non è più costosa di una dieta regolare, anzi, può essere più economica.

Un kg di teff costa circa 20 NIS. Quando lo fai tu, il pane costa come il pane del supermercato.

Si risparmia su tutte le bevande zuccherate di tutti i tipi perché si beve solo acqua.

La frutta e lo yogurt di capra costano lo stesso in una dieta normale e in una dieta libera, non è necessario acquistare biologico.

In una dieta libera bisogna mangiare molta più carne e pesce del solito e qui c’è un costo ma non significativo ed è compensato dalle altre cose che vengono tolte dalla dieta tossica.

In conclusione: una dieta gratuita può costare un po’ di più nel breve termine, ma ti farà risparmiare un sacco di soldi sulle spese sanitarie e sulla cura del tuo corpo, della tua mente e dei tuoi denti. Essere malati costa molto ed è anche spiacevole.

La prova del cibo

Possiamo mangiare il cibo senza cucinarlo, riscaldarlo o usare prodotti chimici?

Se abbiamo assaggiato e il cibo non è amaro, piccante o acido, allora va bene per noi. È meglio cuocere il cibo prima di mangiarlo, ma ciò non significa che non dobbiamo mangiare altri cibi, è solo un modo per sapere cosa ci fa bene. Ad esempio: il grano non può essere mangiato senza essere riscaldato e macinato, quindi è meno adatto. Il pesce e la carne sono commestibili così come sono e quindi adatti all’uomo.

La logica del test deriva dal fatto che l’uomo ha utilizzato estensivamente il fuoco e il riscaldamento degli alimenti solo da poche centinaia di migliaia di anni contro i pochi milioni di anni di evoluzione delle scimmie, quindi siamo abbastanza adattati a mangiare cibi crudi (cioè non riscaldato o cotto) – è necessario controllare il cibo riscaldato o cotto.

Non mangiare veleni invece della leggenda della “disintossicazione”

Il nostro corpo è dotato di meccanismi naturali di disintossicazione che funzionano efficacemente senza la necessità di laboratori speciali. L’organismo, infatti, elimina le tossine in continuazione, non solo in occasione di specifici eventi o luoghi particolari, come ad esempio i week-end a Mitzpe Ramon. È importante capire che siamo destinati a consumare cibi solidi che richiedono la masticazione. L’idea principale è non avvelenare il nostro corpo fin dall’inizio e otteniamo questo obiettivo seguendo una dieta libera.

La masticazione attiva il rilascio di vari enzimi nel nostro sistema digestivo, favorendo una digestione e un assorbimento efficienti dei nutrienti. D’altra parte, il consumo di alimenti misti o macinati può comportare un rapido assorbimento e causare un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, il che non è ideale per il nostro organismo. Di conseguenza, molti frullati nutrizionali potrebbero non essere necessari o utili per noi.

Inoltre, i nostri corpi non sono naturalmente adatti a elaborare una miscela di frutta, noci e verdura contemporaneamente. Questo modello alimentare non era comune nella storia umana, ma si è sviluppato solo negli ultimi anni. Di conseguenza, è essenziale affrontare la nostra alimentazione con la prospettiva dell’evoluzione, della scienza, della logica e, in breve, del libero pensiero.

C’è cibo adatto all’uomo e cibo che non lo è, la definizione “cibo sano” o “super cibo” non sono definizioni logiche.

Il modo in cui mangiano gli esseri umani quando c’è solo erba intorno

Questa è la magia delle capre e delle pecore, loro mangiano l’erba e poi noi possiamo mangiare i loro latticini o loro. E così nell’antichità l’uomo è sempre stato vicino alle capre e alle pecore, perché in realtà trovare l’erba è molto più difficile che trovare la frutta, e la verdura difficilmente veniva mangiata. Sì, tutti hanno torto riguardo al latte vaccino. Il consumo di latte di capra fermentato è stato fatto risalire a migliaia di anni fa. Ci sono siti archeologici che mostrano la produzione di formaggio già 9.000 anni fa. La differenza tra il latte di mucca e quello di capra in termini di capacità di digerirli sta in una proteina chiamata caseina.

Da qualche parte nella storia è stata creata una mutazione solo nelle mucche europee che le ha indotte a produrre più proteine beta caseina A2 nel latte. Secondo me questa mutazione incide anche sulla salute della carne bovina. Le proteine beta-caseina A1 e beta-caseina A2 sono sottotipi di caseina presenti nel latte di vari mammiferi, tra cui capre, pecore e mucche. La composizione e il rapporto di questi sottotipi di caseina possono variare a seconda della specie, della razza e persino dei singoli animali. La beta-caseina A1 è presente nel latte di alcune razze di mucche, come le mucche Holstein e nel latte di pecora, ma in quantità minore rispetto al latte vaccino. Una volta digerita, la beta-caseina A1 può rilasciare un peptide bioattivo chiamato beta-casomorfina-7 (BCM-7), che è stato collegato a disturbi gastrointestinali, infiammazione e rallentamento dello svuotamento gastrico. E il punto interessante: la beta-caseina A1 e A2 sono due versioni della proteina del latte beta-caseina. La mutazione genetica che ha portato alla variante A1 si è verificata circa 5.000-10.000 anni fa, la mutazione genetica che ha portato alla variante A1 della beta-caseina coinvolgeva una singola sostituzione di aminoacidi nella catena proteica. Questo cambiamento apparentemente piccolo ha cambiato il modo in cui le proteine vengono scomposte durante la digestione. Secondo me questa mutazione colpisce anche la carne bovina. E si è verificato nelle razze bovine europee, in particolare nella Bos Shur.

La proteina beta-caseina originale contenuta nella carne bovina era del tipo A2, che può ancora essere trovata in alcune razze bovine tradizionali, come i bovini africani e asiatici Bos indicus, così come in alcune razze Bos taurus come le mucche Guernsey e Jersey.

capre

Il latte di capra contiene solitamente una percentuale inferiore di beta-caseina A1 rispetto al latte di mucca e di pecora. Alcune razze di capre producono addirittura latte con poca o nessuna beta-caseina A1. Il contenuto di beta-caseina A2 nel latte di capra è solitamente superiore a quello di beta-caseina A1, che conferisce al latte di capra le sue proprietà caratteristiche e lo rende più facile da digerire per alcune persone.

pecora

Il contenuto di beta-caseina A1 nel latte di pecora è generalmente più elevato che nel latte di capra, ma varia a seconda della razza. È presente anche il contenuto di beta-caseina A2, ma il rapporto esatto tra beta-caseina A1 e beta-caseina A2 può variare a seconda della razza e del tipo di pecora.

frutta

Il latte vaccino generalmente contiene una percentuale maggiore di beta-caseina A1 rispetto al latte di capra, con un contenuto di beta-caseina A1 che varia a seconda della razza. Le mucche Holstein, ad esempio, hanno generalmente un contenuto di beta-caseina A1 più elevato rispetto alle mucche Jersey. Il contenuto di beta-caseina A2 è presente anche nel latte vaccino, ma il rapporto tra le diverse tipologie dipende dalla razza e dalla genetica della mucca.

La logica dimostra che si preferiscono le capre perché è più facile allevarle in zone montagnose e anche la storia dell’uomo è stata accompagnata dalle capre. Proverbi 27: “Vedi כל֬ב עַיִחים לֽלאחמך לֽל֣חם בֵּיִת֑ך וּדִי ׀ חל֬ב חיִ֗ים לֽלא חמקֽך׃” E quando scienza e logica concordano, allora le possibilità che le cose siano vere sono alte.

L’esperienza vale più di mille studi

Prova tu stesso tutto ciò che è scritto qui. Ad esempio, bevi due bicchieri di latte vaccino rispetto a due bicchieri di latte di capra. Se hai una certa sensibilità verso uno di essi, lo sentirai immediatamente.

Prova a mangiare liberamente e vedi se cambia in meglio, non perderai nulla di questa esperienza. A lungo termine questo è un profitto folle, esattamente ciò che il libero pensiero cerca: investimento energetico minimo e profitto enorme.

Gli esperimenti che non causano grandi danni sono eccellenti perché sono affidabili e costituiscono un’esperienza che di solito viene ricordata.

Non c’è niente come un esperimento: negli Stati Uniti ho comprato latte normale e latte di tipo A2. Mia figlia ed io abbiamo bevuto un bicchiere di latte in momenti diversi, mia moglie era arrabbiata con me per aver fatto esperimenti su nostra figlia, ma mi sono calmato “L’ha abbassata e ha detto che era per il bene dell’umanità. Dopo aver bevuto il latte normale, io e mia figlia la mia abbiamo avuto mal di pancia e anche lei ha avuto mal di testa. Dopo aver bevuto il latte A2 non abbiamo più avuto sintomi. Naturalmente lei non ha “Non so che tipo di latte stesse bevendo. Scienza, osservazione e logica si sono unite. In Israele non si può comprare solo latte di tipo A2.

Un altro esperimento che dovresti fare: mangiare un chilo di manzo e poi il giorno dopo mangiare un chilo di pesce o un chilo di agnello e vedere la differenza di sensazione.

Il ristorante di uno chef è il metodo di preparazione

Nella nutrizione ciò che conta sono gli ingredienti. Sebbene il metodo di preparazione non sia sempre significativo, alcuni processi, come l’acidificazione e la fermentazione dei cereali, sono essenziali per eliminare le tossine. È importante seguire abbinamenti alimentari della stessa famiglia, poiché la digestione può cambiare in base alla presenza di carboidrati, proteine e grassi. Ad esempio, abbinare tipi di carne o di pesce ha senso: i ristoranti gourmet spesso privilegiano il gusto senza considerare le conseguenze nutrizionali dei loro piatti, utilizzando ingredienti diversi e tecniche di preparazione che potrebbero non essere ottimali per la nostra salute. Pertanto, si raccomanda di prestare attenzione quando si mangia in questi ristoranti, dove il gusto potrebbe superare il valore nutrizionale. Ad esempio, quando si tratta di carne, la qualità e l’origine della carne (come l’agnello allevato ad erba) sono più importanti del modo in cui la materia prima viene preparata dallo chef.

Personalmente non amo molto i piatti piccoli e non identificabili, anzi, mi piacciono i piatti grandi in cui so con certezza cosa c’è dentro. C’è una sorta di ordine generale in questo.

Stai avvelenando il tuo cane

Gli animali domestici non sono mai stati esposti al mais, alla soia, al grano e all’avena finché le aziende alimentari non hanno inserito questi prodotti nel loro cibo secco.

Il consumo di cereali contenenti tossine porta ad effetti negativi sulla salute di cani e gatti per i seguenti motivi:

  • Ridotto assorbimento dei nutrienti – Gli antinutrienti come i fitati possono legarsi a minerali come calcio, ferro e zinco, riducendone la biodisponibilità e rendendo difficile per gli animali domestici l’assorbimento di questi nutrienti essenziali. Nel tempo, questo può portare a carenze nutrizionali.
  • Disturbi gastrointestinali – Alcune sostanze antinutrizionali, come le lectine, possono irritare il rivestimento del tratto digestivo e causare sintomi come vomito, diarrea o dolore addominale. Ciò è particolarmente vero se i cereali vengono consumati crudi o cotti in modo improprio.
  • Allergie e sensibilità: alcuni animali domestici possono soffrire di allergie o sensibilità a cereali specifici, che possono causare infiammazioni e problemi digestivi. Cereali come grano e mais sono allergeni comuni per cani e gatti.
  • Risposta infiammatoria: alcuni antinutrienti possono contribuire all’infiammazione nel corpo che può peggiorare i problemi di salute esistenti o portare allo sviluppo di nuovi.

I produttori di alimenti per animali domestici sono consapevoli dei potenziali rischi associati alle tossine (antinutrienti), ma sono molto più economici del salmone o del pollo.

E sì, i veterinari hanno torto.

cereali

I seguenti cereali sono commestibili solo dopo ammollo per 48 ore, ammollo per 48 ore e poi cottura:

  • Miglio (MIGLIO);
  • sorgo ;
  • AMARANTO;
  • FONIO;
  • Riso selvatico e un po’ di riso bianco, soprattutto per gli asiatici. Non posso credere che ci siamo evoluti abbastanza da abituarci a mangiarli.

Tutti gli altri cereali dovrebbero essere evitati completamente!

Come cantavano e mancavano gli antichi , è necessario rimuovere le tossine problematiche dai cereali. I cereali sono come i semi e “non vogliono” essere mangiati, quindi devi compiere un’azione per la quale non sono “pronti” in natura. Gli animali non sanno come immergere, marinare e riscaldare. Immergendo i semi, i semi pensano di germogliare e quindi si attiva un meccanismo di disintossicazione. Nell’acidificazione, i batteri come i lattobacilli scompongono le tossine e la cottura distrugge alcune delle tossine.

Il libero pensiero ci aiuta a capire che i nostri antenati sentivano la mancanza del pane non per il gusto, ma con l’obiettivo di evitare problemi di salute e affinché il pane si conservasse più a lungo. Oggi, nella maggior parte dei luoghi dove c’è il grano, è geneticamente diverso e non lievita, da qui i problemi!

Grasso animale – sì

X burro di manzo – forse problematico a causa di neu5gc .

Burro di capra VX – forse problematico a causa del neu5gc e anche perché in realtà è un concentrato del latte.

Olio di pesce VVV: aiuta l’esposizione al sole grazie agli omega 3.

Olio d’oca e d’anatra V: non hanno quasi neu5gc e sono quindi sicuri.

Grasso di mucca VX: potrebbe essere problematico a causa di neu5gc.

Non è solo che agli esseri umani piace il sapore del grasso. Non aumenta la glicemia ed è il più efficiente dal punto di vista energetico. Le tribù polacche che vivono solo di pesce e animali non soffrono di pressione alta né di problemi cardiaci: questa è la prova definitiva che il grasso animale non è un problema nella società occidentale. Potrebbe essere problematico in alcuni animali.

Olio e grasso vegetale – no

Olio proveniente da una pianta XXX

X olio d’oliva

L’olio di canola e altri grassi vegetali sono in realtà forme concentrate di tossine presenti nelle piante. Questi oli sono stati introdotti nella nostra dieta solo negli ultimi decenni, storicamente l’uomo non consumava queste sostanze in grandi quantità. Gli studi dimostrano che queste tossine possono danneggiare la salute umana. Inoltre, il riscaldamento dell’olio vegetale può aumentarne ulteriormente la tossicità.

È quindi sorprendente che molte persone considerino l’olio d’oliva un alimento sano. In realtà non esiste un alimento sano o un “superfood”. Piuttosto, alcuni alimenti potrebbero essere più adatti ad alcune persone o circostanze rispetto ad altri. Per quanto riguarda l’olio d’oliva, è importante notare che è ottenuto da olive acerbe e amare che possono contenere una quantità significativa di tossine. Pertanto è consigliabile utilizzare il più possibile l’olio d’oliva e in ogni caso è meglio scegliere oli animali, adatti anche all’uomo. Le malattie vascolari, comprese le malattie cardiache, vengono accelerate dallo zucchero e dagli oli vegetali e non dai grassi e dagli oli animali. Una delle cause sono le lectine, proteine presenti soprattutto nelle piante e nei cereali che dovrebbero impedire agli animali di mangiarle. Un articolo sulle lectine e i danni ai vasi sanguigni.

Wesson, Paolo. “L’olio d’oliva: storia, produzione e caratteristiche degli oli classici nel mondo. ” Ricerche sull’uso degli oli .

Nel corso della storia, l’olio d’oliva ha avuto molti usi documentati. Tutte le culture utilizzavano l’olio d’oliva principalmente come combustibile per le lampade, che costituiva il suo più grande pregio. Molte cerimonie prevedevano l’uso dell’olio d’oliva, inclusa l’unzione dei reali, dei guerrieri e del pubblico in generale ai religiosi. Il termine Messia significa “l’unto”. Gli oli d’oliva profumati venivano usati per offrire offerte agli dei, come unguenti per curare le malattie e per rendere la pelle e i capelli più sani. I Greci versavano ritualisticamente l’olio d’oliva sulla pelle dell’atleta e poi lo raschiavano via con il sudore e la polvere dopo la competizione. Veniva usato anche per fare il sapone e santificare i morti. Esiste pochissima documentazione sull’uso dell’olio d’oliva per il consumo umano.

Pesce: sì o no?

Pesce di mare V

Sardine in acqua senza conservanti V

Tonno in acqua senza conservanti V

Frutti di mare V

X pesci da laghetto

I pesci che esistono oggi sono più vicini ai tipi di pesce che si mangiavano in passato, più che ai tipi di carne che esistono oggi a nostra disposizione, quindi il pesce di mare o quello pescato in natura e non negli stagni, sono i più consigliati .

Si consiglia di consumare pesce di mare, preferibilmente quello ad alta percentuale di grassi, ed evitare il pesce di stagno. I pesci di laghetto vengono solitamente nutriti con cereali, soia e altre sostanze che non sono naturali per i pesci, il che li rende meno nutrienti. Gli studi hanno dimostrato che il pesce pescato in natura è la scelta migliore, poiché contiene molte sostanze benefiche, tra cui alti livelli di acidi grassi omega-3 e iodio.

Gli esseri umani sono ben adattati al consumo di pesce e possono anche essere consumati crudi senza effetti collaterali, il che indica che sono adatti al consumo umano. Inoltre, le allergie al pesce sono relativamente rare e l’allergia a un determinato alimento spesso ne indica la tossicità.

Inoltre, si consiglia di mangiare cereali e pesce separatamente e di non combinarli nello stesso pasto. Questo perché hanno esigenze digestive diverse e potrebbero non essere assorbiti in modo ottimale se mangiati insieme.

Insomma:

Il consumo di pesce di mare è consigliato per il suo alto contenuto nutrizionale e i pesci catturati in natura sono migliori di quelli allevati in uno stagno. Le allergie al pesce sono rare e il pesce può essere consumato crudo o cotto. Si consiglia inoltre di mangiare cereali e pesce separatamente per una digestione e un assorbimento ottimali dei nutrienti.

Carne – sì

È bene per noi mangiare erbivori e non mangiatori misti cresciuti al pascolo: pollo, anatra, oca, capra, bufalo, cervo e alce.

Il corpo umano è costruito per una dieta a base di carne per scomporre il grasso, lo si può vedere nei cinque diversi organi che devono lavorare insieme per scomporre il grasso. Anche per le mucche che mangiano erba, il prodotto finale assorbito nel sangue sono gli acidi grassi formati dalle fibre dai batteri presenti nel loro intestino. Masticano l’erba e aggiungono saliva per ottenere una nuova superficie per i batteri intestinali e scomporre la fibra in acidi grassi. Quindi non sorprende che mangiare grassi faciliti la digestione.

Dovresti ridurre al minimo il consumo di pollame o animali che mangiano cereali, come soia, orzo e mais. La regola di base è che se sulla confezione non è scritto che hanno mangiato solo erba, significa che la mucca o il pollo hanno ricevuto cibo non adatto a loro. In Israele le informazioni non vengono pubblicate, ma negli Stati Uniti è molto comune affermarlo. Gli organi interni e il grasso degli animali sono le parti più nutrienti.

È importante non mescolare cereali e carboidrati con la carne e dovresti mangiarli separatamente gli uni dagli altri, a diverse ore di distanza l’uno dall’altro.

Una descrizione delle società umane che mangiavano principalmente carne.

A differenza del pesce di mare, c’è una differenza tra la carne che mangiavano una volta e quella degli animali domestici addomesticati, ma nonostante le differenze è ancora abbastanza vicina per noi.

Le popolazioni paleolitiche consumavano principalmente proteine animali: carne di selvaggina, solitamente proveniente da animali vegetariani come bovini che vivevano in branchi, tra cui cervi, bisonti, cavalli e mammut. Il profilo nutrizionale di questa carne è significativamente diverso dalla carne disponibile nei moderni supermercati. La carne contemporanea contiene molto più grasso sotto forma di tessuto adiposo sottocutaneo, superfici del tessuto connettivo e fibre all’interno del muscolo stesso.

Gli animali domestici sono sempre stati più grassi dei loro omologhi selvatici a causa di un approvvigionamento alimentare costante e di un esercizio fisico ridotto. I recenti metodi di alimentazione e forme di allevamento hanno ulteriormente aumentato il contenuto di grassi per soddisfare le preferenze dei consumatori: morbidi e succosi. Di conseguenza, la percentuale di grasso negli animali macellati oggi può raggiungere circa il 25% o più. Al contrario, uno studio su 15 specie animali africane vegetariane ha rilevato che la loro percentuale media di grasso era del 4%.

Non solo il grasso negli animali domestici è maggiore, ma anche la sua composizione è piuttosto distinta. La ragione principale della differenza è la miscela di cibo somministrata agli animali domestici, ma negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati è possibile ottenere carne da animali che mangiavano solo erba e non una miscela. Il grasso degli animali selvatici contiene cinque volte più acidi grassi polinsaturi rispetto ai grassi degli animali domestici. Inoltre, il grasso animale comprende una quantità significativa (circa il 4%) di acido eicosapentaenoico (EPA), un acido grasso polinsaturo omega-3 a catena lunga noto per i suoi effetti protettivi contro l’aterosclerosi e le malattie maligne. La carne bovina domestica contiene solo tracce di EPA.

La carne di animali selvatici ha meno calorie e più proteine per unità di peso rispetto alla carne di animali domestici, sebbene la composizione aminoacidica del tessuto muscolare sia simile. Poiché il contenuto di colesterolo dei grassi è simile a quello del tessuto muscolare, non si prevede che il contenuto di colesterolo della carne di animali selvatici sia significativamente diverso da quello della carne del supermercato.

Macellare una mucca sacra?

La carne di mucca è problematica perché neugc5 è più abbondante nella carne bovina, quindi non è adatta all’uomo. L’uomo è stato esposto alla carne bovina industriale di oggi relativamente di recente, rispetto alle capre addomesticate diecimila anni fa. Le mucche sono state migliorate e costituiscono un’intera industria rispetto all’industria delle capre. Sembra quindi che sia meglio scommettere sulle capre e non sulle mucche. Tutto il cibo delle grandi industrie, pollo, uova, soia, grano, riso e latte non ci fanno bene, quindi probabilmente anche il manzo. Gli indiani hanno ragione nel considerare le mucche come sacre.L’acido N-glicolilneuraminico Neu5Gc – è un tipo di acido sialico, una molecola di zucchero che si trova sulla superficie delle cellule di molti mammiferi, comprese mucche, pecore e capre. Tuttavia, gli esseri umani non sintetizzano naturalmente Neu5Gc a causa di una mutazione genetica nel gene CMAH avvenuta durante l’evoluzione. Invece, gli esseri umani producono un acido sialico simile chiamato acido N-acetilneuraminico Neu5Ac.

Neu5GC – è presente nella maggior parte dei tipi di carne, soprattutto nel grasso e negli organi interni della carne bovina. È una sostanza problematica quando il nostro intestino è lesionato (in gran parte della popolazione) e possibilmente anche quando non lo è. Nella carne bovina è presente in elevata concentrazione, nelle pecore e capre è presente anche se in quantità minori. Sebbene la scienza non sia conclusiva al riguardo, sono dell’opinione che sia meglio evitare, se possibile, la carne rossa (manzo).

Uno studio che ha testato l’effetto di Neu5GC negli animali. Gli esseri umani sono stati esposti al Neu5gc per centinaia di migliaia di anni. Uno studio sulla tribù Masai, ad esempio, che vive di carne, latte e sangue di bovini e caprini, e in essa non è stato riscontrato alcun cancro. Tra le due tribù Masai è stato riscontrato che c’erano più problemi di erosione della cartilagine rispetto alla corrispondente tribù che non mangiava carne. Questo potrebbe essere un indizio che la carne rossa può causare problemi alle articolazioni.

Nei mammiferi che producono Neu5Gc, svolge un ruolo in vari processi cellulari, tra cui segnalazione, adesione e riconoscimento cellulare. Gli acidi sialici, come Neu5Gc, sono spesso coinvolti nelle interazioni tra le cellule e il loro ambiente e contribuiscono alle funzioni biologiche essenziali.

Negli esseri umani, Neu5Gc viene consumato principalmente attraverso il consumo di carne rossa e prodotti a base di latte vaccino. Dopo l’ingestione, Neu5Gc viene assorbito nei tessuti, nonostante l’incapacità dell’organismo di sintetizzarlo. Il sistema immunitario riconosce Neu5Gc come una sostanza estranea e può innescare una risposta immunitaria e produrre anticorpi contro Neu5Gc. Questa risposta immunitaria può portare all’infiammazione, che si ipotizza abbia un ruolo in vari problemi di salute, come il cancro, le malattie cardiache e altre condizioni croniche.

Esistono prove che suggeriscono che Neu5Gc possa avere un effetto sulle articolazioni, contribuendo potenzialmente all’infiammazione e alle condizioni correlate alle articolazioni. La mia scommessa è che si tratta di una sostanza un po’ problematica per gli esseri umani (porta a tossine negli esseri umani), quando il nostro intestino è ferito, ce n’è molta che entra nel flusso sanguigno e nelle persone che sanno meno come affrontarla, ad esempio Gli asiatici che non erano esposti alle mucche come i bianchi non erano esposti al riso. Pertanto, consiglierei di ridurre tutto ciò che riguarda i prodotti che provengono da una mucca.

Chi ha bisogno di minerali e vitamine quando ci sono gli integratori alimentari?

È importante capire che la carenza di minerali e vitamine è un sintomo e non un problema. Il problema non può essere risolto con gli integratori alimentari perché contraddice la legge centrale “è impossibile combattere la natura ed è molto pericoloso essere astuti con essa”. Puoi correggere il problema solo mangiando liberamente: cereali fermentati, carne, pesce, latticini di capra e frutta matura. Gli integratori alimentari non vengono assorbiti nello stesso modo in cui vengono assorbiti dal cibo che consumiamo e esistono centinaia di sottotipi e forme di minerali. Ad esempio, il ferro delle piante viene assorbito in modo molto parziale rispetto al ferro degli animali. Gli animali che mangiavano erba hanno molti più minerali e vitamine degli animali che mangiavano cereali e una miscela per ingrassare, questi sono tutti gli animali commercializzati nei supermercati.

Se si mangia cibo adatto all’uomo (principalmente a base di cibo animale e frutta) non sono necessari integratori alimentari. La maggior parte dei problemi di carenza di vitamine e minerali sono causati da inibitori dell’assorbimento dei minerali (tossine) presenti in verdure, foglie, noci, radici, frutti acerbi, funghi e foglie. Questi repellenti sono progettati per impedire agli animali di mangiare queste piante. La maggior parte delle vitamine e dei minerali di cui abbiamo bisogno si trovano nella carne degli animali che mangiavano erba e nei pesci selvatici. I minerali che solitamente mancano: iodio, ferro, B12, zinco, omega 3, Q10 sono dovuti soprattutto ad una dieta a base vegetale (semi, cereali, verdure, foglie, noci e funghi).

Secondo me gli integratori alimentari di vitamina D non sono necessari perché la vitamina D è presente nei grassi animali e da lì dovresti ricavarne la poca che ti serve. È vero che il corpo produce vitamina D quando si espone al sole, ma la maggior parte di essa serve a proteggersi dal sole e non a integrare una carenza di vitamina D.

I probiotici probabilmente sono del tutto inutili perché senza il cibo giusto i batteri intestinali morirebbero e gli studi hanno dimostrato che la cosa più importante è ciò che mangi che influenzerà i batteri intestinali.

La maggior parte delle persone nel mondo moderno mancano di iodio a causa del consumo di piccoli pesci catturati in natura (i pesci di stagno contengono pochi omega-3 perché non ci sono quasi alghe negli stagni e i pesci ottengono i loro omega-3 mangiando le alghe). In Israele non esiste un buon test per la carenza di iodio, né esistono integratori di iodio adatti.

A causa della ripetuta coltivazione dei terreni e dell’uso di sostanze chimiche e colture identiche, la qualità del suolo si sta deteriorando e danneggia la qualità della frutta e della verdura che consumi, io non mangio affatto la verdura. Il deterioramento del suolo provoca una carenza di magnesio, zinco, iodio e altro ancora.

L’acqua del rubinetto solitamente è priva di minerali essenziali, quindi è meglio bere acqua minerale.

Se avete paura che ci siano formiche, insetti, polvere, terra e cose naturali nel cibo che mangiate o dove vivete, state tranquilli, non ci fanno male, anzi, ci rafforzano, evitarli provoca allergie di tutti i tipi e non le malattie come temi.

La maggior parte delle persone manca di iodio nel corpo e questa mancanza causa problemi tra cui: affaticamento, stitichezza e depressione. Correggere la carenza è uno dei modi più semplici per trattare lo squilibrio della tiroide. La carenza di iodio deriva dall’uso ripetuto di terreni agricoli coltivati e irrorati e dalla mancanza di consumo di alghe e pesci di mare.

Le raccomandazioni per una certa quantità giornaliera di vitamine e minerali (RDA) presuppongono che le persone che seguono una dieta occidentale, in cui i carboidrati costituiscano la maggior parte della loro dieta. Non sono corretti per chi mangia cibo adatto all’uomo. Negli alimenti per animali e nella frutta, l’assorbimento di minerali e vitamine è molto maggiore che nelle piante e gli organi interni di carne e pesce contengono le vitamine e i minerali più necessari che sono difficili da ottenere da altre fonti (fegato, cervello, cuore, ecc.). ).

È meglio mescolare il meno possibile

Separare il cibo animale da quello vegetale (separare grassi e proteine dai carboidrati). Così mangiavano gli antichi.

Il cibo che sembra naturale è uno dei più pericolosi perché ingannevole. Ad esempio patate, riso, fagioli, anguria, che sono sconsigliati perché ricchi di lectine. Il cibo naturale non è sufficiente, perché bisogna mangiare, ad esempio, la frutta quando è matura, così come alcune verdure, ma a causa dell’allungamento della loro durata di conservazione, vengono raccolte acerbe e cotte in modi innaturali in modo che la loro sostanza naturale (lectine) che li protegge dall’essere mangiati prematuramente dai parassiti rimane in grandi quantità.La cottura, il riscaldamento e la fermentazione di solito riducono la quantità di lectine, ma non abbastanza. Il punto critico qui è che i minori non fanno bene a nessuno, ma colpiscono alcuni di noi in modo più grave e con sintomi diversi.

Cerca di non mescolare carboidrati, proteine e grassi e di non mischiare nessun tipo di cibo (in natura non compaiono insieme, solo nel KFC) – la miscelazione provoca bruciore di stomaco in molte persone, soprattutto se il grasso è vegetale o le tossine della pianta causare bruciore di stomaco. Tieni presente che non c’è bruciore di stomaco quando mangi solo carne, non importa quanto grasso contenga.

Si consiglia di consumare ogni giorno almeno un pasto senza carboidrati (frutta, pane, cereali, ecc.) per regolare il meccanismo di controllo degli zuccheri e dei chetoni nell’organismo.

I chetoni, o corpi chetonici, sono un tipo di composto organico che il corpo produce quando scompone il grasso per produrre energia. Ciò di solito si verifica quando c’è carenza di glucosio (la principale fonte di energia per le cellule), come durante il digiuno, un basso apporto di carboidrati o un esercizio prolungato. Quando i livelli di glucosio sono bassi, il fegato scompone gli acidi grassi in chetoni come fonte alternativa di energia per il corpo e il cervello. Esistono tre tipi principali di corpi chetonici: acetoacetato, beta-idrossibutirrato (BHB) e acetone.

La chetogenesi, il processo di produzione di chetoni, è una normale risposta metabolica alla scarsa disponibilità di glucosio. Tuttavia, livelli elevati di chetoni possono essere pericolosi in determinate condizioni, come il diabete non trattato. In questo caso, può verificarsi una condizione pericolosa per la vita chiamata chetoacidosi diabetica (DKA), che richiede cure mediche immediate.

Lo stato di chetosi, in cui i chetoni vengono utilizzati come principale fonte di energia, è la base di una dieta chetogenica. Queste diete sono ricche di grassi e povere di carboidrati e mirano a indurre e mantenere la chetosi per la perdita di peso, una migliore concentrazione mentale e altri potenziali benefici per la salute.

In passato, la maggior parte dei pasti erano privi di carboidrati, mentre oggi tutti i pasti contengono sempre carboidrati. È solo questione di abitudine.

Nella dieta moderna, il consumo di grassi e proteine con carboidrati confonde i nostri sistemi corporei e invia segnali forti al cervello. Non esiste una combinazione in natura e non è mai esistita, e quindi il nostro cervello reagisce in modo estremo. In migliaia di anni di evoluzione hanno mangiato il pesce e poi dopo poche ore la frutta. Non c’erano pesce con riso e olio d’oliva con pane nello stesso pasto. Il motivo sta nel fatto che in questa miscelazione aumenta sia la quantità di grassi che lo zucchero nel sangue – un fenomeno raro che il corpo non affronta bene e un fenomeno che non è accettato nella raccolta del cibo e nella caccia! Controllati con un test della glicemia. Quando i carboidrati vengono elaborati e il grasso viene elaborato e innaturale, il grasso e lo zucchero nel sangue aumentano maggiormente. Lo possiamo confermare vedendo che i diabetici hanno percentuali molto elevate di arteriosclerosi, cioè persone con la glicemia alta per la maggior parte del tempo. In questo studio potrete leggere di persone che vivono come prima e che in età avanzata non soffrono quasi più di problemi cardiaci. Le aziende alimentari industriali stanno prendendo di mira questo “bug” (patatine, pasticcini, cioccolato e aggiunta di olio a quasi tutto). Frullati e succhi non ci fanno bene. I frullati sono un distillato di tutto lo zucchero della frutta. Dovremmo masticare e non siamo fatti per queste quantità di fruttosio quando il frutto è liquido. Un’altra cosa che supporta il fatto che il nostro corpo non è costruito per i carboidrati insieme a proteine e grassi è: un diverso ambiente di ph necessario affinché i vari enzimi possano scomporre i carboidrati rispetto a grassi e proteine. La scomposizione dei grassi e delle proteine richiede un’acidità maggiore rispetto alla scomposizione dei carboidrati – e ovviamente non è possibile raggiungere questi due valori contemporaneamente – leggi qui di quale acidità ha bisogno ciascun tipo di enzima .

La miscelazione degli alimenti comprende anche il consumo di acqua vicino al cibo. È meglio bere un’ora dopo aver mangiato o un’ora prima. Non esistono studi o scienze a riguardo, quindi esercito il libero pensiero e presumo che gli antichi non avevano acqua sempre a disposizione e quindi ci siamo evoluti per non bere mentre mangiavamo. C’è una logica nel ridurre l’acidità diluendo i succhi gastrici.

Perché oggi non esiste un’alternativa naturale al cibo “in scatola”?

Nell’esempio degli ultimi 10.000 anni dalla rivoluzione agricola, c’è stata una scelta naturale di affrontare la nuova dieta a base di grano, latte, radici, ecc., ma ci sono anche dei problemi. In quegli anni non tutti erano esposti allo stesso cibo e solo negli ultimi anni tutti gli esseri umani sono stati esposti a tutti gli alimenti. L’uomo bianco non era esposto al riso e gli asiatici non erano esposti al grano. I neri non sono stati esposti al grano e al latte ed anzi si è visto che sono molto più sensibili al latte e all’ingrasso rispetto al grano.

Una dieta che di solito uccide solo dopo l’età fertile (come grano, legumi, patate, fumo, ecc.), ma provoca sofferenza prima, non incide sull’evoluzione, e quindi è anche difficile capire che non sia adatta a umani. Negli anni passati l’età media dei cacciatori e raccoglitori era di 40 anni e quella degli abitanti delle città 50, quindi le malattie di oggi (che sono in realtà una forma di avvelenamento) sembrano estranee alla suddetta dieta. Queste popolazioni spesso morivano a causa di infezioni e violenze piuttosto che per le malattie di oggi.

Digiuna solo a Yom Kippur

L’evoluzione umana è stata caratterizzata da molti casi di scarsità di cibo. Gli studi indicano che la restrizione calorica e il digiuno possono portare ad una maggiore longevità negli animali (Mattson et al., 2017; Mitchell et al., 2016). Gli esseri umani sono in grado di sopravvivere anche senza cibo per diverse settimane, grazie ai nostri processi metabolici adattativi. In alcuni casi, è stato dimostrato che il digiuno aiuta a trattare determinate condizioni mediche (de Cabo & Mattson, 2019).

Tuttavia, il nostro corpo è addestrato a segnalare quando ha bisogno di nutrimento e quando non vuole mangiare, quindi è importante prestare attenzione a questi segnali. Sebbene il digiuno abbia diversi vantaggi, può anche portare a un inutile disagio mentale. Ad esempio, digiunare per tre giorni per prolungare la vita di tre giorni non è un compromesso utile, poiché si traduce in tre giorni di fame.

Un approccio più pratico per ottimizzare la nutrizione e la salute potrebbe includere l’implementazione di una finestra alimentare o del digiuno intermittente (Gabel et al., 2018). Questo metodo consente al corpo di sperimentare brevi periodi di digiuno fornendo i nutrienti necessari ed evitando un eccessivo stress mentale.

Due pasti al giorno con una finestra temporale massima di dieci ore

Quanti pasti vengono consumati nelle tribù

Partiamo dal nostro passato, anche se è difficile sapere esattamente come mangiavano, ci sono fonti di tribù viventi ed è anche possibile usare la logica e inoltre verificare su noi stessi cosa ci sembra più comodo.

Presso alcune tribù indiane della regione delle pianure, era consuetudine consumare due pasti abbondanti al giorno, uno al mattino e uno alla sera. Questo di solito veniva integrato da piccoli spuntini durante il giorno. Questa pratica era parzialmente influenzata dal loro stile di vita nomade basato sulla caccia e richiedeva loro mobilità e flessibilità nell’assunzione di cibo.

Allo stesso modo, alcune comunità indigene africane, come i Masai, hanno l’abitudine di consumare due pasti abbondanti al giorno, uno al mattino e uno alla sera. La dieta Masai tradizionalmente consisteva principalmente di latte, carne e sangue bovino.

La legge del falco: controllare me stesso

Nelle regole del profitto c’è la “legge del falco” , quando mi guardo, la cosa più comoda e naturale per me sono due pasti abbondanti al giorno.

Generalmente mangio due pasti al giorno, uno alle 6 del mattino e un altro alle 14, non è esatto ma di solito. Pasti abbondanti, non piccoli, che di solito includono pane al teff in salamoia appena sfornato.

Ho notato che quando mangio molti piccoli pasti, non mi sento vigile ed energico, non posso ignorarlo.

la scienza

Gli studi dimostrano che è vantaggioso mangiare fino a 10 ore al giorno, diciamo dalle 10:00 alle 18:00. Consumare 2-3 pasti concentrati al giorno e attendere 5-6 ore tra un pasto e l’altro, ovviamente in pasti concentrati. L’attesa tra i pasti è il momento in cui lo stomaco si svuota. Inoltre, la scienza dimostra che non dovresti mangiare almeno due ore prima di andare a dormire.

la logica

Pensa a come mangiavano, pensi che mangiassero tutto il giorno?

È importante non mangiare almeno quattro ore prima di andare a dormire, così il sonno e la digestione saranno molto migliori, così facevano anche gli antichi.Testimonianza di una persona che visse con gli indiani in America è noto che mangiavano 2 pasti al giorno. (La mia vita tra gli indiani – George Catlin). Secondo la sua testimonianza erano magnificamente costruiti, eretti e felici compresi i denti bianchi e dritti (senza dentifricio) vivevano di carne di bufalo, mais e frutta. Questi sono ovviamente gli indiani che non sono entrati in contatto con la modernizzazione. C’è anche una ragione logica, nel libero pensiero cerchiamo i fatti con la logica, e non pensiamo solo “Oh, così mangiavano gli indiani” – la logica è che quando mangiamo “feriamo” l’intestino, proprio come quando corriamo quando “ferisci” muscoli e articolazioni e devi dare loro il tempo di guarire. Più il cibo è elaborato e innaturale, più sono “danneggiati”.

Mangiare alla finestra simula il mangiare del passato, quando erano occupati a procurarsi il cibo e a prendersi cura del ricovero per i bambini. Da un punto di vista evolutivo, i nostri corpi non sono costruiti per mangiare tutto il giorno, e lo vediamo quando alti livelli di zucchero danneggiano tutti i sistemi del corpo. Mangiare durante il giorno significa inevitabilmente che il nostro zucchero sarà alto per tutto il giorno, soprattutto se mescoliamo carboidrati, proteine e grassi. Qui vedete ancora una volta che la scienza si connette con la logica e le osservazioni e poi c’è un bellissimo pensiero libero.

La colpa è sempre dei genitori?

È chiaro il motivo per cui piace una dieta conveniente per i genitori come i “cornflakes con latte”: si può preparare in qualsiasi momento, gli ingredienti si conservano in frigorifero ed è anche facile pulire le stoviglie. Naturalmente, questo non è adatto ai bambini e nuoce alla loro salute (i cereali non fermentati e il latte vaccino non sono adatti all’uomo).

Ciò che è dimostrato è che ogni persona ha una capacità finita di dire di no, pertanto l’unico modo per far mangiare ai bambini cibo adatto è portare a casa solo cibo adatto all’uomo.

Il corpo vuole sopravvivere oggi, il domani è meno interessante

Dal punto di vista evolutivo, il nostro corpo vuole sopravvivere a breve termine e a lungo termine, quindi mobilita minerali e vitamine per supportare i sistemi che contribuiscono alla sopravvivenza a breve termine. Ciò significa che i sistemi a lungo raggio vengono colpiti per primi quando c’è una carenza di un particolare minerale. Ad esempio, la vitamina K viene utilizzata per la coagulazione del sangue e non per prevenire la calcificazione arteriosa quando questa è carente. Ricerca e intervista sul tema Bruce Ames. Questo spiega bene perché le malattie iniziano dopo anni di carenze vitaminiche e minerali, molte delle quali sono causate da tossine anti-assorbimento nelle piante.

Nome in codice “Fibra alimentare”

Puoi farcela benissimo senza fibre alimentari ed è meglio senza. Non vengono digeriti e spesso impediscono l’assorbimento dei minerali. Una dieta Inuit priva di fibre difficilmente li influenza negativamente. Le fibre possono aiutare coloro la cui dieta è povera di tossine provenienti da piante e alimenti trasformati. Non ci sono studi che dimostrino che la fibra ci aiuti in qualcosa. Questa è una leggenda popolare senza base logica e scientifica. Gli alimenti ricchi di fibre solitamente contengono molte tossine antinutrizionali: fagioli, noci, cereali e altro ancora. La fibra alimentare contenuta nella frutta aiuta a moderare l’assorbimento dello zucchero nel sangue e, in effetti, i frutti maturi sono adatti all’uomo.

Nuovi materiali per un nuovo corpo?

Da un punto di vista evolutivo, è logico che alcune sostanze o alimenti a cui gli esseri umani non sono stati esposti storicamente possano essere dannosi per la nostra salute. I nostri corpi si sono evoluti nel corso di migliaia di anni per adattarsi agli alimenti che sono stati disponibili durante gran parte della nostra storia evolutiva. I cambiamenti improvvisi nella dieta causati dall’agricoltura, dalla trasformazione alimentare e dall’industrializzazione possono mettere a dura prova la capacità del nostro corpo di elaborare e metabolizzare in modo efficiente queste nuove sostanze. Consideriamo come esempi il fruttosio, i cereali e gli oli raffinati:

  • Fruttosio: sebbene il fruttosio sia uno zucchero naturale presente nella frutta, la quantità e la forma del fruttosio nella dieta moderna sono significativamente diverse da quelle consumate dai nostri antenati. Lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS), una forma altamente concentrata di fruttosio, è diventato un dolcificante comune negli alimenti e nelle bevande trasformati. La ricerca ha collegato il consumo eccessivo di fruttosio a problemi metabolici, come la resistenza all’insulina, l’obesità e la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) (Cohen, L., & Moran, Y., 2017; Softic, S., Cohen, DE, & Kahn, CR, 2016). Questi problemi di salute possono essere attribuiti al fatto che il fruttosio viene metabolizzato principalmente nel fegato e un eccesso di fruttosio può sovraccaricare questo organo, portando a sottoprodotti metabolici dannosi e all’accumulo di grasso.
  • Cereali: la rivoluzione agricola avvenuta circa 10.000 anni fa portò alla diffusione della coltivazione dei cereali, che oggi costituiscono una parte importante di molte diete moderne. Tuttavia, questo periodo relativamente breve in termini evolutivi potrebbe non aver fornito abbastanza tempo al nostro sistema digestivo per adattarsi completamente al consumo di cereali. Ad esempio, il glutine, una proteina presente nel grano e in altri cereali, può innescare reazioni autoimmuni in soggetti predisposti, portando alla celiachia (Lammers, KM, Lu, R., Brownley, J., Lu, B., Gerard, C. , Thomas, K., & Fasano, A., 2008). Inoltre, alcuni ricercatori sostengono che l’alto contenuto di carboidrati dei cereali può contribuire allo sviluppo dell’obesità e del diabete di tipo 2 (Cordain, L., Eaton, SB, Sebastian, A., Mann, N., Lindeberg, S., Watkins , BA e Brand-Miller, J., 2005).
  • Oli raffinati: la produzione industriale di oli vegetali raffinati ha introdotto un cambiamento significativo nei tipi e nei rapporti degli acidi grassi nella dieta moderna. Questi oli, come quello di soia, mais e girasole, sono ricchi di acidi grassi polinsaturi omega 6. Un elevato rapporto tra acidi grassi omega 6 e omega 3 è stato associato ad un aumento dell’infiammazione e ad un rischio più elevato di malattie croniche. come le malattie cardiovascolari e il cancro (Simopoulos, AP, 2002). I nostri antenati probabilmente consumavano un rapporto più equilibrato di questi acidi grassi, che avrebbe favorito la salute generale e ridotto l’infiammazione.

Da una prospettiva evolutiva, la rapida introduzione di sostanze nuove o modificate come fruttosio, cereali e oli raffinati nella dieta umana ha conseguenze negative sulla salute. Il nostro corpo non ha avuto abbastanza tempo per adattarsi a questi cambiamenti e, di conseguenza, il consumo di queste sostanze provoca vari problemi di salute.

Questo è quello che mangio

Pane antico consigliato che mangio tutti i giorni: solo farina 00 e acqua. Cuocere a fuoco lento in una ciotola per due o tre giorni. Mettete in forno (Ninja 175 gradi è meglio) per 30 minuti e il pane sarà sottile. Dopo che c’è la pasta madre, non devi aspettare 3 giorni per mescolare la nuova farina perché il lievito naturale è già nella pasta madre e fa il lavoro in poche ore. Dopo una giornata trascorsa all’aperto aggiungendo nuova farina, è opportuno riporre la ciotola in frigorifero in modo che non si formi la muffa. In lavatrice c’è una grande ciotola di pasta lievitata da cui prendi l’impasto quando vuoi e fai il pane fresco in 25 minuti.

Colazioni che mi piacciono molto: 2-3 banane di platano al forno (meglio in Ninja 25 minuti a 175 gradi), fichi e mirtilli, yogurt di capra con mirtilli, mandarini e arance.

Il cibo non è lì e aspetta solo che tu lo raccolga

A causa della competizione per il cibo in natura e del desiderio delle piante di sopravvivere non esistono situazioni di cibo senza sforzo. Se non c’è sforzo, ci si dovrebbe chiedere: perché? È tossico?

Ci sono prove dalla documentazione archeologica che il primo Homo sapiens e i suoi antenati consumassero il midollo osseo esaminando i segni lasciati sulle ossa trovate in vari siti preistorici. I segni sulle ossa, come segni di tagli, segni di percussioni e modelli di frattura, possono fornire informazioni sui comportamenti dei primi ominidi, comprese le loro abitudini alimentari.

I segni di taglio sulle ossa indicano che venivano utilizzati strumenti di pietra per rimuovere la carne dalle ossa, mentre i segni di percussione suggeriscono che le ossa fossero state rotte intenzionalmente per accedere al midollo interno. Il midollo osseo è una fonte di cibo molto nutriente, ricca di grassi, vitamine e minerali. Il consumo di midollo osseo era benefico per i primi esseri umani poiché forniva l’energia e i nutrienti necessari per la sopravvivenza, lo sviluppo del cervello e la crescita complessiva.

Alcuni esempi di siti archeologici con prove di consumo di midollo osseo includono:

  • Swartkrans, Sud Africa: questo sito, risalente a circa 1,8 milioni di anni fa, ha restituito ossa con segni di percussioni, suggerendo che i primi ominidi, come Paranthropus robustus, rompessero le ossa per accedere al midollo osseo.
  • Gola di Olduvai, Tanzania: questo sito, risalente a circa 1,8 milioni di anni fa, contiene ossa con segni di tagli e percussioni, che indicano che le prime specie di Homo, come l’Homo habilis, processavano carcasse di animali e accedevano al midollo osseo.
  • Boxgrove, Inghilterra: questo sito, risalente a circa 500.000 anni fa, ha restituito ossa con segni di taglio e impatto, suggerendo che i primi individui di Homo heidelbergensis consumassero midollo osseo.

Questi esempi dimostrano che i primi Homo sapiens e i loro antenati consumavano midollo osseo, come evidenziato dai segni lasciati sulle ossa trovate nei siti preistorici. Questo comportamento probabilmente ha avuto un ruolo significativo nell’evoluzione umana e ha fornito nutrienti essenziali per la sopravvivenza e lo sviluppo.

Il cervello umano si è sviluppato prima dell’invenzione del fuoco, qualche centinaio di migliaia di anni fa, sembra logico che mangiare il midollo osseo di grandi animali permettesse all’uomo di mangiare facilmente cibo energetico e facile da masticare senza riscaldamento, ma hanno confuso causa ed effetto, il motivo mangiavano il midollo osseo, non perché fosse nutriente, ma perché gli altri animali non avevano la possibilità di rompere le grandi ossa e l’uomo era in grado di procurarsi strumenti per svolgere il compito. L’uomo lavorava duramente per cercare le carcasse e poi rompere le ossa e arrivare al midollo osseo.

I mongoli vivevano di carne e latte

I mongoli classificavano il cibo in due gruppi. Le Ulaan Idee erano cibi rossi, come la carne, consumati principalmente in inverno e primavera. Le Tsagaan Idee erano cibi bianchi, come i latticini, consumati principalmente in estate e in autunno. Le verdure erano considerate un tipo di erba e chiamate “cibo per capre”. I mongoli erano molto disgustati dal fatto che i contadini mangiassero piante che crescevano nella terra e spesso venivano fecondate con escrementi. Oggi l’aspettativa di vita dei mongoli (70 anni) è inferiore a quella dei giapponesi (80 e più), è logico che ciò sia dovuto all’aggiunta di farina, alcol e fumo, comune in Mongolia, e al fatto che non mangiare assolutamente frutta.

Maimonide raggiunse bellissime conclusioni all’insaputa di oggi

b L’uomo non mangerà mai, tranne quando ha fame; E non berrà, se non quando avrà sete.

Incredibilmente accurato. Il corpo sa segnalarci perfettamente.

C (b) Una persona non deve mangiare finché il suo stomaco non è pieno, ma deve mangiare meno di un quarto del suo senso di sazietà. E non berrà acqua nel cibo, ma un po’ e mescolata con vino; E quando il cibo comincia a essere mangiato nel suo intestino, beve ciò di cui ha bisogno. E non dovrebbe bere molta acqua, anche quando ha mangiato il cibo. E non mangerà finché non avrà esaminato attentamente se stesso, per timore di essere trafitto.

Devi mangiare finché non hai più fame. Ogni persona ha una quantità diversa e ciò che mangia è più importante di quanto. La parte in cui è vero che non è bene bere col cibo, né prima né dopo.

D. Una persona non deve mangiare finché non cammina prima di mangiare finché il suo corpo non comincia a riscaldarsi, o lavora, o si dà da fare con qualche altra occupazione. La regola pratica è che il suo corpo risponderà e lui lo toccherà ogni mattina finché il suo corpo non inizierà a sentirsi caldo, e si riposerà un po’ finché la sua anima non si sarà calmata, e poi mangerà. E se dopo un pazzo si è bagnato nel brodo, allora va bene; E poi resta un po’, e mangia.

Non vero. Questa è un’affermazione casuale senza logica e scienza.

E (c) Mai, quando una persona mangia, dovrebbe sedersi al suo posto o inclinarsi a sinistra. E non camminerà, né cavalcherà, né si toccherà, né scuoterà il suo corpo, né camminerà finché non avrà mangiato il cibo che ha nelle viscere; E chiunque viaggi in cerca del cibo o della follia, dopo tutto, porta su di sé malattie gravi e gravi.

Ha senso, ma secondo me è impreciso e non basato sulla scienza o sull’osservazione.

e (d) il giorno e la notte, quattro e venti ore. È sufficiente che una persona dorma tre ore, ovvero otto ore; E saranno alla fine della notte, così che passeranno otto ore dall’inizio del suo sonno fino al sorgere del sole, e sarà trovato in piedi dal suo letto prima che sorga il sole.

Relativamente accurato. Con l’età le ore di sonno diminuiscono. Le tribù avevano circa 7 ore.

7 (e) L’uomo non dovrà dormire né sulla faccia né sulla schiena, ma sul fianco: all’inizio della notte sul lato sinistro e alla fine della notte sul lato destro. E non dormirà vicino al pasto, ma aspetterà dopo aver mangiato per circa tre o quattro ore. e non dormirò durante il giorno.

Non vero. Il sonno preferito è sulla schiena con le ginocchia sollevate. Così dormono gli indiani, sostiene la schiena e respira attraverso il naso.

8 (f) Cose che sono lassative per gli intestini, come uva, fichi, fragole, pere e angurie, e l’intestino delle zucchine e l’intestino dei cetrioli: una persona li mangia prima, prima di mangiare. e non li mescola al cibo, ma resta un po’ finché non escono dalla parte superiore del ventre; e mangiare il suo cibo. E le cose che sostengono l’intestino, come i melograni, le albicocche, le mele e i crostacei, li mangerò subito come suo cibo, e non ne mangerà troppi.

Sono pochi i frutti consigliati da mangiare. Ciò che provoca la diarrea non è certamente adatto all’uomo.

9 (7) Quando una persona vuole mangiare sia carne di pollo che carne di animali, mangia prima la carne di pollo; oltre alle uova e alla carne di pollo, all’inizio mangio le uova; La carne di un animale magro e la carne di un animale grossolano, mangio prima la carne magra: una persona preferirà sempre prima quella leggera e poi quella pesante.

Non vero. È un’invenzione.

10 (8) Nelle giornate calde: mangio cibi freddi e non uso troppe spezie e mangio l’aceto; E nei giorni di pioggia mangio cibo in umido e molte spezie, e mangio un po’ di senape e di scalogno. E così va e opera nei luoghi freddi e nei luoghi caldi, in ogni luogo e luogo, secondo lui.

Un’invenzione.

11 (9) Ci sono cibi che sono estremamente cattivi, ed è giusto che una persona non li mangi mai, come i grandi pesci vecchi salati, il formaggio vecchio salato, i tartufi e i funghi, la carne vecchia salata e il vino dalla sua fermentazione e uno stufato lasciato finché non se ne sia andato l’odore, e qualsiasi cibo che abbia un cattivo odore o molto amaro: dopo tutto, questi sono per il corpo, come l’elisir di morte.

Non vero. I pesci sono ottimi da mangiare, indipendentemente dalle loro dimensioni. È meglio evitare funghi e sale in generale.

12 E ci sono cibi che sono cattivi, ma non come i primi ad essere cattivi; Perciò è opportuno che uno non ne mangi se non poco e dopo molti giorni, e non si abitui a nutrirsi con essi o a mangiarli sempre con il cibo, come pesci grossi, formaggio e latte. munto da ventiquattro ore, e la carne di grandi buoi e di grandi vecchie capre, e fagioli, lenticchie e zaffiro, E pane d’orzo, e pane matzah, e il cavolo, il fieno, le cipolle, l’aglio, la senape e il ravanello: tutti questi sono cibi cattivi.

Parzialmente vero. Tutte le verdure, i legumi, le radici sono velenose per l’uomo. Il latte di capra fermentato ci fa bene. Il latte vaccino è molto problematico per la maggior parte delle persone.

13 Non è opportuno che qualcuno ne mangi se non poco o molto e nei giorni di pioggia; Ma non durante i giorni di pioggia, non ne mangerà affatto. E solo i fagioli e le lenticchie non è opportuno mangiarli, né nelle giornate calde né in quelle piovose. E i Deloin, ne mangerò un po’ nelle giornate calde.

Un’invenzione.

10. E ci sono cibi che sono cattivi, e non come questi; E sono gli uccelli acquatici, e le colombe, e i datteri, e il pane abbrustolito nell’olio o il pane inzuppato nell’olio, e la semola setacciata finché non vi rimanga più odore, e il brodo e il Morais. Non è opportuno mangiarne troppi; E una persona che è saggia e conquista i suoi desideri, e non segue la sua lussuria e non mangia nulla di tutto quanto menzionato, a meno che non lo consumiamo come medicina, quello è un eroe.

Parzialmente vero. Gli uccelli acquatici e i piccioni sono fantastici per noi.

15 (11) Una persona non dovrebbe mai privarsi dei frutti dell’ilana, e non mangiarne molti anche secchi, e non dovremmo dire bagnati; Ma prima che tutti i loro bisogni siano cotti, sono come spade per il corpo. E le carrube, cattive per il mondo. E i frutti del chutney sono cattivi, e nessuno li mangia tranne un po’ nelle giornate calde e nei luoghi dei chummin. E i fichi, l’uva e le mandorle sono buoni per sempre, sia secchi che secchi, e l’uomo ne mangia tutto ciò di cui ha bisogno; Ma mangiarli non durerà, anche se sono migliori di tutti i frutti selvatici.

Parzialmente vero. Le mandorle sono molto velenose per noi.

16 (12) Miele e vino, fanno male ai giovani e fanno bene ai vecchi, soprattutto nei giorni di pioggia. E una persona dovrebbe mangiare nei giorni caldi, due terzi di ciò che mangia nei giorni piovosi.

Il miele ci fa bene. Il vino non ci fa bene.

17 (13) L’uomo si sforzerà sempre di avere l’intestino libero tutti i suoi giorni, e sarà vicino ad un po’ di diarrea. E questa è una grande regola in medicina: finché il male viene evitato o viene eliminato con difficoltà, molti pazienti vengono.

Lungi dall’essere corretto. viceversa. Probabilmente soffriva di qualcosa di simile alla diarrea a causa delle verdure che mangiava. Dovrebbe essere difficile. La scienza lo supporta.

18 E perché un uomo si scioglierebbe lo stomaco, se si sforzasse un po’ – se fosse un giovane – mangerebbe al mattino pani salati conditi con olio e morice e sale, senza un boccone; Oppure berrà l’acqua di una rapa o di una gommalacca di cavolo con olio, sale e spezie. E se era vecchio, al mattino beveva miele mescolato con acqua in un brodo, e rimaneva circa quattro ore, e poi mangiava. Lo farà giorno dopo giorno, tre o quattro giorni se ne avrà bisogno, finché non gli brucerà lo stomaco.

Un’invenzione. L’olio vegetale è davvero tossico per noi.

19 (yd) E un’altra regola hanno detto nella creazione del corpo: Finché una persona si esercita e tocca molto e non è sazia, e le sue viscere sono rilassate, nessuna malattia viene su di lui e la sua forza è rafforzata, anche se mangia i cibi dei cattivi; (10) E chi sta seduto con sicurezza e non fa esercizio, o chi ferma i suoi piercing o chi ha l’udito duro – anche se mangiasse cibi buoni e si prendesse cura di se stesso secondo la medicina, tutti i suoi giorni saranno nel dolore e le sue forze diminuiranno. fallire. E il cibo rude è come l’elisir di morte per il corpo di ogni persona, ed è un alimento base per tutti i malati.

Un’invenzione.

La maggior parte delle malattie che colpiscono una persona derivano solo da cibi cattivi, o perché si riempie lo stomaco e mangia cibi grossolani, anche buoni. Colui che Salomone dice nella sua saggezza, “custodisce la sua bocca e la sua lingua, custodisce la sua anima dall’angoscia” (Proverbi 11:23), cioè custodisce la sua bocca dal mangiare cibi cattivi o dal giurare, e la sua lingua da parlare tranne che nei suoi bisogni.

La maggior parte delle malattie deriva dal consumo di alimenti non adatti all’uomo. Questa è la parte giusta.

16 (16) Il modo di lavarsi: una persona entra nel bagno da sette giorni a sette giorni; E non si avvicinerà al pasto e non quando ha fame, ma quando il cibo comincia a digerire. E bagna tutto il corpo nel brodo che non brucia il corpo, e solo la testa nel brodo che brucia il corpo. E poi laverà il suo corpo nel fusharin, e poi nel fusharin dal fusharin, finché non si bagnerà nel freddo; E non passerà affatto sopra la sua testa, né tiepido né freddo. E non farà il bagno al freddo, nei giorni di pioggia. E non si laverà finché non abbia sudato e tutto il suo corpo sia esausto, e non indugerà nel bagno; Ma quando suda e il suo corpo diventa rigido, si laverà e se ne andrà.

Parzialmente vero. Una doccia fredda ci fa bene. La scienza e la logica lo supportano.

Un pasto sulle spalle dei giganti

Il primo modo che mi è sembrato molto logico è stato quello di Esther Gohkel , che ha scritto anche sulla postura corretta, ma ha risolto il problema guardando come stavano seduti e in piedi gli antichi, e questo era qualcosa a cui non avevo pensato, ma era anche un genio per risolvere cosa dovremmo mangiare, cosa è giusto per noi In generale – guardare cosa mangiavano gli antichi e come si comportavano e si muovevano, non copiare tutto ma usare la logica e copiare ciò che ci fa bene.

Il libro che mi ha spiegato che potrebbe esserci un problema con il grano dopo che non mi sembrava logico che solo alcune persone siano sensibili al glutine è “Wheat Stomach” del dottor William David, l’ho ascoltato su Audible ed è disponibile anche in ebraico.

Un altro libro che spiega la scienza dietro grassi e carne è “Il grande bluff del colesterolo” attraverso il quale capiamo che in realtà il grasso animale ci fa bene e non il grasso vegetale e si collega a ciò che mangiavano gli antichi, quando c’è un crossover tra la logica, la scienza e l’osservazione storica allora c’è una crepa.

Quando ho parlato di questi libri a mio cugino americano, mi ha parlato di un bel libro intitolato “Il paradosso delle piante”, scritto da un cardiochirurgo americano. È stata davvero una svolta. Gendry ha detto che esistono tutti i tipi di tossine in tutti i tipi di radici, foglie e persino cose vegetali in modo che non le mangiamo L’errore di Gendry è stato che ha detto che alcune piante ce l’hanno in modo problematico, ma la verità è che tutte le piante ce l’hanno, lo era davvero un pioniere, ma la raccomandazione del libro avrebbe dovuto essere quella di evitare completamente il cibo proveniente dalle piante, ad eccezione dei frutti maturi e aspri, l’ammollo e la germinazione che riducono significativamente le tossine di cui una famiglia è costituita dai lattani.

È stato incredibilmente sorprendente, ma quando ho studiato le tossine ho scoperto che aveva ragione, quando ho tolto le piante dal mio menu i fastidiosi dolori di stomaco che avevo erano completamente scomparsi. Puff se ne sono andati. E poi c’è stata una straordinaria combinazione di scienza, logica e un esperimento personale su me stesso, che si è incrinata in una dieta libera. Dopodiché mi sono imbattuto in una conferenza di un medico australiano davvero in gamba, Paul Mason, che come me va con ciò che è giusto e non con la corrente, spiega in modo scientifico quali effetti fanno le tossine vegetali sul nostro corpo. Il suo modo è diverso dal mio perché si basa solo sulla scienza senza molta logica ed evoluzione, combiniamo tutto anche se sono debole nelle scienze biologiche, ma so riconoscere uomini saggi come Paolo, che eccelleva nell’eucaristia università in Australia, e sì, queste cose sono importanti e dicono molto.

In ogni libro che ho letto, una conferenza da Internet, di solito al 70% vera e al 30% falsa, è necessaria una diagnosi seria per ricavare da ogni libro ciò che è vero, ed è così che ho messo insieme Free Nutrition.

Bel controllo per il cibo

È possibile mangiare il cibo senza cucinarlo, riscaldarlo o utilizzare un processo chimico senza che risulti amaro, acido o piccante?

Se la risposta è sì, allora è un alimento “gratuito” e adatto all’uomo!

Certo è meglio mangiarli cotti, ma questo solo per verificare se il cibo è adatto all’uomo. Questo non significa non mangiare gli altri cibi. È solo uno strumento che chiarisce cosa è adatto a noi. L’uomo ha iniziato ad utilizzare il fuoco nelle ultime centinaia di migliaia di anni rispetto a diversi milioni di anni di evoluzione, se un certo alimento non può essere mangiato senza cottura o riscaldamento significa che è entrato nella nostra dieta “recentemente” come pane, vegetali e simili.

  • Tutti i tipi di carne possono essere consumati crudi, quindi adatti all’uomo.
  • Frutti maturi – non è necessario alcun intervento, quindi adatti all’uomo.
  • Pesci: i pesci che si muovono sono commestibili, quindi adatti all’uomo.
  • Cereali: non puoi mangiarli senza cucinarli o cuocerli al forno. quindi non adatto all’uomo.
  • Foglie: amare o acide, quindi non adatte all’uomo.
  • Noci – solitamente un po’ amare, quindi non adatte all’uomo.
  • Legumi – duri e amari senza cottura e anche tossici, quindi non adatti all’uomo.
  • Latte – si può bere il latte direttamente dalla capra, quindi adatto all’uomo. Anche il latte vaccino, ma molte persone sono sensibili ad esso a causa della sua differenza rispetto al latte che bevono da migliaia di anni.
  • Verdure: la maggior parte sono crude, amare o piccanti, non adatte all’uomo.